Disponibile TLP 1.2: tool per gestire al meglio la batteria del vostro laptop

battery

In questi anni gli sviluppatori del Kernel Linux hanno lavorato molto per cercare di ridurre i consumi energetici e quindi aumentare l’autonomia dei pc portatili. TLP è un progetto che va a migliorare i consumi energetici del nostro pc portatile operando sulle varie frequenze del processore, imponendo una migliore gestione delle performance su pc multi core oltre ad agire su alcuni componenti come scheda Wi-Fi, hard disk, PCI Express, unità ottiche etc. TLP 1.2 è finalmente disponibile dopo oltre un anno di sviluppo. Di fatto si tratta di un command line tool avanzato per la gestione della batteria (power management) su Linux.

È progettato per essere installato, configurato e poi dimenticato: TLP si occupa automaticamente di tutto. TLP è altamente configurabile, quindi potete modificarlo in base alle vostre esigenze specifiche, sia attraverso la modifica del file di configurazione (/etc/default/tlp), sia utilizzando TLPUI, una GUI di terze parti per TLP (installabile da PPA in Ubuntu o Linux Mint).

TLP: vediamo come funziona

Il tool rileva automaticamente se il vostro pc sta funzionando a batteria o in modalità AC e, in base a ciò, applica impostazioni differenti. Quando il laptop si trova a dover usare la batteria TLP applica alcune tecniche per risparmiare la batteria, ad esempio abbassa automaticamente la frequenza operativa della CPU e della GPU e il Wi-Fi viene impostato in modalità “power saving”. Questa la lista completa dei parametri su cui agisce il tool, che riporto direttamente in inglese in quanto la traduzione renderebbe il tutto meno comprensibile:

  • Kernel laptop mode and dirty buffer timeouts
  • Processor frequency scaling including “turbo boost” / “turbo core”
  • Limit max/min P-state to control power dissipation of the CPU – intel_pstate only
  • HWP energy performance hints
  • Processor performance versus energy savings policy (x86_energy_perf_policy)
  • Hard disk advanced power magement level (APM) and spin down timeout (per disk)
  • AHCI link power management (ALPM) with device blacklist
  • AHCI runtime power management for host controllers and disks (EXPERIMENTAL)
  • PCIe active state power management (PCIe ASPM)
  • Runtime power management for PCIe bus devices
  • Intel GPU frequency limits
  • Radeon graphics power management (KMS and DPM)
  • Wifi power saving mode
  • Enable/disable integrated radio devices (excluding connected devices)
  • Power off optical drive in UltraBay/MediaBay
  • Audio power saving mode

Nella sezione “Terminal Commands” del sito ufficiale viene spiegato come abilitare (o disabilitare) tutte queste impostazioni.

TLP 1.2 introduce il supporto per NVMe, per i dischi removibili (USB, dispositivi IEEE1394, etc) e introduce diverse migliorie che ne estendono le funzionalità. Con questa nuova versione 1.2 segnalo che il comando tlp stat non è più supportatod. Usate tlp-stat(dopo aver ottenuto i permessi di root).

La lista completa delle novità di questa release è disponibile, al solito, su GitHub.

Installazione TLP 1.2

Il codice sorgente può essere scaricato dalla pagina GitHub del progetto. TLP è disponibile in diverse distribuzioni GNU/Linux, tra cui: Debian, Ubuntu, Linux Mint, Arch Linux, Fedora openSUSE e moltre altre e può essere installato dai repositories come spiegato sul sito ufficiale.

La versione 1.2, in realtà, ad oggi è disponibile solo su Arch Linux e in un PPA gestito dagli sviluppatori di TLP per distro Ubuntu / Ubuntu-based (come Linux Mint o elementary OS).

Per usare tale PPA date i seguenti comandi:

sudo add-apt-repository ppa:linrunner/tlp
sudo apt update
sudo apt install tlp tlp-rdw

Dopodichè per avviare TLP date il seguente comando:

sudo tlp start

In ogni caso, per ulteriori dettagli sull’installazione, vi rimando al sito ufficiale dove è spiegato tutto passo passo.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram e sulla nostra pagina Facebook. Inoltre è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo! Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.