GitLab: boom di utenti dopo l’acquisizione di GitHub da parte di Microsoft

0
338
gitlab

Nella giornata di ieri vi abbiamo annunciato l’ufficializzazione dell’acquisto di GitHub da parte di Microsoft per 7.5 miliardi di dollari pagati in azioni Microsoft. GitLab, per chi non lo sapesse, è una piattaforma on-line basata su Git, che facilita lo sviluppo collaborativo di firmware e software, semplifica il lavoro distribuito mettendo a disposizione una piattaforma centralizzata. GitLab è stato fondato nel 2011, tre anni dopo GitHub, del quale è la naturale alternativa free e open-source.

I rumours circa l’acquisizione di GitHub si susseguivano ormai da qualche giorno e questo ha comportato lo spostamento di migliaia di progetti da GitHub a GitLab. Potete osservare voi stessi il tracker in tempo reale. Solo Lunedì mattina sono stati importati 13,000 progetti in un’ora.

GitLab alla ribalta

gitlab progettiIl CEO e co-founder di GitLab Sid Sijbrandij ha affermato che la migrazione è in corso da ormai una settimana. “In una settimana abbiamo importato oltre 50,000 progetti. Abbiamo già incrementato per ben 3 volte il numero dei server totali“, queste le sue parole.

Chiaramente 50,000 progetti è un numero piccolo se rapportato agli oltre 80 milioni di progetti ospitati da GitHub ma bisogna verificare se questo trend proseguirà nel tempo. Se si dovesse verificare un continuo e deciso spostamento di sviluppatori e progetti da GitHub a GitLab chiaramente sarebbe un brutto colpo per Microsoft.

gitlab projects

Il motivo dietro lo spostamento dei progetti da GitHub a GitLab in realtà non ha un vero motivo, almeno per ora, se non una semplice reazione (leggasi odio) da parte della community nei confronti di Microsoft. Da quando Nadella è CEO dell’azienda la casa di Redmond ha cambiato atteggiamento nei confronti del software open source ed è quindi difficile pensare che possa in qualche modo arrecare un danno alla community.

Una tematica che Microsoft dovrà certamente affrontare è quella della “moderazione” nei confronti dei progetti eticamente discutibili che ad oggi sono permessi su GitHub.sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.