Matthias Clasen ha annunciato la disponibilità di GNOME 3.28.2, seconda point release di GNOME 3.28.

Arriva un mese dopo la prima point release e introduce un importante lavoro di bug fixing e improvements che rendono il desktop environment ancora più stabile. Non sono state aggiunte particolari nuove funzioni.

GNOME 3.28.2: fixato il memory leak

gnome 3.28.2 mem leakUn mese e mezzo fa vi abbiamo parlato di un (grosso) problema che affligge(va) GNOME Shell. Si tratta(va) di un memory leak che si verifica(va) su diverse distro Linux. Un memory leak è un particolare tipo di consumo non voluto di memoria dovuto alla mancata deallocazione dalla stessa.

Questo memory leak portava a una crescita ingiustificata del consumo di memoria da parte di GNOME (come si evince dal video sopra). Cito alcuni esempi:

  • Circa 70MB consumati allo start-up;
  • ~95MB dopo averlo usato per qualche minuto;
  • ~250MB dopo aver aperto l’icon grid (con ~90 icone);

Il problema è stato definitivamente risolto.

Sono molto felice di annunciare il rilascio di GNOME 3.28.2, include migliorie alla documentazione, bug-fixing e la chiusura del memory leak di cui tanto si è parlato” queste le parole di Clasen.

Tutti gli utenti di GNOME sono invitati ad aggiornare il sistema al più presto. Se non volete attendere l’arrivo di questa versione di GNOME nei repo della vostra distro di riferimento potete scaricare e compilare il codice.

Per ulteriori dettagli vi rimando alle note di rilascio. Gli sviluppatori concentreranno ora i loro sforzi su GNOME 3.30 che dovrebbe essere rilasciato, salvo disguidi, il 5 Settembre 2018.

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

No more articles