Annunciati Linux Mint 19 e Linux Mint Debian Edition 3

linux mint

Lefebvre e il suo team sono al lavoro su Linux Mint 19 e Linux Mint Debian Edition 3.

Il leader del progetto Linux Mint, Clement Lefebvre, ha rivelato i piani futuri per la derivata di Ubuntu. Tutte le edizioni di Mint 18.3 “Sylvia” sono state rilasciate e quindi gli sviluppatori inizieranno presto a lavorare sulla prossima major release di Linux Mint e su LM Debian Edition.

Linux Mint 19 sarà basato su Ubuntu 18.04 LTS (Bionic Beaver) mentre Linux Mint Debian Edition 3 sarà solo un’immagine aggiornata della rolling distro che conterrà tutte le patch e gli aggiornamenti rilasciati nelle ultime settimane.

Annunciati Linux Mint 19 e Linux Mint Debian Edition 3

linux mint debian edition 3

Buone feste a tutti! Il 2017 è ormai alle spalle, abbiamo completato tutti i rilasci che ci eravamo prefissati e questo periodo è importante per ricaricare le batterie in vista di un nuovo ciclo di sviluppo che ci attende per il 2018. Abbiamo due importanti obiettivi all’orizzonte: Linux Mint 19 e LMDE 3” queste le parole di Lefebvre.

Essendo basato su Ubuntu 18.04 LTS (Bionic Beaver) anche Linux Mint 19 riceverà 5 anni di supporto continuo da parte dei devs. Come sapete la versione LM KDE è stata ufficialmente abbandonata pertanto saranno presenti ‘soltanto’ le edizioni Cinnamon, MATE e Xfce.

Il leader del progetto ha voluto ringraziare tutti quanti hanno contribuito con le traduzioni, l’installation guide di Linux Mint è ora disponibile in una moltitudine di lingue tra cui ovviamente figura anche l’italiano.

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

13 Commenti

  1. Hanno creduto ed investito in Cinnamon, logico che alla lunga KDE ne fosse un “doppione” nei propositi. Mate/XFCE per un pc datato, Cinnamon per una macchina moderna (punto)

    • Io la usavo ed ero felice e soddisfatto, mi piace molto come edizione, peccato che come dici tu non abbia avuto un numero di utenza che ne giustificasse l’esistenza. Però davvero nella mia esperienza con KDE per “me” era la migliore. Adesso sto provando la bellissima Manjaro KDE, per la prima volta in vita mia uso una distro Arch. Anche se derivata, e questo per la perdita di Mint KDE.
      (Fosse per me taglierei via anche l’edizione xfce, basta e avanza Mate.)

    • Anche per me era l’unica distro KDE che digeriva la mia scheda audio Intel senza fare “saltellare” qualunque brano su YouTube, quindi sono assai amareggiato. E concordo con Edmond, sarebbe stato più utile tagliare Xfce o Mate direttamente

    • non ho mai usato kde, per cui la notizia mi resta neutrale. Piuttosto avrei tolto xfce, la cui esistenza secondo me non ha ormai molto senso.. insomma, le differenze tra quello e mate, in termini di risorse, sono veramente minime

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here