Disponibile Linux Mint 18.3 “Sylvia” nelle edizioni Cinnamon e MATE

linux mint

Linux Mint 18.3 “Sylvia” è ufficialmente disponibile.

Linux Mint 18.3 “Sylvia” è l’ultima edizione di Mint, si basa su Ubuntu 16.04.3 LTS (Xenial Xerus) e usa il kernel 4.10 di default. Nel momento in cui scrivo gli sviluppatori non hanno ancora pubblicato l’annuncio ufficiale del rilascio di Sylvia. Tuttavia è già possibile scaricare le ISO dai mirror FTP sia per la versione Cinnamon, basata su Cinnamon 3.6, che per la Mate edition, basata su MATE 1.18.

Disponibile Linux Mint 18.3 “Sylvia” nelle edizioni Cinnamon e MATE

mint 18.3 Sylvia cinnamon

Entrambe le release vanno ad aggiornare diversi componenti e sono di fatto un raffinamento rispetto a Mint 18.2. Presenti anche alcune novità: dal login screen configurabile al nuovo tool per la creazione di Snapshots di sistema, chiamato Timeshift. Il tool per effettuare i backup dei vostri dati è stato migliorato e rivisitato. Segnalo poi l’introduzione di uno strumento che aiuterà gli utenti nella risoluzione dei problemi e si occuperà della raccolta dei crash di sistema.

Le app pre-installate sono aggiornate all’ultima versione disponibile.

Ci sono poi diverse piccole migliorie implementate in questa release che analizzeremo più a fondo quando sarà disponibile il changelog ufficiale.

Essendo basato su Ubuntu 16.04 LTS anche Mint 18.3 “Sylvia” godrà di ben 5 anni di supporto, fino al 2021.

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

15 Commenti

  1. Ottimo! Dopo essere rimasto piacevolmente sorpreso da Ubuntu MATE 17.10, ero proprio curioso di provare anche Mint MATE 18.3. Intanto me la scarico, poi in settimana la proverò di sicuro.

        • Parlo per esperienza personale non conoscendo il tuo hardware e capacità Linux ,dopo xfce cinnamon e budgie sono le mie de preferite ma per i neofiti e utente normale soprattutto con notebook installo ubuntu mate con interfaccia redmond ,mai un problema,leggero e compatibile con quasi tutto,invece con mint ho avuto problemi con gli aggiornamenti (forse non sono io capace di settarlo:))poi visto che i problemi di sicurezza in passato per ora preferisco altro ,importante che usi Linux e software open 🙂

          • In realtà non c’è molta differenza. Tuttavia se Ubuntu MATE 17.10 ha fatto un notevole passo in avanti rispetto alla 16.04, Mint MATE è praticamente quasi uguale a prima. Anche se… il software center che era già il suo punto di forza, è migliorato ulteriormente. E’ così completo che mi è bastato aggiungere solamente il repository “GetDeb” (per un solo programma), dopodiché avevo proprio tutti i miei programmi preferiti. Inoltre anche le applicazioni flatpak sono veramente fantastiche! Io ad un neo utente proveniente da Windows lo consiglierei vivamente e non solo per l’aspetto che è già settato per assomigliarci. Comunque queste sono solamente le prime impressioni a caldo… per dare un giudizio vero e proprio bisognerebbe usarlo costantemente per un periodo prolungato. Cosa che non potrò fare, ma ripeto, è tutto da provare!

          • La differenza io la vedo nella gestione degli aggiornamenti, tutto qui, per i resto il tool di backup e driver su mint e migliore

          • Mint, come detto qui da qualcuno, è molto meno invasivo di Ubuntu in tema di aggiornamenti, ma poi lo trovo molto più versatile!

          • Ci sono vari livelli di aggiornamenti in Mint. A me piace perche’ non e’ cosi’ invasivo e non impone obblighi di dover sempre come accade in Ubuntu. Ti lascia liberta’ d’ azione.

  2. Linux Mint, come sempre, continua nel suo ottimo processo di sviluppo e sono assai curioso di provare anche il 18.3 non appena sarà ufficiale 😀

  3. Cinnamon da per nuova feature la possibilità di sincronizzare google calendar come su gnome, qualcuno ha provato? me lo conferma?
    perchè io ho provato in live, ma non ci sono riuscito. Ho inserito i dati in accounts, ma non si sincronizzava.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here