Dopo sei mesi di lavoro GNOME 3.26 Manchester è finalmente disponibile.

GNOME 3.26 è stato soprannominato Manchester dopo che la città inglese è stata scelta come sede della GUADEC (GNOME Users And Developers European Conference), annuale conferenza degli sviluppatori.

Quest’anno, il 15 Agosto, il GNOME Project ha celebrato il suo 20esimo anniversario e per festeggiare ha creato per noi utenti la versione di GNOME migliore di sempre.

Disponibile GNOME 3.26 Manchester: ecco le novità

builder debugger gnome 3.26 Manchester

In GNOME 3.26 troviamo diverse migliorie per app e core components, incluso il GNOME stack. Supporto per le emoji, migliorie per Flatpak, un Control Center completamente rivisitato che ora si chiama semplicemente “Settings”.

“Siamo felici e orgogliosi di annunciarvi GNOME 3.26. Abbiamo introdotto diverse novità, dal supporto per le emoji, che potranno essere inserite nelle chat, nei messaggi e ovviamente nei documenti fino all’IDE Builder che è migliorato sensibilmente e vanta una nuova interfaccia e un nuovo debugger (foto sopra)”

GNOME Shell riceve un layout tutto nuovo, sono presenti poi grosse migliorie per Wayland ed è ora possibile rendere trasparente la top bar. L’app Photos presenta nuovi controlli per lo zoom e l’app Maps vi permette di passare dall’aerial view alla street view attraverso uno shortcut da tastiera, migliorato anche il System Monitor. L’app Boxes vi permette ora di condividere le cartelle tra guest e host, Epiphany arriva con il supporto per Firefox Sync e l’app Calendar supporta gli eventi ricorrenti. Il desktop environment è stato poi ottimizzato per gli schermi HiDPI.

GNOME 3.26 introduce diverse migliorie anche ad altre app quali Logs, Evolution, Polari, Software, GTK+, GJS ed Evolution-Data-Server. GNOME Tweak Tool si chiama ora Tweaks.

L’arrivo nei repositories della vostra distribuzione non sarà immediato ma entro un mese tutti dovrebbero poter utilizzare quest’ultima release di GNOME. Le rolling release quali Arch, OpenSUSE Tumbleweed o Solus riceveranno GNOME 3.26 quando sarà rilasciata la prima point release, attesa per il 4 Ottobre.

 Ubuntu 17.10 (Artful Aardvark) atteso per il 19 Ottobre dovrebbe avere GNOME 3.26 installato di default. Per ulteriori dettagli vi rimando all’annuncio ufficiale.

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • questa sembra una release molto interessante, peccato che su debian 9 non lo avrò mai xD e prima che arriverà su testing passerà molto tempo (non so neanche se è arrivato gnome 3.24)

    • Fenix

      Ti Consiglio di provare manjAro gnome. Mi ha sorpreso in tutto. Molto completa, aggiornata e stabile. Poi trovo pacman e yaourt fenomenali. E cmq sicuro si aggiornerà a a gnome 3.26 essendo rolling

      • ChiariShow

        ma è su base xorg e non wayland dunque per esempio non supporterà bene l’hidpi di quest’ultima release gnome

        • Fenix

          si io sono su xorg. però credo che non ci siano problemi ad installare wayland..

      • majaro non mi fa impazzire, comunque sono stato diversi anni con archlinux, adesso ho voluto un po cambiare tornando in ambienti che fanno meno avanzamenti di versione e debian mi piace un sacco

        • Fenix

          ma parli di debian stable?

          • si sono a debian stable ora.
            in effetti è un po traumatico passare da arch a debian stable xD sono l’esatto opposto

          • Fenix

            Immagino li hai la massima sicurezza e stabilità a discapito delle nuove funzionalità.. Ecco perché preferisco manjAro

          • alex

            più che altro lì c’è un inutile fobia verso i cambiamenti

          • non è un’inutile fobia ai cambiamenti è per preservare la stabilità dei software, così sai per certo che ciò che funziona oggi, funzionerà anche tra 2 anni.
            su archlinux i cambiamenti radicali che portano incompatibilità non sono rari, ma ad esempio mi è capitato che un aggiornamento del server lamp mi ha portato grossi problemi al webserver, non riuscivo più ad avviare il server sul notebook perchè c’era un’incompatibilità tra php ed apache, tutto questo è successo dall’oggi al domani e se con quel pc ci lavori/studi è una gran seccatura, e siccome era una novità sono stati un paio di giorni con il web server non funzionante poi finalmente è uscita la procedura da fare per far rifuzionare tutto, ma intanto ho perso tempo.
            per carità io adoro archlinux pacman e aur sono fantastici, però per queste cose a volte si sente la mancanza di distro più “stabili” (con stabile intendo che non ha cambiamenti e non “assenza di crash” perchè anche archlinux da questo punto di vista non ha problemi).
            così come su debian stable si sente la mancanza di aggiornamenti, gia mi dispiace non avere gnome 3.24 così come mi dispiace dover scaricare firefox e thunderbird dal sito di mozilla per avere l’ultima versione e non l’ultima versione ESR (potrebbero anche degnarsi di includere nei repo ufficiali anche firefox e thunderbird non ESR).
            oppure altri “problemi” delle rolling è la questione driver proprietari, ormai il problema non c’è più perchè nvidia si aggiorna e amd rilascia i driver open, però quando ancora c’era il driver proprietario catalyst quando su arch si è passati ad xorg 1.18 per installare il driver proprietario bisognava prendersi da aur xorg 1.17 e installare da aur il driver patchato per funzionare con il kernel nuovo, quindi era uno sbattimento, sulle distro non rolling non avevi problemi perchè se era nata con xorg 1.17 mantiene quello fino alla fine

          • Fenix

            Concordo sulla stabilità di Debian e coerenza di tutti i pacchetti. Cmq manjAro la sto provando da circa una settimana e non mi ha dato nemmeno un piccolo crash. Merito anche di gnome, molto stabile a mio avviso rispetto a kde. Cmq aggiornano si, ma non è che ti arrivano pacchetti testing, o decine e decine di update al giorno. Un minimo di test lo fanno. Lo ripeto non sarà mai sicura e stabile come Debian. Però hai tutto il software più recente con tutti i pro, e naturalmente tutti i contro:-)

          • alex

            parlo di fobia perchè per me esasperano troppo la cosa, non perchè sia sbagliata l’idea in sè 🙂
            Su arch probabilmente sarò stato stra fortunato ma per via del fatto che il notebook su cui l’ho installata lo uso abbastanza poco mi ritrovo a fare aggiornamenti a diversi mesi di distanza e magicamente ancora tutto funziona (a parte che sarà sicuramente pieno di file pacsave e pacnew da sistemare… 😀 )

          • alex

            tra l’altro diversi amici sistemisti sono passati felicemente ad arch sui loro server, tanto aggiornano quando gli serve sapendo cosa vanno a toccare e possono così avere le ultime release dei pacchetti che gli interessano con relativa risoluzione di problemi ed eventuali falle di sicurezza.

          • luX0r.reload

            Intrepidi i tuoi amici sistemisti!
            In 20 anni non mi è mai capitato di vedere una rolling su un server di produzione 😀

          • alex

            probabilmente non hanno sarver così critici 🙂

            immagno che tutte le cose vadano considerate nell’ambito specifico, c’è dove non si possono avere assolutamente problemi come anche situazioni in cui possono diventare più importanti altri aspetti. Ad esempio su server di produzione si ha anche accessi molto più limitati di solito, almeno credo

          • Ma si si alla fine funziona tutto però ti dico ad esempio con lamp avevo avuto un grosso problema che mi ha tenuto fermo qualche giorno.
            per il resto instabilità non ci sono, il sistema funziona bene però queste cose anche e rare fanno fastidio.

          • Simone Picciau

            Premetto che anche io uso Debian stable dopo aver abbandonato Fedora. Non vorrei parlare di “fobia” verso i cambiamenti, e apprezzo molto la qualità di Debian, comunque è innegabile che la scelta di mantenere pacchetti non molto recenti sia esagerata. Capisco il kernel e lo userland GNU, ma altre cose possono essere avanzate. Se controlli su distrowatch vedrai che anche FreeBSD 11-STABLE fornisce nei propri repository pacchetti più recenti di quelli di Debian (esempio: Firefox, GIMP, freetype, Python)

          • ma infatti secondo me alcuni pacchetti DOVREBBERO essere sempre aggiornati.
            ok capisco la scelta di mettere di default firefox ESR (capisco meno il fatto che l’aggiornamento tra una ESR e l’altra avviene molto dopo del rilascio dell’ultila ESR), ma almeno mettessero nei repo ufficiali anche firefox non ESR, non credo che tutti gli utenti debian vogliano lavorare in un ecosistema stabilissimo dove non si aggiorna niente, almeno il browser deve aggiornarsi visto anche che firefox ultimamente migliora parecchio, e nelle ultime versioni è cambiato in meglio, usare ancora firefox ESR se non si ha la necessità di un browser “vecchio” non ha senso.
            al massimo capisco software come libreoffice che non si aggiornano, quello può avere senso perchè magari da una versione all’altra potrebbe cambiare qualcosa che crei qualche problema di visualizzazione dei documenti (anche se in teoria usando estensioni open non dovrebbero esserci problemi visto che quelli sono standard e non come gli “standard” proprietari di microsoft che sono fatti per funzionare solo sulla suite micrsoft (e anche li passando da una versione all’altra di office a volte ci sono problemi).
            invece non uso professionalmente software come gimp o blender, quindi non saprei se un loro aggiornamento può comportare problemi, ma per il mio uso direi che problemi ad aggiornarsi non ce ne sono quindi per me li potrebbero pure aggiornare.

        • SalvaJu29ro

          Come mai? Hai avuto problemi con Arch?

          • non proprio, o meglio ho avuto un problema col server lamp che dopo il passaggio a php7 ha smesso di funzionare apache e per un paio di giorni ero rimasto fermo senza poter usare il webserver sul mio notebook, poi è uscita fuori la procedura da fare per sistemare, ma avevo cambiato così per riprovare un po debian dopo anni di arch, ma arch rimane la mia distro preferita assieme a debian 🙂

      • Aster

        Provo ma penso subito dopo metto cinnamon:)

        • Fenix

          Be si il sottosistema quello è 🙂 alla fine cambia il desktop manager

          • Aster

            Si ma preferisco antergos rispetto a manjaro

  • Simone

    Avevo appena detto “basta, adesso non smanetto più sulla workstation” e questi rilasciano la versione più ficherrima di sempre 🙁

  • alex

    “XXXX migliore di sempre” ma quanto mi sta sulle balle ormai questa espressione 🙁
    è il peggior modo di dire di sempre!

    • Fenix

      Apple insegna…

      • wolfmobo

        appunto, è una minchiata inascoltabile, condivido

    • matteuz

      Quoto alla grandissima, anzi, con il mioglior “quote” di sempre!

    • xan

      veramente è una presa in giro di apple per via del fatto che l’hanno rilasciata vicino al WWDC di apple………. c’ho mezzo kilo di ironia da parte, ve vuoi un po?

      • alex

        ironico lo era magari le prime due o tre volte che lo sentivi ma poi rompe… poi per carità, se a te diverte ancora

  • Aster

    Il tifo Liverpool.Passo

No more articles