Tutti ci troviamo un giorno o l’altro a dover sistemare la cartella ~/Foto, PhockUp è il tool che può aiutarvi nell’ardito compito.

La fotocamera e le foto su Whatsapp. Le foto su Telegram e gli Screenshot. Le foto con la GoPro, le foto con la reflex. Quella delle foto è ormai una vera e propria mania soprattutto tra i giovani. Tutti si trovano, prima o poi, a dover salvare ed organizzare la montagna di fotografie che facciamo (e ci facciamo) tutti i giorni. I risultati spesso sono da mani nei capelli.

C’è chi le salva e le organizza certosinamente sul pc, c’è chi fa il backup su iCloud sperando che lo spazio non termini mai, c’è chi semplicemente le perde perchè non vuol sentir parlare di backup “Backup? Cos’è il backup?“.

Oggi voglio parlarvi di un piccolo tool che facilita la vita a chi vuole organizzare le proprie fotografie in base alla data senza perdere due giorni davanti al pc.

PhockUp: un tool intelligente per organizzare le vostre foto

phockup cli-app

Se quello che vi serve è avere le vostre foto organizzate in base alla data di scatto potete provare PhockUp. PhockUp è una command line app che copierà e ordinerà le vostre foto organizzandole secondo lo schema /anno/mese/giorno.

La pagina Github descrive il tool come “un tool per organizzare foto e video in base alla data. Il software organizzerà i file della directory di input sistemandoli in una directory di output da voi selezionata. Il programma modificherà il nome dei file per piazzarli correttamente in base all’anno al mese e al giorno di scatto“.

Per installare PhockUp su Ubuntu 16.04 LTS e su tutte le altre distro che supportano gli snap aprite il terminale e date:

  • sudo snap install phockup

Una volta installata potete usare le app mediante la seguente sintassi:

  • phockup INPUTDIR OUTPUTDIR

dove “INPUTDIR” è la directory contenente le foto da riorganizzare e “OUTPUTDIR” la directory di destinazione.

Semplice e intuitivo.

Trovate ulteriori dettagli sulla pagina ufficiale del tool.

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • Kim Allamandola

    Come già scritto (e accettato dallo sviluppatore) non c’è alcun obbligo per 8Kb di script di tirarsi giù una copia di python3, exiftools ecc si può benissimo scaricare il solo phockup. py e fare un alias (o dargli opzionalmente permessi di esecuzione). Qui paste2. org/pcndFte2 ho scritto due info a tema.

    Capisco che oggi vada di moda far torri di babele ma se siamo informatici o anche meri utenti di computer ma con quel minimo quid che serve per usare una shell cerchiamo di non trovar normale far certe porcate solo perché qualche azienda le spinge e con buon marketing le fa pure sembrar buone idee ai meno preparati.

    Pensate cosa si può fare con uno script (banalmente wrapparlo in una GUI, integrarlo in una GUI, estenderlo, modificarlo ecc) e NON si può fare, almeno se non con parecchia fatica con uno snap/flatpack ecc. Pensate a cosa si può fare in Emacs (e a cosa si poteva fare sulle LispM) e non si può fare se non con immani difficoltà sulle “piattaforme” ed “os” recenti. Abbiamo già perso tanta tecnologia per mera ignoranza e marketing, non perdiamo anche le ultime libertà che ci restano.

No more articles