Cosa succede quando un team di Designer costruisce la propria distro? La risposta è Nitrux.

Nitrux è una distribuzione focalizzata sul design. Per rendersene conto basta entrare nel sito ufficiale della distribuzione dove noterete subito la grafica, curata e fatta decisamente bene. Nitrux si basa sul desktop environment Nomad, costruito partendo da KDE Plasma 5 e Qt. Può essere considerata una derivata di Ubuntu anche se è molto diversa dai classici flavor.

Nitrux: la distro più bella

nitrux

Avete già sentito in passato il nome Nitrux? Non vi state confondendo. Esisteva un’altra distro con il medesimo nome sviluppata dallo stesso team. Anche la vecchia distribuzione era basata su Ubuntu e su KDE 4 come DE.

La vecchia versione è stata cancellata e gli sviluppatori hanno deciso di ripartire con questa distro chiamata Nitrux 1.0.

Nitrux era giunto alla versione 7.15 e si basava su Ubuntu 15.10. Abbiamo cessato lo sviluppo a causa di grossi problemi con systemd e networkmanager. Questa nuova edizione, così come la precedente, si basa sul development channel di Ubuntu sugli aggiornamenti del team di Plasma e sul nostro software” queste le parole degli sviluppatori.

Potete dare un’occhiata a Nitrux in questo video:

Ecco alcune funzioni caratteristiche:

  • Firewall proprietario con la possibilità di introdurre le proprie regole;
  • Basato sul concetto di universal packaging (Snap);
  • E’ una sorta di rolling release;
  • Disponibile solo per sistemi a 64 bit.

I requisiti consigliati sono i seguenti:

  • 2.66 GHz quad-core CPU o superiore;
  • 4 GB di RAM;
  • 3.5 GB di spazio su disco.

Potete scaricare la ISO direttamente dal sito ufficiale, pesa 1.1 GB.

Vi consiglio di usare Unetbootin per creare un disco avviabile perchè il tool integrato in Ubuntu dà problemi.

Download

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • Aster

    Appena ho tempo provo finalmente kde e questa distro

  • user1

    Se ne sentiva proprio la mancanza.

  • ldm85

    bellissima si! per gli utenti amanti di kde, per utenti gnome che hanno Pc xiaomi consiglio di tenere d’occhio eMod OS.

    • Luca Cavedale

      onestamente preferisco kde cosi com’è

  • faccio notare che ” grossi problemi con systemd e networkmanager.”…

    Systemd continua a dimostrarsi una piaga… e Networkmanager, è di fatto inutile senza systemd….

    • ekkekkk

      la piaga sei tu.
      Ma basta!!! LOL

      • loki

        non vedo quale sia il problema, systemd è talmente ben visto che nei campi di ricerca su distrowatch sotto la voce init accanto ai vari sistemi c’è pure la voce “not systemd”. dai al popolo ciò che il popolo vuole

        • tom

          perfetto, clicca su quella e non rompere!

          • loki

            l’unico che sta rompendo qui sei tu

  • DeeoK

    Che sia la più bella è estremamente opinabile.

    • Cristian P.

      Già… Non mi pare che sia chissà cosa.

  • N1C0

    il bianco è molto elegante e pulito, ma la dark mode non si batte

    • Aster

      Concordò,anche lo sfondo del desktop lo tengo senza a colori accessi

  • leonardo

    Per firewall proprietario si intende scritto da zero o closed source?

    • michele

      E’ la stessa domanda che mi sono posto. Non che ci sia niente di male, ma un componente cosi delicato close source mi lascia al quanto sorpreso

      • alex

        Dal sito “Nomad Firewall is an open source application…”, quindi nessun problema. Avranno fatto una loro interfaccia o boh, magari e scritto dopo ma mi sono fermato

  • masand

    Mi piace l’idea di avere tutto “snap”, lo sforzo di dare un aspetto coerente all’ambiente e un aggiornamento rolling, mettiamoci poi che è tutto di default e abbiamo un bel valore aggiunto. Ma la differenza con Neon per esempio? Ok quest’ultima è basata su Ubuntu e i deb… e se questo proprio non ci piace potrebbe essere un problema, ma dal lato estetico, KDE permette di fare ben altro se si vuole, soprattutto avere un desktop originale e gradevole senza per forza scimmiottare MacOS… 🙂

  • mat

    L’unica distro con una interfaccia coerente è Elementary OS. Peccato abbia altri problemi…

  • giocitta

    Sono curioso di vedrela in azione, ma non riesco a installarla nel mio desktop (ASUS Prime Z720-A; i7-7700K 4,2GHz; 32GB ram DD4; SSD Samsung Evo) dato che l’installer non mi funziona e da riga di comando del liveCD non sembra possibile farlo. A qualcuno più esperto di me è riuscito?

  • vivaio

    ci sono distro che nascono per necessità particolari… ma che ci fosse davvero bisogno di crearne un’altra solo per renderla sbrilluccicante.. mah

  • carlo coppa

    Finalmente una distribuzione che utilizza Kde custumizzata con cura (almeno sembra), lo dico perché solitamente le distro che utilizzano Kde non costumizzano molto, mettono solo un tema brandizzato, ma mantengono bene o male le impostazioni di default di Kde, il che non è male, io ad esempio modifico pochissime cose, ma è bello anche vedere un’alternetiva se ben fatta.

  • Thomas Paoloni

    Sinceramente, almeno guardando il video, non la vedo tutta questa bellezza …
    Continuo a preferire decisamente il KDE nativo, lo hanno solo pasticciato un po’, senza gusto e senza aggiungere valore, e per fare questo non serve fare addirittura una nuova distribuzione.

No more articles