Pop!_OS è una nuova distribuzione pensata da System76.

System76, compagnia nota per la vendita di laptop con a bordo Ubuntu, ha pensato bene di creare la propria distribuzione basata su Ubuntu 17.04 e GNOME.

Ma a che pro?

System76 annuncia la propria distro: si chiamerà Pop!_OS

Pop!_OS

System76 afferma che il proprio ‘sistema operativo’ è pensato per i professionisti che “usano il pc per creare“. Lo scopo di Pop!_OS è rendere “il pc il più produttivo possibile per ingegneri, sviluppatori e scienziati“, queste le parole di Carl Richell, CEO di System76.

Parole grosse, dopo le quali ci attenderemmo un qualcosa di innovativo e strabiliante… in realtà, per ora, l’OS non è altro che una semplice copia di Ubuntu GNOME vanilla. Le uniche vere differenze stanno nel tema e nel branding. Pop OS usa Pop GTK theme e icon set (a sua volta fork di altri progetti).

Pop OS seguirà le release di Ubuntu come un flavor quindi la versione stabile sarà basata su Ubuntu 17.10. Pop_OS arriverà di default sui laptop e pc dell’azienda da Ottobre, sarà sempre possibile richiedere il pc con la versione classica di Ubuntu.

Che ne pensate? Linux necessita di un’altra distro che non offre (almeno per ora) niente di più rispetto a quelle già esistenti?

 

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • quì mi sà che si fa a gara a chi la spara più grossa…

  • Se fosse veramente così giustificherebbero le 800 distro inutili create intorno a ubuntu.

  • espirit

    direi che non se ne sentiva la necessità, visto che si basa in tutto e per tutto su Ubuntu 😐

    • Giacomo Baiamonte

      sicuramente dal punto di vista dell’utente è una distro che serve a ben poco, ma per l’azienda è un lavoro che ha senso eccome. Loro vendono PC belli e pronti, una distro fatta in casa propria contenente eventuali personalizzazioni grafiche (anche solo uno sfondo col logo dell’azienza) e magari la propria lista di software selezionati è necessaria per pacchettizzare velocemente i propri prodotti prima di destinarli alla vendita. Condividere la distro col resto della community potrà anche essere inutile se si considera il già enorme parco distro, ma chissà quanta gente nutrirebbe pensieri maliziosi nei confronti del loro OS se invece avessero deciso di tenere tutto per sè

      • carlo coppa

        Se è per lo sfondo e poco altro lo avrebbero potuto fare benissimo anche con Ubuntu ! Non penso che Canonical imponga il loro sfondo, come credo che lascino libere le aziende di aggiungere software.

        • Giacomo Baiamonte

          Non capisco dove stia il problema…nel fatto che sia fondamentalmente una Ubuntu ma non si chiami Ubuntu? Perchè pur lasciando inalterato il nome della distro, nulla toglie che per un’azienda specializzata nella progettazione e nella vendita di PC con GNU Linux a bordo sia molto importante pacchettizzare velocemente le proprie macchine, e dunque è normale che abbiano bisogno di una propria distro di riferimento. Oppure preferisci installare Ubuntu su 100PC e poi applicare a mano le personalizzazioni su ogni macchina?
          Anche secondo me è l’ennesima distro di cui #noncenefregauncxxxo, ma è sicuramente utile all’azienda per i suoi fini commerciali e non ci vedo nulla di male nella loro scelta di rilasciarla

          • carlo coppa

            mai detto il contrario ! Ho solo detto che se il problema è lo sfondo potevano cambiarlo anche con Ubuntu ! Ma non sono contrario …avranno i loro buoni motivi.

          • gabriele tesio

            ma infatti è ancora ubuntu, le differenze che ci sono non sono più grandi di quelle che ha ad esempio xubuntu o la remix dell’istituto majorana. I cambiamenti che ci sono ad esempio al nome sono principalmente per evitare beghe legali, e assieme alle altre modifiche, per motivi di marketing, per avere un prodotto che risalti un po’.

  • ekkekkk

    pop..pes era meglio

  • giulio

    Facessero delle ottimizzazioni sull’hardware che montano…..basterebbe quello.

  • Aster

    Speriamo in qualche driver decente più che altro

  • JackPulde

    Ma… perché?

    “rendere il pc il più produttivo possibile per ingegneri, sviluppatori e scienziati“
    …mah… Mancava proprio una distro del genere

    • gabriele tesio

      solo che non è un fork.

  • xan

    Sarebbe bastato un ppa

    • lindgren

      Il tema Pop può essere installato via PPA per Ubuntu 16.04 e Ubuntu 17.04:
      sudo add-apt-repository ppa:system76-dev/stable
      sudo apt update && sudo apt install system76-pop-theme

      • xan

        si si infatti, potevano semplicemente arricchire questo ppa con le altre cose che hanno in mente e non fare un altra distro

        • si ma dubito fortemente che tu puoi prendere ubuntu vanilla, aggiungergi PPA terzi, e ridistribuire la distro sempre col nome ubuntu e con il suo logo.
          alla fine questo PoP! OS è proprio quello che dici tu, ovvero ubuntu con un PPA dedicato, solo che siccome ti distribuiscono una ubuntu modificata, non possono più usare il nome e il logo di ubuntu ma devono usarne di nuovi

        • gabriele tesio

          Da quel che ho capito questo ppa andrà a contenere tutte le modifiche che loro faranno, e quindi sarà usabile su tutto ciò che supporta questi ppa, hanno semplicemente rilasciato la .iso che hanno realizzato per l’installazione sulle loro macchine (avere una .iso già pronta è meglio che dover andar manualmente a fare tutte le modifiche su tutti i computer che vendono) e avrebbero potuto benissimo decidere di non rilasciarla, benché abbia un nome diverso non sarà più diversa da ubuntu di quando ad esempio xubuntu non lo sia già, la modifica al nome penso sia puramente per prevenire possibili beghe legali e per marketing.

  • User1

    Beh, se fino ad ora sono riusciti a vendere del comune hardware privo di windows, a quei prezzi, non vedo perché non debbano riuscire a far passare un copia e incolla di ubuntu per un SO “da scienziati”.

  • Heron

    Mossa molto ragionevole. Probabilmente non erano soddisfatti dell’impegno di canonical nel progetto e preoccupati dell’evoluzione di ubuntu nel lungo periodo

    • JackPulde

      se la pensano così, perché non passare (per esempio) a Fedora o openSUSE? (tra l’altro entrambe supportano molto bene GNOME)

    • non ha senso, se fossero proccupati per l’impegno di canonical sul lungo periodo non creerebbero una “derivata” di ubuntu, ma si appoggerebbero su debian.
      io penso semplicemente che è un modo per poter dare ubuntu vanilla agli utenti, ma potendi cambiare temi e robe varie (visto che con ubuntu non puoi farlo, perchè se tu distribuisci ubuntu, la devi distribuire vanilla e non modificata altrimenti non puoi più usare ne il nome ne il logo)

      • gabriele tesio

        Aggiungo che io credo sia tutto marketing (con una accezione neutrale/positiva, non negativa), un modo per rendere i propri pc più appetibili, e fanno queste modifiche proprio per avere un po più di controllo sul proprio prodotto e dargli risalto, senza dover però accollarsi tutto il lavoro che sviluppare una distro comporta (infatti distro non mi sembra il termine più corretto qua, penso ”flavor” sia più adatto, come xubuntu ad esempio, perché il lavoro che fanno è praticamente lo stesso chessò, della remix di ubuntu dell’istituto majorana). Nel complesso sono contento abbiano fatto questa scelta, molto probabilmente mi metterò io stesso ad usare questa ”distro”.

  • uomoselvatico70 uomoselvatico7

    Mi sa che ‘sto Pop!, Sarà un flop!

  • Gigi

    Basta che non sia una scusa per buttare dentro driver particolari, che in caso di cambio distro sono un disastro da gestire.

  • Kib

    Direi che è una mossa stu**da.

    Se ho problemi con OS a chi mi rivolgo a loro o alla community Ubuntu visto che deriva da quella?

    • ubuntu perchè tanto è identica e quindi le soluzioni per ubuntu valgono anche per questa distro.
      quindi se tu hai il problema X con questa distro e la soluzione che si adotterebbe per ubuntu andrà bene anche per Pop OS

      • gabriele tesio

        Inoltre puoi benissimo ricevere assistenza da Canonical, perché non mi pare l’utilizzo di un ppa invalidi l’assistenza che puoi ricevere da loro (esclusa l’assistenza per il ppa stesso ovviamente)

  • Luca Cavedale

    ma in realtà per quello che ho capito, tra l’altro mi pare su omgubuntu, system76 ha dichiarato che non la considera nemmeno una distro a sè stante, puntano semplicemente a un loro ecosistema con vanilla gnome etc, difatti non andranno con fork o robe varie, semplicemente continueranno in ogni caso a fare contribuzioni sia a canonical che gnome, ma punteranno a dare un ambiente più consono ai loro punti di vista, tutto qui

    • JackPulde

      Quindi Ubuntu + PPA preinstallato di system76?

      • Luca Cavedale

        esatto

      • gabriele tesio

        Esattamente, e quel ppa lo puoi utilizzare normalmente senza la necessità di utilizzare la loro .iso che è semplicemente quella che loro installeranno sui loro computer e che avrebbero potuto benissimo non rilasciare, visto l’esistenza del suddetto ppa.

    • gert

      Ma infatti relax…

  • Italiani nelle tende, System76 negli hotel!

No more articles