Ubuntu necessita di un’email app di default? E, se sì, perchè proprio Thunderbird?

Come sapete nel 2011 Ubuntu è passato da Evolution a Thunderbird. Sei anni dopo pare che gli sviluppatori stiano tornando sui loro passi, o quasi.

In un post sul sito ufficiale di Ubuntu ci si chiede proprio questo: è necessario avere un’email app di default? La usano abbastanza persone da giustificarne la pre-installazione?

Ubuntu GNOME 16.10, ad esempio, includeva Evolution ma dalla versione 17.04 non è stato pre-installato alcun client e-mail e non ci sono state particolari polemiche o feedback negativi: chi lo vuole se lo installa da solo.

Uno, nessuno e centomila

thunderbird on-ubuntu

C’è poi un’ulteriore questione da affrontare: quale client andrebbe installato? e perchè? Ci sono utenti che preferiscono l’uno e utenti che preferiscono l’altro.

Tra Thunderbird ed Evolution nel post vengono evidenziate le seguenti caratteristiche:

Thunderbird:

  1. Basato su GTK2
  2. Progetto della community, Mozilla non paga sviluppatori per portarlo avanti
  3. Non si integra con GNOME online accounts
  4. Migliore integrazione con Unity

Evolution:

  1. Lo stile della UI non è esattamente compatibile con quello di GNOME ma forse è meglio di Thunderbird
  2. Piccolo team di sviluppo
  3. Non è disponibile su altri sistemi operativi

Non si sta tanto discutendo sull’utilità di un client e-mail quanto sulla necessità di pre-installarne uno e, nel caso, quale merita di stare sul disco di sistema.

Non sono un grande utilizzatore di e-mail, per le poche che mando mi appoggio ai servizi online  (outlook, gmail, etc) che sono ben fatti per un uso sporadico. Personalmente ritengo che la rimozione del client e-mail sarebbe la scelta più sensata, voi cosa ne pensate?

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • fuser

    Io penso che un client email di default ci voglia

  • Aster

    Preferisco thunderbird da sempre,evolution lo trovo pesante al avvio,e ovviamente un client email serve sempre!

  • Nicola

    Dipende: se lo usi come distro live un client email serve, a meno che la posta non venga letta solo ed esclusivamente via browser. Se invece Ubuntu lo installi, ciascuno ha un client email preferito e potrebbe aver senso non metterlo e lasciare libero l’utente di scegliere quale installare. Questo stesso discorso vale pero’ anche per il browser di navigazione, il player video, audio .. etc. Alla fine, con questa visione rilasci una distro minimale senza l’80% degli applicativi.

    • secondo me non ha senso invece includere un client email nella live, ma ha senso nell’installazione finale.
      da live non è che perdo tempo a configurare il client, se ho bisogno di vedere un’email al volo accedo da browser.

      • Mauro Contene

        la live si installa

        • be ovvio, ma rispondevo all’utente che diceva che non ha senso avere il client a sistema installato, perchè tanto poi ti metti quello che ti pare, invece è più utile averlo nella live, io ho detto che semmai è il contrario, perchè del client mail non te ne fai nulla nella live.

  • Drak69

    Il client ci vuole, io ho piu caselle email e mi risulta semplice controllarle da un unico punto senza dover fare l’accesso da browser

  • Claudio

    Con tutte le cose inutili che si porta appresso ubuntu, una cosa utile la vogliono togliere? Per l’utente comune ha più senso avere un client mail che non mysql. E se client mail deve essere, meglio uno che l’utente può ritrovare un altri sistemi operativi come thunderbird che uno che puoi utlizzare solo su linux

    • Mauro Contene

      assolutamente! inizino a togliere i giochi.
      a proposito di giochi, qualcuno fa girare war thunder su ubuntu? come va?

      • Sandro

        Fino all’anno scorso andava tutto perfettamente, poi ho smesso di giocarci quindi andrebbe riprovato.

  • Psyke Dady

    Consiglio a tutti NylasMail 😀 io mi ci sono trovato bene

    • franco

      Lo stavo giusto installando in questi giorni, ma non ho capito se è necessario registrare un account sul loro sito per poterlo utilizzare, perché all’avvio mi chiede account e password, ma non della mia mail.

  • DeST

    La questione ha poco senso, Ubuntu è già un insieme di pacchetti scelti da qualcuno piuttosto che altri pacchetti altrimenti disponibili… Detto questo io uso per lavoro sia su Lubuntu che su Windows Thunderbird e mi trovo benissimo soprattutto grazie all’ampia disponibilità di addon per ogni necessità

  • Viktor Kopetki

    non ho mai capito perché nessuno abbia mai spinto su thunderbird…. invece di fare mille DE diversi, fare una integrazione spinta del client mail e magari con caratteristiche avanzate (spazio dedicato per il salvataggio della posta, rubrica e calendari condivisi, sincronizzazione con il mobile) mi sembra un settore dove ci siano possibilità per fare business, o no?
    a me ad esempio gmail e outlook fanno schifo, dove trovo una casella da 50GB con antispam rubrica e calendario?

  • alex

    Un client di posta mi sembra ormai una delle cose base che mi aspetto di trovare in un qualunque OS, così come un browser ed un gestore file… che senso ha toglierlo!? qualche mega in meno per la ISO…
    Al massimo ok, visto che tanto tornano su Gnome, tanto vale tenere come applicazione base Evolution che è quello “fornito” con il DE ed è semplice e funzionale per l’utilizzo base. Poi chiaramente ognuno si può installare il preferito sulla base delle necessità, tanto a parte Thanderbird che oggettivamente mi sembra essere il più completo e potente disponibile su linux per gli altri alla fine ognuno propone il suo…

  • Francesco Bedussi

    Il bello delle distro linux è che a differenza di windows, quando installi il sistema ti trovi già tutto il SW base di uso comune, e il client mail rientra in questa categoria.

    Per quanto riguarda la scelta del cliente, Thunderbird tutta la vita, non fosse altro che perché è cross-platform. Lo impari una volta e lo usi dovunque.

  • SalvaJu29ro

    Un client mail buono è base per ogni os ormai

  • loki

    evolution su gnome e derivati, kdepim su kde. almeno si integrano con i desktop con calendario e contatti a differenza di thunderbird

  • Maudit

    hum… mumble mumble…. ed un software per la realizzazione di archivi compressi, è utile? Quante persone passano il tempo a targizzare directories? Lo teniamo come preinstallato?
    A pensarci bene, pure il terminale, quante persone lo sanno DAVVERO usare e lo adoperano in maniera corretta? Dobbiamo proprio fare questo sforzo di fornirlo pronto all’uso?
    E l’orologio con la data che appaiono sul desktop? Servono ANCORA? Ormai la gente usa lo smartphone e per sapere l’ora guarda quello, non il monitor del PC. E’ proprio necessario?
    Direi di no.
    E poi, che sarà mai… la gente è abituata ad installare plugin di terze parti per rendere usabile Gnome, che volete che sia se tolgono il client di posta.

  • Io penserei seriamente di inglobare Geary

  • marcovaldo

    Il client di posta deve essere sempre incluso e con Gnome ci vuole Evolution.

  • SickBoy

    Per quanto mi riguarda uno vale l’altro. Tanto per quel poco che uso le email, l’addon X-Notifier sui browser mi basta e mi avanza pure.

  • Evolution mi piace, lo trovo professionale, ben integrato con calendario, contatti e molto altro. L’ho utilizzato sin da subito dal mio arrivo drastico dal mondo Windows e ne sono rimasto affascinato. Il problema è arrivato quando ho perso tutta la corrispondenza dopo un aggiornamento a versione successiva di Ubuntu e che scopro che il formato dei file usati da Evolution non era retrocompatibile nonostante avessi creato i backup con la procedura incorporata. Ragion per cui ho provato Thunderbird che già avevo usato in Windows precedentemente e da quel momento nessun problema o incertezza tra i contenuti e le varie versioni di Thunderbird.
    Io tornerai ad Evolution perché merita ma mi ferma questo dubbio unito ad una certezza ossia che Evolution si blocca facilmente nel controllo della posta se hai più account ed io ne ho diversi…

  • Falegnamino

    Io mi trovo bene con Sylpheed.
    Basilare e leggerissimo:)

  • Ansem The Seeker Of Darkness

    Sono l’unico qui che usa Nylas mail? lo trovo di gran lunga superiore a thunderbird :/

    • Caterpillar

      sapresti far un confronto? Come vanno ad esempio i filtri? E con tonnellate di email come si comporta?

      • Viktor Kopetki

        e con la pec? rubrica e calendari condivisi? plugin?

      • Ansem The Seeker Of Darkness

        Non gestisco tonnellate di email, ma solo le mie 4 caselle personali. Non ho quindi impostazioni particolari, ma cercavo solo una interfaccia bella e una buona gestione della inbox unificata

    • SalvaJu29ro

      Ma questi client sono sicuri? Cioè è sicuro mettere email e account?

      • Ansem The Seeker Of Darkness

        il codice è su github, poi io personalmente non l’ho letto. Purtroppo non ho le conoscenze necessarie per una simile analisi.

  • Carlp

    Thunderbird tutta la vita! Completo, multipiattaforma, mantenuto dalla comunità.

  • Felix

    Senza offesa, ma ti quoto:
    “Non sono un grande utilizzatore di e-mail, per le poche che mando mi appoggio ai servizi online (outlook, gmail, etc) che sono ben fatti per un uso sporadico. ”
    Nell’arco di un rigo ci sono milioni di dollari.
    Come se tra un brufolo e una passata di gel al ciuffo spuntino outlook online OWA e gmail. Hai mai visto che dietro ci siano strati di milioni di dollari. Che ben vengano. Come anche ingegneri? Designer? si alla fine avrnno i loro difetti ma che alternativa FOSS esiste?
    nessuna.

    Per cortesia. Decidere di togliere thunderbird è sostanzialmente un sottile grido di aiuto. Mozilla non paga. Donare ad ogni download 0,50 -1 € No? Certamente le GTK ormai sono il passato. Ci si ostina con caparbietà a volerle portare avanti.

    Occorrerebbe riscrivere e correggere buona parte dell’interfaccia di Thunderbird, ma con quali fondi e quali energie??? Quanti e per quanto tempo dopo 8 ore di lavoro non a grattarsi le…. hum.. a grattarsi i capelli, se ne fa altre 5 6 spremuto a fare software che una compagnia FOSS getterà nel cestino dopo qualche anno?? a gratis poi? E se anche il popolo c’è, quale qualità e quali risultati a lungo termine?

    Thunderbird era l’unica seria alternativa alla pletora di client inutili.

    Ormai cosa resta ?
    Delusione.

  • carlo coppa

    Quando io installai per la prima volta Ubuntu, del mondo Linux conoscevo poco o niente, ma installando Ubuntu avevo una distribuzione completa, c’era una suite per l’ufficio (Openoffice), c’era Gimp, c’era Pitivi per un minimo di editing video, c’era il client di posta, c’era Brasero, Empathy…insomma Ubuntu offriva una distro completa per un utilizzo base. Poi ogni anno con la scusa di mantenere l’immagine nei cd (senza utilizzare Dvd) hanno cominciato a togliere, oggi che il problema della dimensione dell’immagine non esiste più, continuano a eliminare applicazioni in modo assurdo a mio parere.
    Non è un discorso di chi utilizza cosa e perché, l’utente che sa come approcciarsi a Linux non avrà problemi a installare e disinstallare, il punto è che Ubuntu è una distro orientata sopratutto a chi vuole passare o provarci a Linux e quando un utente arriva a Linux è normale che sia spaesato, mettergli a disposizione un sistema completo, non è un dettaglio. Anche per questo motivo distro come Mint hanno preso piede..In Ubuntu sono anni che tolgono, applicazioni, opzioni ecc. mai che aggiungono ! Possibile ? Sulla 17.04 hanno tolto pure l’opzione dal menù contestuale “apri documento”, dava fastidio ? Ma che problemi hanno ?

    • boosook

      Diciamo questo… è sempre stata la filosofia di Linux quella di offrire un sistema operativo completo e pronto all’uso. Allo stesso tempo, bisogna intendersi su cosa voglia dire “completo”… Oggi come oggi la maggior parte dell’utenza usa webmail. Io stesso non apro più thunderbird. Forse la soluzione sarebbe di tornare a fare quello che facevano certe vecchie distro: una schermata che permette di selezionare i più importanti software da instllare.

      • alex

        più che di linux direi che è la filosofia di alcune distro che giustamente hanno come scopo di darti una distribuzione già completa e pronta all’uso. Forse bisognerebbe capire se ubuntu vuole ancora essere una distro di questo tipo.

        Il discorso della dimensione dell’iso forse rimane ancora importante per installare in zone più remote in cui non ci sono le connessioni che abbiamo oggi.

  • Sandro

    thunderbird tutta la vita per me, se lo tolgono sarà una delle prime cose che installerò. Evolution non l’ho nemmeno mai provato onestamente, ma se funziona solo su linux nel mio caso non va bene, al lavoro sono ancora costretto a usare un pc con windows.

  • Giuseppe Imperato

    Io uso Thunderbird con molta soddisfazione da molto tempo anche se nell’ultimo periodo (4/5 mesi) ho affiancato al client Mailbird. Diciamo che mi sto trovando bene e che come personalizzazione ci siamo.
    Personalmente vorrei che Thunderird si “svecchiasse” un po’ e che integrasse meglio alcune features.
    Logico è che se sviluppi un sistema operativo con un certo ecosistema alcuni programmi andrebbero integrati nativamente senza appoggiarsi a terze parti, Un po’ come fa Apple con Mail o Microsoft con Posta (credo si chiami così)

  • dato che ora il DE di default è GNOME, volenti o nolenti verrà preinstallate le librerie evolution, perchè è su queste che si basano diverse app come GOA, la rubrica, il calendario, etc… ora, a meno di non voler patchare GOA, l’unico modo di settare un account email dal pannello di controllo e vederselo funzionare in un client mail è usare evolution.

    se vogliono un sistema ben integrato, evolution è la soluzione più immediata. se non hanno intenzione di installare niente, alla fine tantovale installare comunque evolution, visto che comunque vada devono per forza preinstallarne una grossa parte. se non vogliono stravolgere il workflow dei loro utenti la scelta è thunderbird, ma tanto l’hanno già stravolto con l’abbandono di unity7…

    • floriano

      insomma quelli di gnome stanno copiando i difetti di kde

      • alex

        Quale scusa? non ho proprio capito cosa intendessi

        • Maudit

          Un sistema con dei programmi ben integrati, completi e funzionali.
          (Gnome comunque li ha sempre avuti i suoi programmi, non sta copiando nulla. Al contrario, le librerie GTK nascono da GIMP.)

  • Kim Allamandola

    Personalmente non conosco un MUA “moderno”. Uso notmuch+… (stò da qualche mese ballottando tra getmail, offlineimap e fetchmail+dovecot/sieve) che come funzionalità (ricerca iper-veloce, linkabilità delle mail in org-mode, tagging, …) è moderno e comodo ma come UI non adatto a tutti gli utenti medi e arrivare ad un setup digeribile con tutte le implementazioni “personali” dei vari gestori da GMail con la sua cavolo di cancellazione ad Aruba col suo rootare tutto nell’INBOX è un lavoraccio. Gli MUA classici sono tutti *una pena*:
    – siamo nel 2017 una **** di rubrica che supporti decentemente l’interazione via vcard 3/4, che supporti n label personali su mails, telefoni ecc stile GMail non mi pare chieder tanto
    – siamo nel 2017, una treeview dei threads mail non mi pare chieder tanto
    – siamo nel 2017 una gestione delle mail via tag, magari con supporto anche alle X-Keywords non mi pare chieder tanto
    – maildir/imap diretto non mi pare chieder tanto
    Come base, poi per star comodi un po’ di giochini carini di ricerca (nella UI rubrica per ogni contatto son listate le mails scambiare, magari si possono agg. note/wiki personale e cavolatine del genere) penso anche quelli si possan sviluppare con calma…

    Voglio dire se già ho tutto questo in pochi Mb si potrà pure farci una UI intorno no?

    Che si elimini pure Thuderbird, Trojita, Claws, … ma pensate a fare una GUI da utenti finale agli strumenti di cui sopra, le web-ui non sono una risposta.

No more articles