Canonical ha confermato che gli aggiornamenti di sicurezza termineranno a Giugno: è la morte degli Ubuntu phone.

Shuttleworth colpisce ancora e dopo Unity 8 ha depennato anche Ubuntu touch dal futuro di Canonical.

Gli ultimi aggiornamenti saranno incentrati sulla correzione di bug e problemi di sicurezza. Dopo il 17 Giugno Canonical non aggiornerà più Ubuntu touch. Questa scelta è in linea con le ultime decisioni prese dall’azienda e se la aspettavano in molti, ne avevamo parlato anche qui su LFFL.

L’Ubuntu app store, unico luogo ufficiale dove scaricare le app, chiuderà entro fine anno. Quindi oltre a non poter scaricare le nuove app non potrete neanche più riceveregli aggiornamenti e ovviamente gli sviluppatori non potranno più aggiornare niente.

La compagnia ha confermato la notizia in una mail a Nerwork World aggiungendo che non sarà più possibile comprare app dall’Ubuntu Phone app store a partire da Giugno. Gli sviluppatori potranno rilasciare gratuitamente le app o ritirarle dallo store.

Ovviamente la notizia non sorprende dato che il ‘sogno’ della convergenza era già morto e sepolto insieme a Unity 8 anche se l’amaro in bocca resta perchè il progetto Ubuntu phone era davvero interessante.

Possedete un Ubuntu Phone? Funziona ancora…

ubuntu phone

Niente store e niente aggiornamenti, nemmeno per device importanti come  Meizu PRO 5 o Bq Aquaris M10. Essi continueranno a funzionare anche in futuro anche se usare uno smartphone senza aggiornamenti non è sicuro e non ha nemmeno tanto senso.

Cosa ne pensate ? Io non ho un Ubuntu phone, pur avendo provato l’OS sul mio vecchio Nexus 4, ma immagino l’amarezza di chi ci ha creduto spendendoci soldi o tempo per il testing…

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

No more articles