Come sapete Ubuntu 18.04 LTS utilizzerà GNOME e non Unity, quindi che succederà a Ubuntu GNOME?

Ora abbiamo la risposta a questa domanda.

Gli sviluppatori di GNOME hanno rivelato il futuro del flavour in un post sul loro blog. “In seguito alla decisione presa da Canonical in merito allo sviluppo di Unity vogliamo comunicarvi che il nostro flavor non ha più motivo d’esistere. I team di sviluppo di Ubuntu GNOME e Ubuntu Desktop uniranno le risorse e si focalizzeranno sul rilascio di un’unica versione che conterrà il meglio di Ubuntu e di GNOME. Attualmente stiamo collaborando con Canonical per organizzare al meglio il lavoro da svolgere” queste le parole del team di sviluppo.

Shuttleworth torna CEO

Mark Shuttleworth Ubuntu GNOME

Ubuntu 18.04 LTS prenderà poco e niente da Ubuntu e rimarrà fedele alla filosofia GNOME, si parla infatti di ‘minimal Ubuntu customization’. Questa non è in realtà solo una suggestione in quanto Shuttleworth aveva già annunciato che avrebbero lasciato libertà agli sviluppatori di GNOME senza condizionarli in alcun modo.

A proposito di Shuttleworth, Jane Silber, attuale CEO di Canonical (nella foto copertina dell’articolo) ha da poco annunciato che lascerà l’incarico e da Luglio Mark Shuttleworth tornerà al timone di Canonical. La Silber ha affermato che la compagnia affronterà una crescita accellerata nei prossimi mesi e le prime scelte, come sapete, sono già state prese.

La Silber è entrata in Canonical nel 2004 eccitata dalla visione del mondo che offriva un progetto come Ubuntu ed è diventata CEO nel 2010. Resterà comunque in Canonical nel ‘Board of Directors’ e si aspetta numerosi altri anni al lavoro su Ubuntu.

Ci dobbiamo aspettare nuove clamorose scelte in casa Canonical?

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus. Da oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

No more articles