Denominata Manchester in onore della città inglese che ha ospitato l’ultima conferenza del 2017 degli utenti e sviluppatori di Gnome, la nuova versione dovrebbe essere rilasciata il 13 Settembre. Almeno secondo quanto pianificato e se non emergeranno problemi seri in fase di sviluppo. I lavori su Gnome 3.26 sono iniziati ed i frutti si potranno vedere dalla versione 3.25.1 che sarà rilasciato il 24 Aprile. Non sarà necessario attendere questa data per sapere quali saranno le nuove funzioni.

Novità importanti programmate in Gnome 3.26

gnome 3.26

Christian Hergert annuncia a tutti gli sviluppatori che ora sarà possibile effettuare il debug nell’IDE Gnome Builder. Tra le novità per gli utenti c’è Usage, un monitor di sistema in grado di informare sulle risorse utilizzate. Questo nuovo programma influenzerà anche Baobab e il monitor di sistema che vedranno ridimensionati i loro ambiti di utilizzo. Rui Mathos si occuperà di rinfrescare l’interfaccia del Centro di Controllo. Verrà rilasciato anche un nuovo framework realizzato da Debarshi Ray ed inizialmente progettato per Gnome 3.24. Lo stesso sviluppatore migliorerà l’app delle foto che dovrebbe permettere di importare immagini dalle macchine fotografiche. Felipe Borges integrà il protocollo RDP (remote desktop Protocol) nel software di virtualizzazione Boxes. Ultima modifica, non meno importante, riguarda Seahorse. Il gestore di password e chiavi dovrebbe essere rimpiazzato da un app moderna ed in grado di gestire in automatico i dati sensibili.

Non resta che attendere qualche giorno per avere un assaggio della prossima release!

Via Softpedia

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google PlusDa oggi, poi, è possibile seguire il nostro canale ufficiale Telegram dedicato ad Offerte e Promo!

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

No more articles