Lo sviluppatore di GNOME Matthias Clasen ha recentemente parlato di GNOME Recipes sul suo blog. GNOME Recipes è stata sviluppata per ben sei mesi e sarà rilasciata insieme a GNOME 3.24.

GNOME Recipes 1.0

gnome recipes

Le ultime cose che ci mancavano per completare la release 1.0 era un buon numero di ricette. E grazie ai cuochi della community ora abbiamo raggiunto l’obiettivo” scrive Clasen.

Sono state inserite abbastanza ricette da tenervi in cucina dei mesi, già aperte anche le sezioni dedicate a vegetariani, vegani, alimenti senza glutine, etc.

gnome-recipes-add-form

Ecco le features, o forse sarebbe meglio dire ingredienti, principali di GNOME Recipes 1.0:

    • E’ possibile cercare le ricette mediante keyword, categoria, chef o paese;
    • Presenti istruzioni step by step con tanto di fotografie a corredo;
    • E’ possibile aggiungere note alle ricette;
    • E’ possibile inserire le proprie ricette;

GNOME Recipes può essere installato direttamente dall’Ubuntu Software center senza PPA, Flatpaks o Snap. Per maggiori informazioni vi rimando alla pagina ufficiale su GNOME Wiki.

 

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • alex

    Insomma la versione 3.24 si preannuncia molto appetitosa 😛

  • Sergio

    Se non è localizzata in italiano non trovo la cosa molto utile..

  • Daniele Capello

    Ora posso morire felice

  • Falegnamino

    Mica mi toccherà cambiare DE per avere le ricette? 🙂

    • Luca Cavedale

      mi pare ci sia una cosa simile per KDE

      • Falegnamino

        Uhm….ci darò un occhiata! Grazie:)

    • Aster

      Per te solo cibo spazzatura;)

      • Falegnamino

        Che mi piace tanto:)

        • Aster

          idem:)

    • Ivo Grimaldi

      credo di no. Ti faccio un esempio: Uso XFCE, a me piace la gestione dei processi di gnome. Ho installato il programma gnome-process-manager (adesso vado a memoria visto che son su Windows). Il programma si porta dietro una serie di dipendenze e funziona bene. Penso che dovrebbe essere qualcosa di simile.

  • Simone Bonzanini

    Come avrò fatto 40anni senza…

  • CharlieP

    Uno spreco di risorse. La metto a far compagnia alle gnome maps e a Polari.

  • loki

    e sul blog del tipo è già arrivato il primo vegano a rompere le balle…

    • Simone Bonzanini

      Dai? dove??? XD

  • Kim Allamandola

    Per un desktop completo servono anche applicazioncine “secondarie” quindi perché no?
    Quel che non mi piace però è com’è fatta: nell’era di GialloZafferano, Cookaround, …
    quel che non sarebbe male avere è un’applicazione che calcoli gli ingredienti in percentuale
    per poter dire ad es. che ingredienti mi servono per questa ricetta per n persone? altra feature
    carina sarebbe poter cercare per ingredienti disponibili: “ho in casa X, Y, Z, che ricette posso
    fare con questi?

    Queste due feature non sono “facilmente reperibili” e possono essere un motivo per usare questa
    applicazione. Poi un domani si potrà pensare ad usarla anche per raccogliere informazioni su quel
    che si è preparato nel tempo, quante calorie al giorno si mangiano (per chi ci tiene, è ovvio) ecc
    arrivando pian piano ad una suite PIM “familiare” che al di la dell’utilità più o meno marginale può
    piacere, è un esercizio di programmazione semplice ma interessante e magari abitua l’utente
    domestico, sopratutto “piccolo” all’uso di una certa famiglia di strumenti che in genere sono osceni
    e oscenamente usati.

    • alex

      ma infatti non ci vedo nulla di male nella presenza di queste applicazioni minori, tanto non è roba che porta via chissà quanto tempo o che distoglie dal progetto principlae. Facile che sia nata come semplice diversivo dello sviluppatore, per semplice divertimento. Poi non penso che faccia parte del pacchetto di default, verrà scaricata poi da chi interessato.
      Da me non credo comunque, di siti di ricette è pieno il web quindi la cosa più semplice e veloce è cercare direttamente, anche cercando direttamente per gli ingredienti base che si hanno a disposizione, cosa che mi è capitata di fare spesso. Al massimo sarebbe utile a volte copiarsi le dosi di alcune preparazioni base e qualche nota, ma spesso sono troppo pigro per farlo e quindi ogni volta finisce che rifaccio al volo la stessa ricerca riprendendo lo stesso risultato… (anzi, forse se il suo programma fosse stato in grado di cercare nel web e fornire su una scheda un estratto delle informazioni interessanti, come spesso riesce a fare google fornendo una scheda riassuntiva legata ad alcune voci, sarebbe stata un applicazione molto più interessante per me).

      • Gabriele

        vero tutto quello che hai scritto. Questa applicazione potrebbe tornare utile nell’utilizzo offline. Cosa che non mi è chiara se possibile o no.

No more articles