Dopo aver mandato in panico gli utenti Linux a causa di una mail inviata per sbaglio gli sviluppatori di Skype hanno rassicurato gli utenti: la vecchia app di Skype continuerà a funzionare.

La settimana scorsa alcuni utenti del vecchio client Skype per Linux (non Skype for Linux alpha) si sono visti recapitare un e-mail che sosteneva che dal 1 Marzo il supporto al client sarebbe cessato, e che era necessario aggiornare alla versione più recente. Ovviamente l’app, come sapete, non viene aggiornata da anni e non esiste alcuna nuova versione.

Ecco un breve sunto della mail incriminata: ‘…functions may stop working correctly on these older builds’.

La rettifica

skype

Oggi però è stato ufficializzato che quella mail è stata inviata per errore e il funzionamento del servizio non è in pericolo. Le notizie in realtà non sono così benevole come sembra. Insieme alle scuse per l’errore si legge anche che in un futuro non troppo lontano le vecchie builds smetteranno di funzionare, questa volta per davvero. Speriamo che ciò avvenga il più tardi possibile visto che il tasso di adozione del client tra gli utenti Linux è ancora molto elevato.

La cosa che ha lasciato un po’ di stucco è stato il tempo necessario per fornire questa rettifica, più di una settimana. Non credo sarebbe stato un problema per la compagnia avvisare in tempi più brevi, magari uno o due giorni dopo.

sharing-caring-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • Diciamo che Microsoft combina solo casini. Questa è la verità.
    Ci mettono troppo tempo a sviluppare questa nuova versione che risulta essere in Alpha da mesi… non ho parole…
    Ecco perché sto ormai usando Wire al posto di Skype.
    Wire è software Open Source ed è l’unica vera alternativa a Skype, funziona praticamente come Telegram ma con la possibilità di chiamare e fare videochiamate fino a 5 utenti in una sola volta.
    Anche con questo si possono mandare file di grandi dimensioni e posso usare lo stesso account su più dispositivi. Per di più è multipiattaforma.
    Wire rulez….

    • Andrea

      Hai ragione, ma quando vedi la lista contatti è un disastro. E’ come dire, che bello girare con l’auto elettrica in Italia, poi ti rendi conto che non esistono colonnine per la ricarica in giro per il paese….
      Per lavoro, con una lista contatti di oltre 250 persone è l’unico voip che si può prendere in seria considerazione, il resto vanno bene solo per comunicare con i propri cari contatti.

      • Prova Wire e fallo installare anche ai tuoi contatti.

        Vedrai che differenza…

      • Aury88

        il bello di queste app è che nulla vieta di averne più di una sullo stesso dispositivo…almeno non sarò io la limitazione che impedisce ad un altro utente di installare un app più opensource 😛

        • Andrea

          Si però poi la batteria di chiederà pietà….

          • Beh, su un PC non è un problema

          • Andrea

            Grazie, ma per il 70/80% delle persone vengono utilizzate da smatphone

          • Aury88

            nah…da quello che ho visto pesano pochissimo…molto meno di whatsapp e di skype

    • Mark

      …oppure fai una virtualmachine in cui installi il client per windows…l’ho visto fare per usare word su ubuntu…ma chi lo faceva mi ha detto che aveva un laptop con un i7 octacore.

      • Dovrei installare una macchina virtuale solo per Skype? Non ne vale proprio la pena, fidati.
        Installa Wire e vedrai, altro che Skype…

    • Aury88

      open source il client (come altri), ma ho sentito che stanno per rendere opensource anche lato server 😎

      • icos

        Rendere open il codice server-side serve a poco e niente in realta’, dimostrazione di buona fede ma finisce li; non hai garanzie che quello che gira sul server sia veramente il codice che loro rilasciano.
        Comunque concordo sulla bonta’ di Wire, peccato che la usino poche persone.

        • gabriele tesio

          Si ma se andiamo a ragionare avanti così finiamo per dire che non abbiamo garanzie che il kernel linux che gira nella distro sul nostro pc non sia stato modificato prima di essere stato distribuito, e allora finiamo a scaricare tutti i sorgenti, leggerli dall’inizio alla fine per controllarli, e ce li compiliamo con il compilatore scritto da noi stessi perchè se non controlliamo tutto noi non ci sono garanzie…

        • Aury88

          da quello che so la garanzia è data da un organismo terzo che controlla il checksum del compilato con l’installato. comunque sì, serve a poco: se è il client a fare la criptazione e il server serve solo all’handshake il server serve a poco nulla…il rendere opensource il server però permette comunque di vedere cosa fa effettivamente il server e replicarlo su un altro server per instradarvi le comunicazioni senza dover più passare dal server “ufficiale”

      • Esatto, hai solo sentito dire. Per il resto è solo fuffa.

    • Viktor Kopetki

      il problema è che nel mio skype avrò 500 contatti, come li convinco tutti a passare a Wire ?

    • Auslander

      Skype pero’ e’ forse il solo servizio ad offrire pacchetti in abbonamento (a prezzi stracciati veramente) in caso di chiamate su rete fissa o cellulare in uno stato estero. Lo uso solo per questo, e non trovo alternative valide 🙂
      Purtroppo in casi del genere, la filosofia, l’etica vengono superati dal “bisogno” di avere una soluzione valida e funzionante.
      Se poi esiste un modo per chiamare mia madre (che di tecnologia e smartphone ne sa come me di danza classica e drappeggio) in italia, sono aperto a consigli 🙂

  • Aster

    Mai arrivato nessuna e-mail

  • tommaso seneci

    stavo chiamando ed ad un tratto è morto l’audio e il microfono, a questo punto al riavvio della chiamata è apparso un messaggio “client legacy”. Direi che è un chiaro segno che Microsoft ha detto ciano a linux. Non ne sentirò la mancanza

No more articles