Wine, come molti di voi ben sanno, è un software scritto in C che permette il funzionamento dei programmi sviluppati per il sistema operativo Microsoft Windows su Linux.

Sono passati più di tre anni dalla prima volta in cui si è parlato di Wine per Android. Era febbraio 2013 quando il team del celebre “compatibility layer” per eseguire le app Windows su Linux dichiarava che si sarebbe messo all’opera per includere anche Android. Purtroppo l’attesa è lungi dall’essere finita.

Durante la conferenza annuale WineConf, il team ha spiegato che l’implementazione del codice necessario per eseguire le app Windows su Android procede lentamente a causa di problemi imprevisti, e quindi non sarà completa in tempo per il rilascio di Wine 2.0, che arriverà nei primi mesi del 2017.

  “Speravamo di unire il codice CodeWeavers e renderlo funzionante prima della 2.0, ma abbiamo deciso di rimandarlo perché l’integrazione delle parti Java si è verificata più difficile del previsto“.

Solo per x86

android wine

In ogni caso, Wine per Android sarà compatibile esclusivamente con dispositivi dotati di processori Intel x86. Smartphone e tablet non sembrano quindi i candidati ideali per il progetto, ma device Chrome OS abilitati al Play Store sì. Tra l’altro dispositivi di questo tipo si controllano generalmente con i metodi di input tradizionali, come tastiera e mouse, per cui sono state scritte le applicazioni Win32.

sharing-caring-1-1-1-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • simone

    io vorrei far funzionare itunes su linux , ho provato con wine e con playonlinux ma nulla .
    Qualcuno mi può aiutare?
    Ci sono programmi alternativi a itubes che permettano di collegare iphone a un sistema linux ?
    GRAZIE.

    • IlTizioCheNonVuoleRegistrarsi

      Ciao Simone.
      purtroppo i programmi alternativi ad iTunes sono davvero pochi 🙁
      Quelli più “conosciuti” sono Banshee (GTK) ed Amarok (Qt). Entrambi, però, permettono solo di sincronizzare la musica da quel che so. Io, sinceramente, possiedo un iPad e sono sempre riuscito ad installare iTunes perfettamente su tutte le distro linux che ho avuto modo di provare. Sicuro di non riuscirci neanche seguendo questo video tutorial: https : // www . youtube. com / watch?v = VZuAIMBuxVM (ovviamente scrivi l’indirizzo senza spazi)? L’unica cosa che posso consigliarti è di scaricare la VERSIONE di iTunes a 32BIT (quella a 64bit mi ha sempre dato problemi e, da quel che ho letto, Wine e PlayOnLinux, infatti, non la supportano molto bene).
      Spero di esserti stato d’aiuto, se hai ancora problemi non esitare a chiedere! Buona giornata 😀

      • IlTizioCheNonSopportaDisqus

        Ottima guida anche per capire a che serve PlayOnLinux, grazie del video “Install iTunes on Ubuntu 14.04”.

        • IlTizioCheNonVuoleRegistrarsi

          Ciao IlTizioCheNonSopportaDisqus,
          figurati, è stato un piacere 🙂
          L’unica cosa è che ora mi sento un po’ confuso, sai com’è il nostro nick è troppo diverso xD
          Buona giornata!

  • Matteo Bonanomi

    qualcun altro che pensa che wine su Linux è pura inutilità, su Android è l’inutilità all’ennesima potenza? perchè oltre a faticare e avere mille incompatibilità, nemmeno c’è bisogno di un simile software su Android, ha già tutto quel che serve. Oserei dire che è più lo Store di Windows ad avere bisogno di un emulatore per il ben più svariato e completo mondo di app Android.

    • – Doc –

      Non pensare che se per te una cosa é inutile lo sia anche per gli altri. Ci sono programmi win che con wine non vanno neanche a morire, ma altri utili e meno utili che vanno alla grande. Per Android non so che dire, per me é “inutile” ma magari ad altri salverà il sedere in qualche modo.

      • Matteo Bonanomi

        non mi mettere in bocca parole che non ho detto. la mia personale opinione su WINE è che siano energie buttate, che si potrebbero focalizzare in altro anzichè cercare di runnare software nativi per win su Linux. Alla fine il parco software che si presta a questo processo è limitatissimo, e i bug non mancano. A quel punto macchina virtuale e via. su android a maggior ragione la situazione mi sembra ridicola, visto che per ogni qualsivoglia bisogno esistono decine e decine di app sul Play Store che fanno al caso tuo. Ovvio che esistono software di Windows che avere su Android/Linux sarebbe una vera e propria manna… ma non è il concetto di WINE quello che mai realizzerà il porting di AutoCad su Linux, di PhotoShop su Linux, almeno non esente da bug ad ogni nuova release.

No more articles