Neofetch è fa parte dei cosiddetti CLI system info tools. Ve ne ho parlato recentemente qui.

L’app ha ricevuto da pochi giorni un importante aggiornamento con una miriade di novità, vediamole insieme.

Neofetch 2.0

neofetch 2.0

“Questa è la più grossa release di sempre” questo un sunto delle parole dello sviluppatore Dylan Araps. Una grossa parte dello script è stata riscritta e ripulita. Corretti anche numerosissimi bug.

Queste sono alcune delle novità che trovate in Neofetch 2.0:

  • Improved ASCII art handling, including default OS fallback when distro not detected
  • ASCII colour tweaks for select distros, including Arch
  • Support for HyperTerm
  • GPU info is cached until reboot
  • Dedicated GPU preferred over integrated
  • ‘Now Playing’ support for select music players
  • Wallpaper detection on Cinnamon desktops
  • Improved documentation & wiki

Le informazioni supportate sono:

  • distro
  • model
  • kernel
  • uptime
  • packages
  • shell
  • risoluzione
  • tema
  • icone
  • cpu
  • gpu
  • memoria
  • font
  • disco
  • batteria
  • ip locale e pubblico
  • compleanno dell’utente
  • cpu usage

Potete scaricare Neofetch 2.0 cliccando qui.

Alternativamente potete aggiungere il PPA  e poi installare il tool dando i seguenti comandi:

  • sudo add-apt-repository ppa:dawidd0811/neofetch
  • sudo apt update && sudo apt install neofetch

Una volta eseguita l’installazione per lanciarlo basta dare “neofetch” da terminale. Mentre

  • neofetch –help

vi mostra tutta la lista di comandi eseguibili

sharing-caring-1-1-1-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

No more articles