Il maintainer di Apricity OS Alex Gajewski ha reso noto che la nuova versione del suo sistema operativo GNU/Linux basato su Arch Linux è ora ufficialmente disponibile per il download.

Vi abbiamo già parlato di Apricity OS in passato, in concomitanza del rilascio della prima versione stabile.

Apricity OS 11.2016, soprannominato “Birch” è stato rilasciato oltre dieci giorni fa, il 3 Dicembre, ma solo ieri il team ha pubblicato un post per informare la community circa le novità introdotte. Questa release contiene numerose migliorie, tra cui l’aggiornamento a GNOME 3.22 e molto bug fixing. Corretto un problema abbastanza grave che impediva il completamento della procedura di installazione al 92 % o al 93%.

apricity os

Essendo basato su Arch Linux Apricity è costantemente sincronizzato coi repo pertanto se state usando una versione precedente (ad esempio Apricity OS “Aspen”) non è necessario scaricare questa nuova versione ma è sufficiente aggiornare da terminale.

Per farlo non dovete far altro che dare il seguente comando:

  • sudo pacman -Syu

Per maggiori informazioni vi rimando alla pagina ufficiale del progetto.

sharing-caring-1-1-1-1

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • Rand Al Mucck

    Esattamente in cosa differisce questa distro da Manjaro Gnome?

    • El Ninho

      Si chiama Apricity OS, è più fico! 🙂

      • alex

        e poi questa è firmata Alex Gajewski, vuoi mettere!?…. molto più figo 😀

    • Marco Persy

      diciamo che Manjaro ha una sottostruttura diversa: “era” basata su Arch, ma ora ha uno sviluppo indipendente, nonostante utilizzi ancora la stessa pacchetizzazione (ma i server sono di Manjaro). Apricity è un Arch con qualche script in python in più. non la consiglierei all’utente alle prime armi, nonostante abbia questi propositi

      • Aster

        io non ho visto differenze nel uso di un utente alle prime armi tra questa e manjaro,anzi

        • giocitta

          Sono pienamente d’accordo!

    • Aster

      io lo uso con de budgie,molto bella e stabile unica distro alternativa e solus os

    • giocitta

      Coloro che mi hanno precedeuto hanno risposto al tuo quesito. Io desidero solo aggiungere che uso ArchLinux fin dal suo primo apparire (così come Gentoo): Apricity è, a mio modo di vedere, la più curata, la più bella, la più promettente tra tutte le derivare di ArchLinux. Provala e sono sicuro mi manderai un messaggio di conferma!

      • Aster

        Concordo bellissima e curata

    • manjaro non è più una derivata pura di arch, ha la sua gestione, gli aggiornamenti arrivano con tempistiche differenti rispetto ad archlinux.
      invece apricity come anche antergos sono derivate pure di archlinux, nel senso che si basano interamente sui repository di arch senza stravolgere nulla.

  • NerdissimoPC

    Quando c’è scritto “Windows Integration” sicuramente intende Wine e PlayOnLinux, ma nel senso di semplice preinstallazione o che ha anche delle sue ottimizzazioni?

    • Giuseppe Ceccarino

      Non è che potresti darmi una mano? xD

      • NerdissimoPC

        No, sono nuovo nel mondo Linux, e per lo più sono soltanto incuriosito, non ho mai usato un SO Linux.

        • Giuseppe Ceccarino

          Bene hahhah siamo in due io sto provando a installare il tutto attraverso una pen drive ma nada :/

        • mscanfe

          scusa ma…
          per essere uno “nuovo” forse iniziare da ArchLinux non è la scelta migliore…
          Per carità, il mondo gNULinux è come una foresta, puoi entrarci da dove ti pare per iniziare ad esplorarla … però forse iniziare da boschetto *buntu, molto più amichevole, ti permetterebbe di prendere prima confidenza con alcuni concetti basilari che ti risulteranno indispensabili prima di addentrarti nella parte più intricata…
          cosa ne pensi?

          • NerdissimoPC

            Si, infatti su Virtual Box sono con Ubuntu, non ho purtroppo un PC da dedicargli, non uso ArchLinux, troppo complicato per me.

      • che problemi hai

        • Giuseppe Ceccarino

          Dea se hai discord o team speak sarebbe più semplice spiegare il mio problema :/

    • probabilmente è il semplice wine, dubito che il team apricity faccia ottimizzazioni, non credo che abbiano un team ampio da riuscire a fare addirittura ottimizzazioni ad un progetto di terze parti.

  • Giuseppe Ceccarino

    Ho dei problemi nell’installazione tramite usb qualcuno puoi aiutarmi?

    • luigi

      che tipo di problemi?

      • Giuseppe Ceccarino

        Problemi durante l’installazione usb, mi rimanda ad una schermata in stile terminale dove mi consiglia di sistemare una problematica :/

        • luigi

          sei un po’ troppo generico……riesci a entrare nella sessione live? che tipo di problema ti restituisce, cioé, che errore ti esce scritto nel terminale?

          • Giuseppe Ceccarino

            Scusa se risulto essere troppo generico, ti riparto l’errore:

            waiting 30 seconds for device
            /dev/disk/by-label/APRICITY
            ERROR: ‘/dev/disk/by-label/APRICITY device did not show up after 30 seconds . . .
            Falling back to interactive prompt you can try to fix the problem manually, log out when you are finished
            sh: can’t access tty: job control turned off
            [rootfs] #_

            Spero di essere stato abbastanza specifico.

          • luigi

            Penso sia un problema di come hai preparato la iso su usb. probabilmente il nome attuale della chiavetta é diverso da APRICITY, dovresti provare a rifarla chiamandola con quel nome. che programma hai usato? se sei su windows ti consiglio rufus, se sei su linux meglio dd, come ti hanno segnalato sopra, trovi la procedura sul wiki di archlinux. ciao.

    • El Ninho

      come hai fatto la pen drive?, per esperienza funziona solo dd con arch

      • Charlie02_

        Per esperienza mia funziona sia dd che la procedura manuale spiegata nel wiki di Arch, ovvero quella fatta installando manualmente syslinux.
        Molto probabilmente Unetbootin non funzionerebbe;su altri programmi per fare questo (Rufus et similia) non parlo.

No more articles