Unity Mail era una piccola applicazione per Ubuntu che permetteva di visualizzare dal desktop il numero di e-mail ricevute ma non ancora lette sul proprio account di posta elettronica.

Come capita anche a molte altre app open source, Unity Mail è stata abbandonata dai suoi sviluppatori. Ecco come si presentava nel lontano 2011:

unity mail 2011

Unity Mail is back in town

unity-mail-ubuntu-2016

Uno dei ragazzi dietro al progetto ha ripreso in mano il codice e ha un PPA. Unity Mail è tornata e funziona meglio di prima su Unity.

L’app, attraverso un piccolo numero, mostra il numero di e-mail che avete ricevuto sul vostro account di posta, così potete evitare di accedere continuamente al vostro servizio e-mail.

Unity Mail funziona con quasi tutti i servizi, da Gmail a Yahoo! passando per Outlook etc. Tutti quelli che usano IMAP4 sono supportati. E’ anche possibile collegare più account contemporaneamente e attivare le desktop notifications, che vi comunicano in real time se vi arriva una mail.

Ecco il menù dell’app:

messaging-menu

Potete usarla anche su altri desktop environment, ad esempio su MATE, ma naturalmente non sono presenti tutte le funzioni che trovate su Unity.

Installare e configurare Unity Mail su Ubuntu 16.04 LTS

Per installare l’applicazione potete aprire il terminale e fare un copia-incolla dei seguenti comandi:

  • sudo add-apt-repository ppa:robert-tari/main
  • sudo apt-get update sudo apt-get install unity-mail

In alternativa, se non volete aggiungere il PPA, potete scaricare l’installer cliccando qui.

Una volta installata l’applicazione la prima cosa da fare è aggiungere un account. Per farlo lanciate Unity Mail dalla Unity Dash e cercate la voce “change account details” nelle impostazioni.

Successivamente dovrete aggiungere i dettagli del vostro indirizzo mail. Nelle opzioni potete poi settare l’applicazione per fare in modo che risponda alle vostre necessità. Ad esempio se collegate molte e-mail vi conviene disabilitare le notifiche desktop per evitare di essere continuamente disturbati.

unity-mail-settings

Quando tutto è settato secondo le vostre personalissime preferenze applicate le modifiche!

Potrebbe capitare che all’apertura di Unity Mail l’applicazione vada ad aprire in automatico una scheda nel vostro browser che vi collega al vostro servizio mail, come se l’app non stesse funzionando a dovere. Questo potrebbe crearvi confusione inizialmente, è però sufficiente chiudere le scheda dopo 10 secondi e il contatore delle mail riapparirà normalmente.

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento

 

  • carlo coppa

    Grande ! Unity Mail è molto comoda, sono felice che è stato ripreso lo sviluppo, ho sempre utilizzato questo piccolo software fino alla 14.04, mentre sulla 16.04 non era più disponibile, ora finalmente è tornato !

  • Ansem The Seeker Of Darkness

    io oramai sono su nylas e non mi schiodo! appena finirà il mio anno gratuito mi metto il sync engine sulla NAS e continuerò ad usarlo (magari dando accesso ai miei amici e parenti).
    Di gran lunga il miglior software mail che abbia provato!

    • carlo coppa

      Unity Mail non è un client di posta, serve più che altro per ricevere notifiche.

    • Sallo

      Kube dovrebbe essere una piccola rivoluzione dei client mail su linux, almeno in fatto di design

      • Ansem The Seeker Of Darkness

        Ho provato a cercare, ma non ho trovato praticamente niente come documentazione 🙁
        È solo per Linux?

  • CharlieP

    Bellissima app, ti permetteva di gestire sia mail che account di IM. proprio qualche mese fa ho scaricato Ubuntu 10.04 lucyd Linx (a cui ero e sono molto affezionato) per vedere come era fatto il desktop e cercare di “ricostruirmelo” su Arch. E sono a ottimo punto, mi manca giusto questa. Speriamo in un porting al più presto.

No more articles