In breve: Philip Müller negli scorsi giorni ha annunciato il rilascio di Manjaro Linux 16.08 nome in codice Ellada.

Sotto il cofano di questa release troviamo il desktop environment Xfce, da sempre il più amato dal team di sviluppo di Manjaro.
Le principali novità, che potete anche consultare attraverso l’annuncio ufficiale di Müller, sono increntrate sul miglioramento della user experience, è stato rifinito il look&feel con il passaggio al nuovo tema Vertex-Maia. L’edizione secondaria è ora basata su KDE Plasma 5.7  insieme al quale troviamo anche la suite KDE Apps 16.04.
manjaro ellada

A seguire un piccolo elenco dei software che trovate a bordo:

  1. Plasma 5.7.3
  2. Firefox 48.0
  3. Nvidia 367.44
  4. LibreOffice 5.1.5
  5. systemd 231
  6. Octopi 0.8.3
  7. Pamac 4.1.3
  8. Calamares 2.4
Ci tengo a spendere due parole per Calamares 2.4 che porta alcune novità come l’aggiunta del supporto per il riutilizzo di una partizione /home esistente se viene rilevato in /etc/fstab un sistema operativo già installato, un nuovo modulo netinstall che permette la scelta dei pacchetti da installare. E’ stata inoltre migliorata la gestione dell’autodetection delle impostazioni locali e della timezone.

Potete scaricare Manjaro Linux 16.08 Ellada semplicemente cliccando qui.

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

[Fonte]

  • fayad ibrahim

    Ne ho usate diverse di distribuzioni ma finalmente posso dire di aver trovato quella che fa per me ed è senza dubbio MANJARO

    • Luca Cavedale

      con kde è fantastica :)))

      • Concordo, mi pare un po’ lenta al caricamento come in genere altre distro con kde ma cmq una distribuzione con kde molto carina.

  • Sicuramente perfetta con XFCE, senza dubbio. 😉

  • giangi

    Tra le distro più diffuse, penso sia la più brutta dal punto di vista estetico….babba mia

    • maxjaro

      ehhhh???

      • giangi

        e basta, semplice opinione personale….Le impostazioni estetiche sono una cosa che uno cambia in 5 minuti, non é sicuramente un problema…..dovessi usare manjaro, post installazione la prima cosa che farei sarebbe sicuramente cambiare tema, poi sono gusti.

  • Edmond Dantès

    Non saprei come definirla, ho scaricato la iso, ho usato unetbootin, ma non parte al boot peggio di suse, comunque non so se sia una buona distro ma rimango felice e contento con mint 18 cinnamon a limite solydk basata su debian 8 è ottima….

    • pierpiero

      con unetbootin riesci a far partire una iso su 20, usa dd che non fallisce mai.

      sudo dd bs=4M if=/percorso/nome.iso of=/dev/sdx status=progress && sync

      • Edmond Dantès

        mmm devo sostituire solo il “percorso e nome iso” giusto? dev sta per la posizione della chiavetta?

        • pierpiero

          Devi sostituire percorso/nome.iso con il percorso dove hai la iso (esempio, /home/edmond/downloads/manjaro.iso) e sdx con in nome della chiavetta (generalmente sda e’ il disco principale e sdb la chiavetta, lo puoi vedere con “fdisk -l”, gparted, gnome-disk, ecc….., importante non mettere il numerino alla fine, solo ad esempio sdb e non sdb1). Prima di fare cio’ assicurati che la chiavetta non sia montata, status=progress si puo’ omettere.
          Comunque trovi tutto sia sul wiki di arch “USB flash installation media” che di manjaro “Burn an ISO File”. Ciao

    • Stefano

      Unetbootini è sconsigliato nella wiki manjaro creazione usb quindi di chi è la colpa :p ( appena un problema subito a lamentarsi :p : modalità sarcastica )

      • Edmond Dantès

        Bè ovviamente c’è da mettere la mia inesperienza XD :modalità mea culpa… ho provato anche ad installare Gentoo a metà installazione si è bloccato il terminale la seconda volta mi dava errore, il tutto ovviamente con guide profetiche del wiki suddetto…

    • Aster

      stesso problema con opensuse,peccato volevo provarla dopo tanti anni

  • Aster

    tutti i greci subito a scaricare:)

No more articles