Rilasciata la seconda beta di Ubuntu 16.10 Yakkety yak.

Ubuntu 16.10 Beta 2 è finalmente disponibile, con una settimana di ritardo rispetto alla tabella di marcia.

Il ritardo è stato causato da un aggiornamento dell’ultimo minuto del kernel che ha prodotto diversi disguidi e problemi con conseguente aumento della fase di testing.

Anche gli altri flavors hanno aderito alla beta2, ovvero:

  1.  Ubuntu GNOME,
  2. Ubuntu MATE,
  3.  Kubuntu
  4. Lubuntu

Questi flavors avevano partecipato anche al rilascio dell’alpha e della beta1. Questa beta 2 sarà seguita da una release candidate il prossimo mese mentre il rilascio definitivo avverrà il 13 Ottobre.

Le novità in Ubuntu 16.10 Yakkety Yak?

ubuntu 16.10 beta 2

Spoiler: non molte.

Questa beta non ha molte novità rispetto a Ubuntu 16.04 LTS. Non ci sono grosse novità, almeno non dal punto di vista dell’utente finale di cui parlare o discutere. Il kernel sarà il 4.8 il cui rilascio definitivo, come sapete, avverà Domenica prossima (mentre Domenica scorsa è uscita la RC8).

Sono state aggiornate le app di Default (Nautilus 3.20, Totem video player 3.22, Mozilla Firefox 49 etc) ed è stato introdotto un nuovo wallpaper.

Potete scaricare Ubuntu 16.10 beta 2 cliccando qui.

Potete scaricare Ubuntu GNOME 16.10 beta 2 cliccando qui.

Potete scaricare Kubuntu 16.10 beta 2 cliccando qui.

Potete scaricare Lubuntu 16.10 beta 2 cliccando qui.

Potete scaricare Ubuntu MATE 16.10 beta 2 cliccando qui.

sharing-caring-

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

 

  • per ubuntu gnome hanno anche introdotto una sessione wayland

    • alex

      è gnome che l’ha introdotta, e da tempo. Non ho capito se con l’attuale versione appena uscita diventi anche quella di default, non mi pare ci siano particolari controindicazioni ad usarla.

  • mrholiday

    si potrà provare unity8 da live? se si allora la scarico al volo!!

    • unity 8 da live la si poteva gia testare, bastava installarlo, e credo che per questa versione sia lo stesso

      • gabriele tesio

        mi pareva di aver letto che in questa versione veniva preinstallato, con unity 7 di default e unity 8 selezionabile dal login.

        • mi sembra di no… è stato rimandato ancora.
          su desktop non sono ancora pronti unity8 e mir

          • gabriele tesio

            e invece ci sarà, http : // www . omgubuntu . co . uk/2016/10/unity-8-desktop-session-ubuntu-1610 non di default, ma comunque incluso nell’installazione.

          • si è stato un cambiamento all’ultimo

  • linuxiano85

    Per ubuntu mai una novità interessante. Trovo più innovative le sue flavors.

    • “Per ubuntu mai una novità interessante”
      scusate, leggo sempre commenti del tipo, mai nulla di interessante per ubuntu, sempre la stessa cosa, ma le altre distribuzioni innovano così tanto secondo voi???
      no perchè ditemi, oltre al classico aggiornamento dei software, cosa cambia di versione in versione nelle altre distribuzioni??
      fedora è da anni che dice la prossima versione avrà wayland di default, e puntualmente hanno sempre rimandato, e ora finalmente con fedora 25 sembrerebbe che il fatidico giorno sia arrivato, ma a parte fedora 25, la versione 24 cosa introduceva di nuovo a parte il classico aggiornamento dei pacchetti?
      oppure opensuse, con la versione 42 (che hanno fatto tutta quella “pubblicità”, passiamo al numero 42, perchè è il numero perfetto, di qua di la, ecc… ecc… ma alla fine dei conti cosa è cambiato tra opensuse 13.2 (non ricordo se era quella l’ultima versione) a opensuse 42?? e cosa cambia ora con opensuse 42.1?
      anche la stessa debian, tra una versione e l’altra di debian, cosa cambia oltre alla versione dei pacchetti??
      ArchLinux?? Manjaro?? ecc….
      vi sembra forse che nelle altre distribuzioni i cambiamenti sostanziosi siano frequenti?
      poi una volta che ubuntu cambia qualcosa tutti si lamentano… eh ma era meglio upstart di systemd, non lo voglio… eh non mi piace unity rivoglio gnome 2.x….
      poi se non porta cambiamenti radicali, tutti a lamentarsi, eh ma è sempre la stessa cosa.

      il punto è che tutte le distribuzioni non hanno cambiamenti importati così tanto spesso, e ubuntu non è da meno, anche perchè possiamo cambiare distribuzione ma più o meno la base è sempre quella, quindi è normale che non ci siano grosse differenze.

      le sue flavors cosa hanno introdotto di nuovo??
      – Kubuntu, solito aggiornamento di pacchetti
      – Ubuntu gnome aggiornamento di pacchetti più sessione sperimentale di wayland
      – Xubuntu solito aggiornamento di pacchetti, e neanche il DE si aggiorna visto che xfce non si è più aggiornato da xubuntu 16.04
      – Lubuntu niente, forse dalla prossima versione ci sarà un bel cambiamento visto che passerà a LxQT
      – Ubuntu Mate solito aggiornamento di pacchetti, avevano provato nella alpha ad introdurre la HUD come in ubuntu, ma poi l’hanno rimossa nella beta perchè dava problemi.

      insomma canonical non è perfetta, ubuntu ha i suoi problemi, ma anche NOI utenti, siamo sempre pronti a lamentarci di tutto, critichiamo ubuntu (in questo caso) anche se gli altri fanno lo stesso.
      così come siamo sempre pronti a criticare fedora perchè rimanda sempre l’uscita della distribuzione per correggere gli ultimi bug, ma allo stesso tempo ci lamentiamo se una distribuzione esce in tempo ma ha dei bug.

      insomma basta lamentarsi sempre di tutto.
      ubuntu come qualsiasi altra distribuzioni fa principalmente un aggiornamento di pacchetti usando versioni più nuove, e più raramente fa cambiamenti più sostanziosi come può essere il passaggio a systemd, oppure il passaggio a unity 7, oppure un futuro passaggio a unity 8 con mir, oppure anche la stessa introduzione di snap è una bella innovazioni (introdotta solo 6 mesi fa con ubuntu 16.04).

      poi per carità canonical potrebbe rivedere il tema gtk e delle icone per svecchiarlo un po (per esempio il tema arc, prende spunto da ambiance ma ha un aspetto molto più moderno e bello rispetto ad ambiance, e le icone humanity, non si possono vedere, fanno semplicemente schifo, potrebbero renderle più moderne), ma questo non è solo un problema di ubuntu, lo stesso vale per esempio per fedora, il tema adwaita e le icone di gnome di default, non sono certo belle, ma non vedo nessuno che si lamenta per i temi di fedora.
      alla fine cambiare tema è questione di poco tempo (e con ubuntu 16.10 ho letto che il tema arc sarà incluso nei repository), quindi pazienza.

      detto questo, scusate per il commento lungo

      • Wiz

        Per me dovrebbero alleggerirlo. Ho provato Ubuntu,Kubuntu,Ubuntu-mini,Ubuntu Mate,Lubuntu e Xubuntu, e tutte quante presentavano le stesse problematiche: boot e responsività del sistema lenti.

        • Aury88

          cosa intendi per tool grafico e che cosa hai provato a rimuovere?

          • Wiz

            Scusami, dallo store intendevo.

          • Aury88

            che cosa hai rimosso?

          • Wiz

            Non ricordo adesso i nomi precisi, ma si tratta delle app preinstallate tipo: “Cheese”, “Calcolatrice”,il gioco di carte, ecc.

          • Aury88

            mi sembra strano che la rimozione di quegli applicativi possa provocare un malfunzionamento del DE…forse si è eliminata qualche dipendenza in uso al resto del de ma il tool grafico non dovrebbe avere questo comportamento di default

          • Wiz

            Appunto! E’ la cosa più strana che mi sia mai capitata.

  • cosmon560

    Da quando hanno tolto Fglrx non riesco più nemmeno ad avviare Steam. Davvero una delusione. Di questo passo si torna a Windows.

    • steam funziona benissimo anche con i driver opensource, se hai il problema che penso io ti basta dare questi comandi

      cd $HOME/.steam/ubuntu12_32/steam-runtime/i386/usr/lib/i386-linux-gnu
      mv libstdc++.so.6 libstdc++.so.6.bak
      cd $HOME/.steam/ubuntu12_32/steam-runtime/amd64/usr/lib/x86_64-linux-gnu
      mv libstdc++.so.6 libstdc++.so.6.bak

      e torna tutto a funzionare

      mentre per quanto riguarda FGLRX, non è ubuntu ad aver tolto Fglrx è AMD ad averlo abbandonato.
      ormai tutte le distribuzioni hanno abbandonato quel driver, in quanto è obsoleto (Archlinux per esempio ormai è da una vita che ha rimosso quel driver dai repo ufficiali, in quanto veniva aggiornato troppo raramente e causava sempre problemi con xorg), non viene aggiornato (seriamente) da oltre un anno e non supporta xorg 1.18 (e nemmeno le recenti versioni del kernel, ma per quello basta patchare il kernel e si riesce a farlo andare) quindi non è utilizzabile in nessuna distribuzione moderna (solo debian, ubuntu 14.04 e poche altre distribuzioni si salvano visto che hanno pacchetti più vecchi e quindi xorg non aggiornato).

      non si può dare la colpa a canonical per aver tolto il supporto a quel driver.
      non si può certo pretendere che ubuntu (o altre distribuzioni) continuino ad usare xorg 1.17, solo perchè qualcuno vuole continuare ad usare driver obsoleti e non più supportati nemmeno da AMD stessa.

      AMD stessa sta puntando tutto sul nuovo kernel driver AMDGPU e il nuovo driver ibrido AMDGPU-PRO, il pacchetto catalyst/fglrx è morto.
      hanno fatto un lavoro immenso per i driver open e stanno migliorando ancora, ormai le performance dei driver open sono paragonabili alle performance del vecchio fglrx, inoltre essendo inclusi nel kernel, migliorano di versione in versione, e sopratutto non danno problemi di compatibilità

      • cosmon560

        Ti ringrazio per l’ esaustiva risposta

  • Diciamo che ormai Canonical farebbe bene a focalizzarsi solo sulle versioni LTS.
    Se le versioni semestrali hanno poche novità e quasi irrilevanti serve a ben poco, di conseguenza gli sviluppatori devono togliersi una parte del carico che hanno addosso e migliorare per davvero la distribuzione di Mr. Shuttleworth.
    Ecco perché Canonical non riesce a mantenere promesse ed aspettative e si ritrova costretta a rimandare sempre le novità di rilievo, hanno troppa carne al fuoco.

    • laodoco

      La novita’ e’ il Kernel 4.8. Le semestrali sono delle versioni sperimentali, senza quelle non sarebbe possibile fare la 18.04 LTS. Gli utenti normali dovrebbero rimanere sulle LTS.

      • Per i developer ok ma se un’azienda decide di usare Ubuntu o una sua derivata le versioni LTS sono una manna, altrimenti ogni upgrade ogni 6 mesi è una rottura, oltre che essere un problema per la stabilità.

        • Aury88

          direi che vista la quantità di modifiche le non lts non possano considerarsi più di tanto instabili rispetto le lts…il motivo per cui un azienda dovrebbe usare la lts è di fatto unicamente il supporto per 5 anni che permette di evitare di fermare la macchina per tutto questo arco di tempo…altri motivi non ne vedo visto anche il fatto che i pacchetti installati, pur essendo nove versioni, per la stragrande maggioranza dei casi sono bugfix delle versioni presenti sulle non lts e quindi in molti casi potenzialmente più stabili

  • Aury88

    nah…rimarrò alla LTS…non per la stabilità, ma semplicemente perchè non ci sono abbastanza novità da giustificare la mezzoretta da dedicare a reinstallare tutti i programmi dopo l’aggiornamento

  • Massimo A. Carofano

    Ma quando inizieranno a creare una ISO di Ubuntu con Unity 8 e MIR di default?
    Di questo passo ci vorrò Ubuntu 20.04 per veder qualcosa di nuovo lato convergenza..

  • snizzo

    se ci piazzano xorg 1.19 anche da edgers con il sync tra schede video nvidia optimus è la svolta!

No more articles