Il team di digiKam ha annunciato il rilascio di digiKam Software Collection 5.2.0

DigiKam è un software open source per la gestione delle proprie fotografie, disponibile per Linux, Windows, e Mac OS X. Pensato per guardare, editare, organizzare, inserire tag e condividere le proprie immagini è uno dei software migliori che possiate scegliere in ambiente GNU/Linux.

Circa un mese e mezzo dopo il rilascio di Digikam 5.1.0 gli sviluppatori hanno preparato un nuovo e corposo aggiornamento che migliora sensibilmente il programma.

Digikam 5.2.0

E’ stato introdotto un nuovo tool che risolve il problema degli occhi rossi utilizzando un nuovo algoritmo pensato da Omar Amin durante la Google Summer of Code 2016. Il tool è disponibile sia nell’Image Editor che nel Batch queue manager.

digikam 5.2.0

L’algoritmo è stato ottimizzato ed è molto veloce ed intruitivo. Gli utenti devono impostare solo un parametro per il resto il tool fa tutto da solo.

Sono state applicate alcune ottimizzazioni per migliorare la stabilità e l’usabilità del programma, inoltre gli sviluppatori hanno corretto più di 42 bug

La documentazione, che non viene aggiornata da anni verrà presto rinnovata.

sharing-caring-

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

  • Mark Skama

    usando linuxmint + mate non ho mai usato questo programma che richiede molte librerie kde…spero che in futuro qualcuno crei una versione snap o indipendente, eseguibile tramite una cartella; o forse già esiste?

    • Francesco Bedussi

      In effetti è uno dei motivi, insieme a dolphin, che mi tengono (felicemente) legato a KDE.

  • toni

    OT: mi potete indicare un programma che converta un file video da 2d a 3d per linux? so che non è un vero 3d ma mi va bene lo stesso.

    • Luca Calvietti

      Ma tu dove l’hai mai vista una cosa del genere?

No more articles