In breve: l’applicazione Calendar nativa di Ubuntu Touch finalmente aggiungerá il supporto agli standard aperti piú diffusi, OwnCloud e CalDav.

calendar-1

Ubuntu Touch rappresenta il tentativo di Canonical di portare il loro sistema GNU/Linux nelle tasche di tutti. Questo obiettivo al momento é ben lontano dall’essere raggiunto. Ciononostante i progressi continuano, lenti ma costanti.

Poche ore fa Bill Filler, uno degli sviluppatori dell’app dedicata alla gestione del calendario, ha scritto su Launchpad che a partire dall’OTA13 Ubuntu Touch supporterá la sincronizzazione multicalendario nonché OwnCloud e CalDav, due delle piattaforme piú usate.

Questo, come saprá chi ha potuto provare di persona Ubuntu Touch, é un notevole passo in avanti rispetto alle precedenti versioni. In queste ultime infatti era possibile sincronizzare il proprio calendario esclusivamente con Google Calendar. Alternativamente si poteva forzare la sincronizzazione con altre piattaforme, ma questo richiedeva passare dal terminale e non si trattava di certo di una soluzione ottimale per uno smartphone. Oltretutto lo stratagemma doveva essere applicato ad ogni sincronizzazione.

Grazie a questo aggiornamento, richiesto dagli utenti addirittura dal 2013, Ubuntu Touch consolida i propri punti di forza rispetto ad altre piattaforme. In particolare, buona parte dell’attrattiva di questo sistema consiste nella maggiore privacy e utilizzare servizi Google (e non solo) significa sacrificarne non poca.

[Fonte]

No more articles