In breve: la prima release stabile di KDE Connect è stata ufficialmente rilasciata.

Il software viene descritto come  “the most solid yet feature-packed version we ever released”, con questo aggiornamento sono state introdotte numerose nuove funzioni.

E’ stata migliorata la sicurezza del programma che ora utilizza la TLS (Transport Layer Security) invece dell’RSA diminuendo così drasticamente la probabilità di ricevere un attacco man-in-the-middle. Il passaggio alla TLS non comporta solo un miglioramento in termini di sicurezza ma anche un minor consumo della batteria e maggiore velocità.

kde connect

Grazie a KDE Connect quando ricevi un messaggio (SMS) sul tuo smartphone questo ti verrà notificato sul desktop. E’ possibile rispondere dal desktop senza dover toccare il telefono.

Se già dalle release precedenti era possibile vedere le notifiche del telefono sul desktop ora è possibile anche il contrario: dal telefono si possono visualizzare le notifiche del vostro pc previa abilitazione dell’opzione sia sull’app mobile che su desktop. E’ ovviamente possibile decidere quali notifiche mandare al telefono e quali no.

E’ addirittura possibile eseguire un comando sul pc mediante telefono, ad esempio lanciare un apt-get update, aprire Clementine o Spotify oppure mandare il pc in standby.

Dove scaricarlo?

Sia Ubuntu 16.04 LTS che Ubuntu 16.10 offrono una versione vetusta del programma.

Se state usando Yakkety Yak siete fortunati, Clive Johnson permette di installare KDE Connect 1.0 attraverso il suo PPA.

Altrimenti potete scaricare il software direttamente dal sito di KDE | Download qui.

Ovviamente è necessario che installiate la controparte mobile su smartphone (Android) dal Google Play store

sharing-caring

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.

 

No more articles