Firefox 49 e il supporto nativo per Amazon Video e Netflix

14
317
firefox

In breve: Firefox 49 per Linux supporterà lo streaming senza plugin su Netflix e Amazon Video.

Mozilla sta appoggiando il concetto di browser plugin-free. Netflix e Amazon Video potranno essere visti senza l’uso di software di terzi parti dalla prossima versione di Firefox, Mozilla Firefox 49.
Gli sviluppatori di Mozilla prevedono di integrare Google Widevine CDM in Firefox 49 per Linux consentendo così a tutti gli utenti Linux di poter finalmente usufruire dei suddetti servizi senza dover  combattere con plugin di terze parti.
Non solo Firefox sarà presto plugin-free, tutto il mondo dello streaming online si sta muovendo (seppur lentamente) verso HTML5 abbandonando così i pachidermi Adobe Flash, Microsoft Silverlight etc. Ad oggi, va detto, diversi siti li utilizzano e molti servizi devono ancora lasciarseli alle spalle ma possiamo affermare con una certa sicurezza che i plugin apparterranno al passato molto presto.

L’interfaccia NPAPI e l’addio ai plugin.

google-widevine Firefox 49

La principale motivazione a conferma di quanto detto poco sopra è data dal fatto che i browser presto rimuoveranno il supporto al cosiddetto NPAPI plugin, senza il quale i browser non riconosceranno più i plugin pertanto non saranno più utilizzabili dai siti internet.

C’è stato un gran vociare riguardo l’eliminazione dell’interfaccia NPAPI che è attualmente supportata da tutte le versioni di Firefox per permettere il funzionamente delle tecnologie di terzi. Il futuro comunque è scritto, Google ha già eliminato tale interfaccia da Chrome 45 e Mozilla seguirà a ruota.

Il vantaggio di Chrome, che va sottolineato, è dato dal fatto che ha un plugin nativo per supportare Flash quindi la rimozione dell’interfaccia NPAPI non pregiudica il funzionamento dei siti internet mentre rimuovendola da Firefox non ci sarà alcun modo per vedere un contenuto che richiede Flash. Questo comunque vale solo per Flash, Silverlight e altri plugin non sono più supportati da Chrome 45.

Gli utenti Firefox che usano Windows e Mac possono già vedere contenuti in HTML5 (Mozilla ha implementato due moduli CDM su Windows e uno su Mac). Linux come sempre insegue e Google Widevine CDM sarà implementato a partire da Firefox 49.

Gli utenti che non vorranno utilizzare Widevine potranno disabilitarlo dalla pagina about:addons, oppure potranno disabilitare il DRM impedendo di fatto il caricamento di Widevine (andando su about:preferences#content).

Vi ricordiamo infine che seguirci è molto semplice: tramite la pagina Facebook ufficiale, tramite il nostro canale notizie Telegram e la nostra pagina Google Plus.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento