In breve: Voglio parlarvi di Wmail, applicazione desktop open source per Gmail e Google Inbox disponibile per Linux, Windows e Mac.

L’applicazione, basata su Electron, è molto simile alla consueta pagina Gmail accessibile mediante browser.

wmail

Ecco l’interfaccia di Wmail

Ciò che rende l’applicazione veramente interessante è il poter associare un numero potenzialmente infinito di account, permettendoci di gestire tutti i nostri contatti con un unico programma, d’altronde tutti abbiamo almeno due account e-mail (personale + università? personale + lavoro?). Chiaramente ciò non toglie che si possa usare anche un solo account.

Le funzioni più interessanti di Wmail sono:

  • supporto per Gmail e Google Inbox;
  • Login mediante OAuth;
  • Supporto per un numero illimitato di account;
  • Notifiche desktop native (anche sonore);
  • tray / indicator icon con accesso rapido alle e-mail da leggere;
  • keyboad shortcuts;
  • drag & drop per i file.
Un bug, già noto allo sviluppatore, e che io stesso ho riscontrato non consente di interagire con l’applicazione quando essa sta aggiornando il database delle e-mail, fatto abbastanza fastidioso quando si collega un account con tante mail non lette che richiedono tempo per la sincronizzazione completa. Il problema dovrebbe venir presto risolto.

Download Wmail

Potete scaricarlo direttamente dalla pagina GitHub dedicata, dopodichè per usarlo, su Linux of course, vi basterà estrarlo e fare doppio clic sull’eseguibile “Wmail”.

[Fonte]

  • luigi

    di quale versione si parla? 1.3.1 o 2?

  • France

    Molto interessante, gestisse anche altre webmail sarebbe perfetto

  • Piero

    Basta con queste App inutili e pesanti. C’è l’interfaccia Web che funziona benissimo e se proprio non volete usarla c’è il miglior client di posta elettronica che gestisce benissimo gli account Gmail in IMAP: Thunderbird

    • pinotto

      QUOTONE
      Che senso hanno ‘ste app inutili quando si può integrare GMail nel proprio client di posta?

    • France

      Purtroppo thunderbird non è il massimo per gli account gmail, visto che ad esempio non gestisce le etichette, oltre ad avere un’interfaccia bruttina (si conta anche quella). Quest’app non è pesante e gestisce più account contemporaneamente, oltre ad essere opensource.

      • Franz

        Anche thunderbird gestisce più account contemporaneamente, se è per questo.
        E supporta eccome le etichette; la differenza è che le visualizza come directory specifiche [label].

        h t t p s : / / support . mozilla . org / en-US / kb / thunderbird-and-gmail #w_understanding-gmail-labels-and-thunderbird-folders

        Quindi se tutta la questione si basa sull’essere bruttina, allora mi sa che ha proprio ragione Piero quando dice che è inutile.

        • Simone

          Thunderbird ha solo un difetto: non ha una visualizzazione razionale ed efficace delle mail con mittente, oggetto, data e presenza allegati in una singola colonna, come invece si può impostare su Outlook, Evolution o Nylas N1 e il pannello di lettura sempre aperto a dx. Inoltre aggiunge una riga per ogni destinatario/cc/bcc invece di metterli in fila nella stessa. Il ché, quando si devono gestire decine di mail al gg, è quantomeno vitale per una efficace consultazione. Altrimenti sarebbe il top.

  • rico

    Può essere comodo, ma continuo a non fidarmi dei client di posta, forse il mio è solo un retaggio di MS outlook e della sua vulnerabilità.

    • Franz

      Decisamente un tuo retaggio…

      • Viktor Kopetki

        thunderbird4ever

  • mikronimo

    Se è solo per gestire caselle gmail, lo trovo abbastanza inutile; da anni uso x-notifier, che è un add-on di firefox, quindi direttamente dal browser, per gestire (al momento) 5 caselle; ma varrebbe benissimo quanto detto da altri: mi basta aprire direttamente gmail dal browser e il gioco è fatto; al limite basta installare (su kde) gmail feed, che mi segnala le email anche a browser non avviato.

  • ilcampione

    Io la trovo molto utile, cosi da avere tutte le gmail in un sol posto e in maniera rapida, Complimenti

No more articles