In breve: Microsoft, Canonical e un progetto da portare avanti insieme. L’integrazione tra i due sistemi operativi (Windows & Ubuntu) procede senza sosta.

Come saprete, ne abbiamo chiaramente parlato anche qui su lffl, Microsoft in collaborazione con Canonical introdurrà nativamente la shell Bash su Windows.

unity-on-windows-10

Vedete l’immagine sopra? E’ Unity funzionante su Windows 10. Proprio cosi’. E no, non è una sessione di VirtualBox. Uno sviluppatore, su GitHub il suo nickname è Guerra24, è riuscito a far funzionare il desktop environment Unity su Windows 10. Dopo aver letteralmente ‘smanettato’, passatemi il termine perchè rende l’idea, con CSSM (CompizConfig Settings Manager) e usando una combinazione tra VcXsrv e XLaunch, applicazioni utili per avviare un server Windows X, Guerra24 è riuscito a lanciare Ubuntu 14.04.4 LTS con Unity su Windows 10.

-“Dopo un lungo lavoro sono riuscito a far funzionare Unity in WSL, dimostrando che è completamente in grado di far funzionare un Desktop Environment. Chiaramente ci sono dei problemi da risolvere col dbus e, purtroppo, a volte VcXsrv va in crash. Inoltre l’unico modo per effettuare il logout è chiudere Compiz“- queste le parole di Guerra24 in un topic su GitHub. Leggendo i primi commenti del topic trovate alcune foto postate dallo stesso Guerra in cui spiega la procedura da seguire.

Come preventivabile molte applicazioni non funzionano usando questo metodo, ma è già un inizio. Guerra, successivamente, ha aggiornato il topic mostrando che quanto detto per Unity è valido anche per altri desktop environments, con Xfce la stessa procedura funziona alla perfezione.

Voi cosa ne pensate?

[Fonte]

  • Andrea

    Orrore 🙂

  • Proxima8

    Ovvove ?

  • altermetax

    Non sono d’accordo con Canonical su questa scelta…

    • Samael

      Canonical ha i suoi interessi nel fornire il suo ambiente nel WSL. E sono interessi commerciali enormi.

      Se poi qualche sviluppatore Windows non passa a Linux grazie al WSL, frega poco. Anzi, frega proprio zero. Chi vuole Linux sul desktop lo usa a prescindere da questo.

      • gabriele tesio

        tra l’altro pare che il 13 ci sarà un annuncio riguardo a skype su linux, secondo me ce la possibilità che skype venga distribuito usando uno snap, per via di questo accordo commerciale.

        • Samael

          Nah, quello non credo.
          Oltretutto sarebbe una roba inutile considerando che il client Skype su Linux non è più mantenuto.

          Le opzioni IMHO sono due:
          1) Hanno fatto il porting del client Windows su Linux, sostituendo le parti specifiche tipo la dipendenza dalle API di Internet Explorer
          2) Dichiarano il client Linux ufficialmente deprecato e cercheranno di spingere verso la versione web.

          Personalmente sono più che sicuro che sarà la 2. Però sarei ben lieto di sbagliarmi nel caso si dovesse rivelare la prima ipotesi.

          • Aury88

            credo anche io la seconda…considera comunque che stanno puntando alla versione webapp da un bel po’ di tempo e per un po’ tutti gli ambienti (non solo linux). per un azienda è più facile mantenere una webapp che 3-4 app specifiche

          • Samael

            Oddio su Windows in realtà stanno presentando il nuovo Skype UWP che sarà presente in Anniversary Update. E sarà comunque un client locale, non una webapp. Tanto che ha persino la cronologia in db SQLite come Skype for Windows desktop.

            A me onestamente questa cosa del client solo Web su Linux sembra più una paraculata (passami il termine). Un modo per dire in maniera più markettara: niente client skype su linux. Se volete usate il browser.

            Per carità, la cosa non mi dispiacerebbe nemmeno, se solo Microsoft rilasciasse delle API pubbliche.
            Se ci fossero, ci sarebbe la stessa ipotetica situazione di Evernote, dove chiunque può creare un client poiché ti basta semplicemente che la tua applicazione usi le API del servizio e fine.
            Di conseguenza potremmo inserire il supporto a Skype in qualche altro client di messaggistica/VOIP oppure crearne uno nostro, completamente integrato col resto del desktop. E senza che Microsoft spenda un centesimo per supportarlo.
            Onestamente io sono più per il rilascio delle API che per i client ufficiali.

            Ma Microsoft evidentemente non la vede così, e sono proprio un po’ tutte queste “coincidenze” che mi fanno pensar male.

          • Aury88

            nel discorso “altri ambienti” era naturalmente escluso windows 😉
            trovo improbabile l’apertura dell’api da parte di microsoft…certo non avrebbe più necessità di sviluppare i client ma allo stesso tempo perderebbe i “vantaggi” del lockin…una volta che gli utenti sono in grado di accedere ai tuoi servizi da client della concorrenza il passo per cambiare direttamente servizio è molto più corto imho.
            no, imho l’opzione webapp è la più probabile e onestamente, visto il supporto al client su linux fatto da microsoft, forse è meglio dell’opzione client nativo che è sempre a rischio di supporto discontinuo.
            e poi possono soffiarti molte più informazioni dal browser attraverso i cookies che tramite app su linux xD

          • Samael

            Beh, ma su OSX, iOS e Android non si sta puntando sulle webapp. Anche lì il supporto primario è sul client ufficiale.
            Semmai forse Skype Web farà da backend in futuro e i client utilizzeranno le sue API REST. Ma ancora è presto per dirlo.

            Ma se così dovesse essere, a quel punto il modello che dico io sarebbe quello che MS starebbe adottando. Il problema è che le API rimarrebbero proprietarie. Cosa ridicola dato che si parla di un SaaS, la cui caratteristica principale dovrebbe proprio risiedere nell’essere RESTful.
            Non riesco a capire come il rischio di cambiare servizio e l’apertura delle API possano essere correlati.

        • non credo.. al limite credo maggiormente che la webapp di skype diventi finalmente compatibile con i browser sotto linux, con tanto di videochiamate e chiamate vocali.
          visto che attualmente la webapp di skype permette solo di chattare testualmente.
          inoltre è gia da mesi che skype web doveva funzionare con ogni browser

  • laodoco

    L’illustrazione è il “cuneo Redmond”.

  • alex

    Ed intanto l’utimo aggiornamento di W10 è riuscito a sputtanarmi grub, non si avviava più… sistemato ma che palle 🙁 Naturalmente il tutto in un momento in cui il pc effettivamente mi serviva

  • lucapas

    > Voi cosa ne pensate?
    Autolesionismo puro!

  • Sim One

    Io non ci arrivo. Che senso ha? Illuminatemi.

    • Samael

      Nulla, è semplicemente un esperimento fatto da un utente. Come i tanti che avvengono nel mondo Linux.

      Il tizio voleva vedere se e quanto fosse sostenibile avere un desktop Linux su WSL e ci è riuscito.

      • Edmond Dantès

        Perdonami ma è un esperimento inutile, potrebbe magari come altri supportare la crescita di winehq con il suo saper “smanettare”, così tanto per dirne una…

        • Samael

          Perché dovrebbe? Stiamo parlando di un utente Windows che sta sperimentando con il suo sistema operativo.

          Che sia utile o inutile non sta a noi deciderlo.

          • Edmond Dantès

            Forse non sta a te… ma nel mio personalissimo parere e ripeto “mio”, io singolo essere umano che può nel suo piccolo mondo celeste sopra ogni essere vivente e non decidere e sentenziare quanto vuole ho deciso che è inutile, certo è opinabile da tutto il resto del mondo ma in fondo chissene!!!!….. XD

          • Samael

            No, non sta a me come non sta a te.
            Chi ti credi di essere per stabilire l’utilità o meno degli sforzi che una singola persona ha compiuto nel PROPRIO tempo libero?

            Dici che ami Linux e ciò che rappresenta, salvo poi venire qui a dire che le persone dovrebbero sfruttare il proprio Know-How per contribuire ai progetti di TUO interesse.
            Innanzi tutto, chi ti dà la conferma che quella persona non lo faccia già?
            E anche qualora non lo facesse, chi ti dà la conferma che sia interessato a farlo? Di conseguenza perché dovrebbe? Prova a rispondere a questa domanda.

            Sai cosa rappresenta il Linux che tu ami? Rappresenta l’idea del realizzare le proprie idee con le proprie forze, non dirigere gli altri con la bacchetta.
            Chi se ne frega delle tue esigenze? Chi se ne frega che tu non riesci a togliere la partizione di Windows 10 per Fallout 4? Nessuno ha obblighi verso di te, fino a prova contraria.
            Quindi se hai l’interesse a veder migliorati Linux, Ubuntu Touch o WINE fallo tu stesso. Apri l’editor, scrivi codice e manda pull request.

            C’è una frase che disse Linus Torvalds, a proposito di situazioni come questa: “talk is cheap, show me the code”.

  • Edmond Dantès

    Non ha senso, odio il principio stesso dell’integrazione con windows, davvero non capisco perchè fare questi esperimenti, dovremmo chiudere completamenti i ponti con windows, amo Linux e tutto ciò che rappresenta, stiamo facendo enormi progressi con i driver proprietari e con i giochi nativi e perchè no anche con Winwhq che è ottimo, non perfetto ma ottimo.
    vorrei si concentrassero sul migliorare i sistemi linux e ubuntu touch e non perdere tempo con queste assurdità…grazie a steam Linux e winehq posso quasi cancellare la partizione win10… se non fosse per Fallout 4….Azz!!!!

  • Nicola

    Guardate, io non odio Microsoft e ho in dualboot Windows 10, anche se per l’appunto ho pure Archlinux, uso quasi mai Windows ma non capisco il senso nemmeno io. Per quanto mi piace in fin dei conti Windows non l’ho odio e non l’ho abbandonerò mai, comunque mi piace pure Linux proprio perché è un sistema diverso da Windows. Che senso ha avere 2 sistema uguali? Se tutto Linux andasse in questa direzione come sta andando Canonical, io non abbandonerei Windows ma abbandonerei Linux, perché mi piace il suo sistema, per il suo modo d’utilizzo e ecc… se Linux vorrebbero arrivare hai livelli di Windows o che si sincronizzasse, ovviamente proprio le risorse che mi piacciono li abbandonerebbero e non avrebbe più senso che me lo tenessi…

No more articles