In breve: nella giornata di ieri, 14 Luglio, il project leader Clement Lefebvre ha annunciato in un post la disponibilità della procedura di upgrade per passare da Linux Mint 17.3 a Linux Mint 18.
La procedura di upgrade è compatibile soltanto con le edizioni Cinnamon e MATE. Le edizioni Xfce e KDE non sono ancora supportate in quanto le relative edizioni non sono ancora state rilasciate in forma stabile.
Il messaggio lanciato da Lefebvre è chiaro: “If it ain’t broke, don’t fix it”, ovvero: se non avete problemi con la vostra attuale installazione del sistema operativo non aggiornate. Linux Mint 13 verrà supportato fino al 2017 mentre Linux Mint 17, 17.1, 17.2 and 17.3 riceveranno un supporto continuo fino al 2019.

Prima di procedere con l’aggiornamento leggete attentamente le note di rilascio per conoscere tutte le novità di Sarah. Se si verificassero problemi con l’aggiornamento niente panico potete chiedere aiuto agli utenti qui su lffl oppure:

  • Chiedere aiuto nei commenti sotto al post di Lefebvre;
  • Potete chiedere delucidazioni sul forum di Mint;
  • Potete usare IRC.
Vediamo ora la procedura per l’aggiornamento.

Aggiorniamo a Mint 18 Sarah

Prima di cominciare, non mi stanchero’ mai di ricordarlo, è fondamentale effettuare un backup dei vostri dati sensibili. Dovete inoltre essere certi di aver installato Linux Mint 17,3 e di aver eseguito, tramite l’Update Manager, tutti gli aggiornamenti di Livello 1, Livello 2 e Livello 3.
mint-1
Primo passo: Modificare le impostazioni del terminale
Aprite il terminale e cliccate su Modifica –> Preferenze del profilo –> Scorrimento
Spuntate la voce “Illimitato” e cliccate su “OK” 
mint
Secondo passo: Installare il tool per l’upgrade
Dovete aprire il terminale e dare il seguente comando:    –  sudo apt install mintupgrade  –
Terzo passo: Verificate gli aggiornamenti
Per simulare l’upgrade aprite nuovamente il terminale e date –  mintupgrade check  – questo comando va a simulare l’aggiornamento a Linux Mint 18 segnalandovi se l’update è possibile o meno. Dalla simulazione potrebbeero emergere eventuali pacchetti che vanno ad impedire l’aggiornamento; se cosi’ fosse dovrete rimuoverli e reinstallarli dopo aver completato l’aggiornamento stesso.

Quarto passo: Scaricare gli aggiornamenti

Una volta verificata la compatibilità non ci resta che effettuare l’aggiornamento vero e proprio.
Come prima cosa scaricate gli aggiornamenti, aprite il terminale e date:  –  mintupgrade download  –

Quinto passo: Applicare gli aggiornamenti

Questo è l’ultimo passo ed è una procedura non reversibile. Aprite il terminale e date:
–  mintupgrade upgrade  –
Una volta terminata la procedura, se tutto sarà andato per il verso giusto l’upgrade sarà applicato e potrete iniziare ad usare Linux Mint 18!
Problemi? Dubbi? Non esistate a chiedere nel box dei commenti!
  • Pingback: [GUIDA] Aggiornare da Mint 17.3 a Mint 18 | Aggregatore GNU/Linux e dintorni()

  • Iacopo Cantoni

    domanda forse un po’ stupida: si può aggiornare anche partendo da mint 17.2?
    oppure devo passare da 17.2 a 17.3 e poi aggiornare?

    • Matteo Gatti

      devi installare prima 17.3 🙂

      • Iacopo Cantoni

        perfetto, grazie della pronta risposta 🙂

        • Matteo Gatti

          di niente!:)

  • Robertox

    Perfetto, …mi ha sp……..ato tutto il sistema con un errore a fine aggiornamento di beenbaf e qualcosa. Morale non mi funziona neanché il recovery mode. Per fortuna ho una live, recupero i dati e riformatto.

    • Matteo Gatti

      come ho detto a inizio articolo l’upgrade non è consigliato se non strettamente necessario meglio un’installazione pulita

      • Robertox

        Avevo già fatto aggiornamenti passati, senza mai nessun problema. Non capisco perché hanno cambiato il sistema di aggiornamento. Cmq. fa niente, recupero i dati per fortuna pochi e ritorno alla classica installazione.

        • Proxima8

          Considera di fare una /home in partizione separata o su altro disco.

          • Robertox

            Si cosa è già fatto per sicurezza. Comunque non erano dati importanti, quelli li piazzo su hard disk esterno. Per lo più è che mi seccava reinstallare da capo, pazienza^^.

  • Andrea Carbonaro

    Non aggiorna a niente, ho dovuto da terminale mettere le istruzioni apt-get upgrade ed è rimasto alla 17.3, si fà prima ad installare linux mint 18 da zero

    • Matteo Gatti

      certo come ho detto a inizio articolo l’upgrade non è consigliato se non strettamente necessario

  • luigi

    purtroppo non conviene assolutamente fare tale upgrade…mi sebra dii capire che moti abbiano solo problemi che con una fresh installation di 18 non si hanno… con una nuova installazione non ci sono problemi

    • Matteo Gatti

      non è sbagliata la guida… è l’aggiornamento in sè che non è consigliato come detto anche all’inizio dell’articolo. sicuramente è meglio un’installazione pulita

  • rico

    Se devo fare un backup dei dati, tanto vale installare da zero tramite pendrive.
    L’ultima volta che ho provato l’upgrade da terminale (da Mint 17 a Mint 17.1), ho aspettato due ore senza risultato.

    • Fabrizio

      Sono d’accordo. Anche io preferisco sempre fare installazioni da zero.

  • mint18

    Aggiornato da 17.3 a 18: è andato tutto buon fine, solo che:
    1) il nuovo tema non c’è, è rimasto sempre quello vecchio
    2) non si sa perché ma dopo l’aggiornamento alcuni programmi sono stati disinstallati dal mio pc (hexchat, clementine ecc.)

No more articles