Tor Browser con l’aggiornamento numero 6.0 “salta” da Firefox 38 ESR a Firefox 45 ESR, introducendo di fatto nel bundle dedicato alla privacy la nuova interfaccia Australis.

La nuova interfaccia Australis ha fatto storcere il naso a molti utenti ma non è tanto la nuova interfaccia il punto saliente dell’aggiornamento, ciò che conta nella nuova versione di Tor Browser sono come sempre la sicurezza e l’affidabilità, un binomio imprescindibile per la buona riuscita di questa suite che permette di navigare anonimamente e nel pieno rispetto della privacy: Firefox 45 ESR introduce infatti un notevole miglioramento nel supporto ad HTML5 rispetto alla versione precedente, il che significa meno Flash più sicurezza, con miglioramenti anche per JavaScript.

Sempre di sicurezza parlando, tra Firefox 38 ESR e Firefox 45 ESR c’è stato l’abbandono della cifratura SHA-1, protocollo ormai superato e da considerarsi fondamentalmente insicuro: dunque Tor Browser 6.0 segnala tali certificati “non sicuri” e bloccandoli di default.
tor e mozilla

Contestualmente all’annuncio, il Tor Project ha inoltre precisato la posizione del suo motore di ricerca predefinito, Disconnect: finché non sarà chiarita la situazione con Google (che potrebbe essere adottato in futuro), gli sviluppatori hanno esplicitamente chiesto a Disconnect di offrire risultati di ricerca utilizzando le API di DuckDuckGo, abbandonando dunque definitivamente Bing – definito “inaccettabile”.

Chi ha già installato Tor Browser vedrà l’aggiornamento segnalato all’interno del browser; chi non lo avesse scaricato e volesse provarlo, potrà farlo scaricando il bundle Tor Browser 6.0 per Linux (ma anche Windows e Mac) direttamente da qui.

[Fonte]

  • fuser

    a me non funziona, lancio il setup, ma mi dice che si è arrestato

    • holmannus

      Estrai il tar.xz in una cartella /home/nomeutente/Torbrowser, poi doppio click su “start-tor-browser.desktop”.

      • rico

        Giusto, anche se il launcher nella cartella creata nella mia /home si chiama semplicemente “Tor Browser” ed è un mappamondo blu/verde. A questo punto si può buttare la cartella tar.xz !
        Sul lavoro dovro imparare a configurare il “bridge”, la connessione diretta non è permessa.

  • fuser

    grazie, ora va.

No more articles