archstrike-1

La distro ArchAssault cambia nome e diventa ArchStrike

Il team dietro alla distro ArchAssault, distribuzione GNU/Linux basata su Arch Linux e pensata esplicitamente per gli hacker, ha annunciato nella giornata di ieri su Twitter il cambiamento del nome del sistema operativo in ArchStrike.

ArchAssault, da oggi ArchStrike, è probabilmente la distribuzione open source più potente per effettuare test di sicurezza, i cosiddetti penetraton testing. Come recita il sito ufficiale in home page la distribuzione è ottimizzata per le architetture a 32 bit (i686), 64 bit (x86_64), ARMv6, e ARMv7. Possiamo considerare ArchStrike come il diretto concorrente di Kali Linux, (precedentemente noto come BackTrack).

AchStrike
L’annuncio su Twitter: ArchAssault diventa ArchStrike

L’OS è basato sul leggerissimo window manager Openbox e offre una serie di tool, professionali e non, che vi permettono di divertirvi ma anche di fare sul serio se sapete dove mettere le mani. Attualmente i software inclusi nei repository di questo OS sono ben 1450 e potete spulciarli uno a uno qui.

Per cominciare ad usare ArchStrike potete visitarne la pagina Wiki (le pagine Wiki sono il vero punto di forza di Arch Linux) che contiene numerosissime informazioni utili e vi permette di acquisire un po di know-how. Tanto per fare un esempio vi spiega come aggiungere una repository custom. Le immagini ISO saranno invece disponibili nelle prossime settimane!

Altre storie
virtualbox 6.1
Oracle lancia VirtualBox 6.1 con supporto per il kernel Linux 5.4