Dustin Kirkland, di Canonical, ha reso noto un semplice metodo per rimuovere i vecchi kernel da Ubuntu Linux, andando a liberare un sacco di spazio sul disco.

Ubuntu va a salvare sulla partizione dove è stato installato anche i vecchi kernel, i quali non vengono rimossi ogni volta che si aggiorna ad una nuova versione. E’ pertanto probabile che dopo mesi (o anni) di utilizzo questo fatto vada a ridurre, e di molto, lo spazio libero sul vostro disco.

Se siete dei ‘beginner’ vi starete chiedendo chi occupa tutto il vostro prezioso spazio sul nuovissimo SSD appena acquistato, ora vediamo come risolvere il problema alla radice.

Per chi usasse la funzione “apt-get autoremove” vi ricordo che essa fa del suo meglio per rimuovere i pacchetti inutili ma con i kernel il risultato non è assicurato.

Rimuovere i vecchi kernel e liberare spazio

Esiste un tool, chiamato ‘purge-old-kernels‘, creato da Kirkland. E’ tutto cio’ che vi serve per rimuovere il noiosissimo messaggio che vi comunica l’assenza di spazio in /boot.

Tra l’altro, mantenere sul disco queste vecchie versioni dei kernel precedentemente utilizzati, potrebbe anche andare a creare conflitti e impedire l’installazione delle nuove versioni. Il software ‘purge-old-kernels’ è disponibile nel repository di Ubuntu 16.04 LTS (Xenial Xerus), precisamente nel byoubu package.

Per installarlo aprite il terminale e fate un copia incolla dei seguenti comandi:

  1. sudo apt install byobu
  2. sudo purge-old-kernels
Il primo vi permette di installare il byobu package poi andrete a eseguire il software coi privilegi d’amministratore per rimuovere i vecchi kernel. E’ importante eseguirlo come root.
Una volta lanciato il programma impiegherà un lasso temporale strettamente legato allo stato del pc nel momento dell’esecuzione. Se è tanto tempo che non formattate il sistema e avete provato diversi kernel l’attesa sarà certamente più lunga.
Purge-old-kernels è anche disponibile per le altre versioni di Ubuntu nella relativa pagina di GitHub.
purgeoldkernels vechi kernel

Lo sviluppatore si è mostrato lungimirante, il programma infatti non elimina tutte le versioni antecedenti al kernel che state utilizzando: mantiene sul disco le ultime due in ordine di tempo. Questo vi aiuta nel caso si presentino problemi di boot con la nuova versione del kernel in uso.

Purge-old-kernels è un software libero e rilasciato con la licenza GNU, è pertanto possibile ridistribuirlo o modificarlo per migliorarlo.

Se poi ora vi state chiedendo perchè sia necessario ricorrere a un software esterno quando in altre distribuzioni (come Linux Mint, ad esempio) la rimozione dei vecchi kernel viene gestita in modo molto più leggero e intuitivo dall’update Manager la risposta è semplice: chiedete a Canonical!

  • lucapas

    Io uso Ubuntu Tweak che elimina anche i vecchi kernel quando fa la pulizia del sistema. Peccato non sia più sviluppato.

  • Passante

    Vabbè son 4 righe in bash, tolti i commenti diventano due. Ma LOL

  • holmannus

    Su Ubuntu 14.04 bisogna installare “bikeshed” e poi dare “purge-old-kernels”.

  • Aury88

    io tanto installo comunque synaptic…mi conviene fare tutto da li

  • RZ

    Fedora li elimina già automaticamente, lascia sul disco solo gli ultimi 2 o 3 più recenti.

    • jboss

      fedora lo fa solo da dnf ma dagli aggiornamenti automatici tramite packageKit li rimane dove sono

      • jboss

        poi se qualcuno ha una soluzione per eliminarli automaticamente anche da packageKit e ben accolta

  • Andrea

    BleachBit non lo fa pure lui?

  • Giacomo

    ho provato su Ubuntu 14.04 e funziona, scaricando lo script con wget (nei repository non c’e’).
    Poi ho anche provato se per colpo di fortuna avessero previsto anche Debian 8, ma come era prevedibile, no.
    Esiste qualcosa di semplice anche per Debian, per automatizzare la pulizia della partizione /boot che purtroppo sulla mia macchina è 130M e non posso ridimensionare?

No more articles