Aukey ci ha mandato il loro WF-R2, un adattatore wifi USB compatibile con lo standard 802.11 ac (oltre che a/b/g/n), che noi abbiamo provato per voi.

aukey wf-r2

Confezione

Sulla scatola non c’è molto da dire, si tratta di una semplice custodia di plastica trasparente come quelle che si trovano appese negli scaffali di un supermercato. Insieme all’adattatore il pacchetto contiene anche un piccolo cartoncino con le specifiche generali e un’illustrazione del funzionamento. Non sono presenti accessori aggiuntivi.

Costruzione e funzionamento

L’adattatore in sè è piuttosto piccolo (anche se non in modo straordinario) e non interferisce con le periferiche USB che usano una porta adiacente. Il funzionamento è plug and play, che sicuramente apprezziamo – peccato che valga solo per Windows. Per Linux la faccenda non è così semplice, ma è comunque possibile installare i driver corretti; vedremo come più avanti. Presente il supporto alle modalità 64/128-bit WEP, AES, TKIP, WPA, WPA2, 802.1x, WPA-PSK, WPA2-PSK, MAC, WDS.

aukey wf-r2

Una volta installato, l’adattatore non ha problemi a riconoscere le reti vicine e collegarsi. Nei nostri test le prestazioni sono state in linea a quanto ci si aspetta dall’802.11 ac e Aukey dichiara velocità di picco di 433Mbps sulla banda a 5GHz (che scendono a 150Mbps a 2.4GHz).

Installare l’Aukey WF-R2 su sistemi Linux

Come accennato, su sistemi Linux l’adattatore non è plug and play e come se non bastasse non esistono driver binari che lo supportino al momento. Questo significa che il driver va compilato. Fortunatamente la procedura non è troppo difficile.

Arch Linux

Partiamo con Arch Linux dato che il driver è disponibile dall’AUR direttamente. Il driver da installare è mt7610u_wifi_sta (potete visualizzarne la pagina AUR qui). Una volta installato dovrebbe riconoscere correttamente l’adattatore. Come tutti i programmi presenti nell’AUR, il driver è installabile tramite script automatici come yaourt o direttamente scaricando il codice sorgente ed eseguendo il comando

makepkg -sri

Altri

Per gli altri, il driver va compilato alla maniera “normale”. Purtroppo il codice dei driver MediaTek corretti è trascurato e contiene vari errori nel codice che impediscono una compilazione indolore. Invece di correggere gli errori personalmente potete scaricare la versione già sistemata che un utente ha messo a disposizione qui che dovrebbe compilare senza alcun problema.  Da notare che i codice in questione è pensato per sistemi a 64 bit; potrebbe funzionare anche su sistemi a 32 bit (dato che va compilato) ma non abbiamo potuto fare test in questo senso.

Scaricate il codice usando git e entrate nella cartella appena creata:

git clone https://sanrath@bitbucket.org/sanrath/mediatek_mt7610u_sta_driver_linux-64bit.git
cd mediatek_mt7610u_sta_driver_linux-64bit

compilate e installate i driver:

make clean
make 
sudo make install

A questo punto, se non ci sono stati errori il driver dovrebbe essere installato e l’adattatore utilizzabile.

Conclusione

Al momento l’Aukey WF-R2 è disponibile su Amazon per 17.99€. Si tratta senza dubbio di un prodotto che vale il suo prezzo – peccato solo che Aukey non fornisca nemmeno l’ombra di un driver per Linux. Di conseguenza se compilare driver scritti male o corretti da utenti volenterosi non vi diverte potrebbe essere meglio cercare altrove.

  • Lo avevo preso per usarlo su Windows 10. Pensavo fosse un dispositivo di qualità e visto il prezzo l’ho acquistato. Il giorno dopo l’ho restituito: il range che supporta il Device è imbarazzante così come la latenza della trasmissione (sia a 5GHz sia a 2.4GHz).
    Per confronto il mio vecchio acer aspire zg5 con Manjaro era molto più performante.

  • Drumsal

    E’ da un po’ che i device wireless hanno problemi anche su W10. Per esempio Intel ha stoppato lo sviluppo del driver per 3945ABG e mi sto sbattendo parecchio per farlo funzionare. Su linux (varie distro) è da tanto che ho disconnessioni continue di un Atheros (problema ben noto) da uno specifico modello di router DLink. Mi sa che ci stiamo allontanando sempre di più dal plug’n play a cui eravamo (troppo) bene abituati. Boh…

  • abbobba

    quali chipset recenti sono pienamente supportati dal pinguino?
    Io ho rtl8188eu, sono costretto ad usare dei driver presi da github che però hanno dei problemi

    • alex

      Non so se ce ne siano di più recenti o migliori, ma non ho alcun problema ad esempio con la chiavetta tp-link TL-WN823N che dovrebbe avere chipset RTL8192CU (ne su linux ne su Windows).

      • abbobba

        grazie

    • Io ho sia la TL-WN821N con chipset RTL8192CU che una asus 12N sempre con chipset RTL8192CU i driver di Github funzionano male, ma ho scoperto che il problema è sopratutto quando si avvia il PC con windows, quando si riavvia per tornare su Linux basta staccare la chiavetta prima del boot e poi rimetterla, l’unica cosa che non andrà bene è che rimarrà acceso il led, ma per il resto funziona senza problemi. Questo perchè il problema è la schifosissima gestione dell’alimentazione nel kernel Linux per questo chipset, io non sono molto pratico di terminale e non so come segnalare il problema in modo dettagliato per farlo risolvere.

      • abbobba

        anche la mia ha lo stesso problema quando passo da windows a ubuntu. Un altro problema è che non mi mostra la potenza del segnale delle reti

        • sul sito TP-Link ci sono dei driver ma non sono mai riuscito ad installarli vanno compilati ma danno errori durante la compilazione.
          Non capisco che ci vuole a fare un cavolo di pacchetto deb ed rpm.

          • alex

            Io con la TL-WN823N su arch non ho avuto problemi, l’ho solo attaccata senza nemmeno dover scaricare nessun pacchetto particolare. Attento che della TL-WN821N esistono diverse versioni (mi sembra 4) di cui solo una con chipset Realteck e il resto Atheros credo… facile che non stai usando il driver corretto.

          • alex

            ecco qui https :// wikidevi. com/wiki/ TP-LINK_TL-WN821N_v4
            sulla colonna sotto trovi tutte e quattro le versioni, con relativa pagina e driver

          • Infatti la mia è la 4, ma non capisco perchè non ci mettono mani e aggiustano il driver che c’è integrato sul kernel, sono tante le chiavette con lo stesso chip.

No more articles