Atom è un software grafico free, open-source e cross-platform progettato da zero che funge sia da editor di testo moddabile, che da editor di applicazioni software, aiutando qualunque aspirante programmatore nello scrivere codice in maniera semplice.

Essendo stato realizzato su un framework Electron, una soluzione open-sourcee cross-platform che permette agli sviluppatori di moderne app desktop l’utilizzo delle tecnologie Web come HTML5, CSS, Node.js e JavaScript, Atom offre un’interfaccia utente personalizzabile, estendibile e, ovviamente, potente.

Caratteristiche principali

Le caratteristiche più prominenti di Atom includono l’editing cross-platform, che ne permette l’utilizzo sul sistema operativo che più si preferisce, non importa che sia GNU/Linux, MAC OS X, o Windows, ed un bulit-in package manager che permette agli sviluppatori di cercare ed installare pacchetti direttamente dall’applicazione, od addirittura di crearne di nuovi.atom1

Un’altra caratteristicha interessante di Atom è chiamata “smart autocompletion” che aiuterà gli sviluppatori a scrivere velocemente il proprio codice. L’applicazione comprende anche un “esplora risorse” così da facilitare la locazione dei propri progetti e la loro ricerca, per iniziare a scrivere codice perdendo meno tempo possibile. Presente anche l’editor multiplo, che consente di confrontare e modificare codice attraverso i diversi files.

La funzione trova e sostituisci non poteva essere trascurata, siccome Atom permette agli utenti di trovare, rimpiazzare o visualizzare l’anteprima di testi nell’applicazione, facendo si che si possa modificare un unico file o diversi progetti contemporaneamente.

Altre nuove funzionalità di Atom 1.8.0:

  • Gestione migliorata dell’ambiente di sviluppo
  • Introduzione della funzione core.restorePreviousWindowsOnStart
  • Spostamento del testo selzionato a destra e/o sinistra
  • Altri miglioramenti e Bugfixes

[Fonte]

  • How The West Was Won

    Mi piace, ma se vim era superiore prima, figuriamoci adesso che si lavora sempre più da remoto.

    • Ilgard

      Si può avere una UI anche da remoto.

      • Ansem The Seeker Of Darkness

        non glielo dire! i veri programmatori usano le schede bucate!

        • loki

          i veri programmatori la ram la usano per programmare, non per far girare un editor. poi ci sono i programmatori web

          • ilcampione

            Quotone!!!

            Ps. per programmatori web intendevi quelli che installano worpress + plugin ??

          • Box2Tux

            Programmatori web sono quelli che lavorano con PHP/node.JS/asp.NET/ruby on rails/jboss/python/jquery et

          • Ansem The Seeker Of Darkness

            ho 16gb di ram, credo potrò usare 20MB per avere una interfaccia grafica curata 😉 ho stai dicendo che i veri programmatori:
            1) lavorano con 512mb di ram,quindi non ne anno per un idea/editor di testo carino;
            2)lavorano con programmi che occupano in media 6/14gb di ram, quindi non hanno memoria per l’editor di testo o l’ide;
            onestamente delle due la più realistica è la seconda, ovvero che usano tutti i un raspberry B di prima generazione

          • Fighi Blue

            la 2. Unreal engine mi occupa 6GB a progetto

          • Ansem The Seeker Of Darkness

            e lavori su più di 2 progetti per volta?
            perchè se lavori su uno solo, direi che con 16GB stai comunque ben largo! ci metti pure una bella vm giusto per stare tranquillo!

          • Fighi Blue

            con 16 GB apro pure 3 progetti insieme XD solo che aprendo aprendo la memoria se ne va, mettici pure visual studio(16 sono comunque più che sufficienti)

          • Dioniso Crraca

            che programmi che occupa tutta quella ram ?

          • Ansem The Seeker Of Darkness

            era per dire che in nessun caso reale la leggerezza di un notepad nella cli porta vantaggi rispetto ad un notepad vero e proprio tipo sublime text o notepad++, e secondo me anche rispetto ad un IDE ben fatto.

          • Dioniso Crraca

            in quello concordo. anzi molto più comodo scrivere un programma usando eclipse piuttosto che scriverlo con nano e compilandolo da terminale. ma comunque ero curioso sul personale.

          • Ansem The Seeker Of Darkness

            oddio, tutto tranne eclipse! non so come sia ora, ma quano lo provai tempo fa era davvero terribile!
            Comunque esatto, su lffl sembra che invece vim+compilare a mano ogni volta sia comodissimo, io invece lo trovo estremamente scomodo e preferisco mille volte un ide basico stile geany piuttosto!

          • Dioniso Crraca

            perché eclipse è cosi terribile ? io per ora go usato solo quello e netbeans .

        • Samael

          No, i “veri” programmatori sanno che le UI da remoto non esistono in questi contesti, perché quando lavori da remoto lo stai facendo al 90% su server o su un container, non stai mica aprendo una connessione VNC su un altro desktop.
          Ergo, la GUI ed i bottoni te li scordi. Ti rimangono solo le manine per battere tasti sulla tastiera.
          Siamo nel 2016, signori miei. L’era del “voglio la GUI per tutte le min**iate che mi vengono in mente” è finita da un pezzo. L’hanno capito pure in Microsoft.

          • Ansem The Seeker Of Darkness

            sarà, ma io lavoro da remoto ogni giorno, sia su server che su desktop, e la riga di comando non l’ho mai usata.
            Proprio perchè siamo nel 2016,e le aziende oramai hanno spesso una buona banda anche in upload, ci si può connettere da remoto usando una gui senza il minimo problema.
            certo se devo lanciare uno script è un conto, ma se devo lavorare su una singola macchina perchè dovrei mettermi ad usare la riga di comando per magari rinominare o sostituire un file?

          • Samael

            Perché se lavori sulla macchina remota spesso la GUI non è detto che tu ce l’abbia, quindi una connessione desktop remoto non è una soluzione fattibile.
            Pensa che sul prossimo Windows Nano Server non esisterà nemmeno come componente opzionale, come lo è oggi. Tutto si farà da PowerShell dal client e senza login alla shell remota. Questo tanto per citare il sistema che dell’uso della GUI ne ha fatto il marchio di fabbrica.
            E ti dirò: proprio considerando come si sta muovendo mercato, sono sempre più richieste figure DevOps che abbiano conoscenza della shell UNIX.

          • Ansem The Seeker Of Darkness

            Intanto vediamo quanto ci mette questa modalità di installazione a prendere piede. Nano una cosa totalmente diversa dallinstallalazione normale non solo per la gui, ma anche per l’assenza di tutti gli altri componenti. Non è di sicuro una cosa che prenderà piede al volo

          • Samael

            In realtà se Nano non dovesse prendere piede sarebbe non per l’assenza della GUI, ma perché nel settore che ha come target (cloud deployment) ci gira Linux. E anche lì la GUI non esiste.
            Quindi in ogni caso il remote desktop te lo puoi scordare.

  • Mr h1dd3n

    Nonostante i vari improvement sia di Atom che di Light Table credo che Sublime sia ancora un’altra categoria

    • Io invece mi trovo molto bene con Atom; estendibile, personalizzabile alla grande, certo con qualche bug ancora da sistema, me nel complesso un ottimo prodotto

  • Ansem The Seeker Of Darkness

    mi piace moltissimo come editor di testo, peccato sia così pesante!

  • Pincha96

    Alcuni utenti hanno parlato di VIM, mi piacerebbe vedere una guida a questo editore caricata sulle pagine di lffl.

No more articles