Oggi voglio parlarvi di una nuova distribuzione GNU/Linux Ubuntu-based, che a differenza di molte altre, offre un sistema operativo al cento per cento free.

Uruk è un progetto che si differenzia dalle altre distribuzioni, è basato sul kernel Linux-libre 4.2, kernel che è usato in pochissimi altri OS GNU/Linux. Sotto al cofano troviamo il desktop environment MATE con la Planck dock e una selezione nutrita di software 100% free.

Questi sono solo alcuni dei programmi che trovate inclusi nella distro: LibreOffice, GNU Emacs, Xfburn, Icedove, California, Abrowser, GIMP, Pidgin, Liferea, Curlew, Atril, Terminator, Gigolo, Deluge, VLC Media Player, XTerm, e tutte le utility di MATE.

La chicca è il tool costruito in-house chiamato Uruk Cleaner che, al pari di altri illustri colleghi (CCleaner su tutti), tiene pulito il vostro sistema andando a eliminare file di log o la cache di apt-get. Un’altra peculiarità di Uruk è quella di essere utilizzabile anche come file immagine per Docker, potete installarlo facilmente usando il comando “docker run alimiracle/urukos /bin/bash”

Uruk GNU/Linux è distribuito mediante due immagini ISO, instalabili sia su vecchi sistemi a 32-bit che su pc a 64-bit. Potete scaricare la distribuzione dal sito ufficiale. Sotto vi abbiamo preparato una mini gallery del sistema operativo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Kib

    Quali sono le altre distribuzioni GNU/Linux non gratuite?

    • JackPulde

      Alcune versioni di Red Hat per esempio

      • Kib

        RedHat non paghi il sistema operativo ma la sua certificazione Enterprise e l’assistenza tecnica

        • Samael

          No, Red Hat come SUSE ed Oracle, ti obbliga ad un piano di sottoscrizione rinnovabile, dopo un periodo di valutazione, che include il supporto tecnico e le patch di sicurezza.
          In sostanza, scarichi gratuitamente solo la ISO. Ma se vuoi gli aggiornamenti devi pagare.

          CentOS esiste proprio per quello: fornire una RHEL che sia gratuita sempre e comunque.

          • Kib

            Appunto gli aggiornamenti te li fornisce lei dopo averli in qualche modo certificati/validati

          • Samael

            Sì, ma devi pagare per averli. Non sono gratuiti.

          • capatosta

            Ciao, ma tu sei lo stesso che aveva un BLOG su slackware qualche annetto fa ?
            Ultimamente lo stavo cercando ma non ne ho trovato più traccia ..

    • mikronimo

      AFAIK non sono molte e generalmente sono quelle che danno assistenza commerciale, tipo redhat, suse, etc.

      • Kib

        Come detto nel commento da @eniogemmo:disqus la vera differenza di questa distro sta nel fatto che usa solo software o moduli del kernel completamente liberi da copyright e i cui sorgenti sono open source

    • Aster

      SUSE Linux Enterprise Desktop,xandros

    • Simone Picciau

      RedHat per esempio

  • Completamente opensource il gratuito non c’entra l’inglese inganna, free è libero in questo caso, non gratuito in quanto qualsiasi distribuzione linux è gratuita, ma magari ha componenti non completamente libere

    • Esatto e concordo pienamente, il fatto di scrivere articoli non sempre corretti mi sta dando un pò sui nervi e si travisa sempre il fatto che un software sia liberamente disponibile e senza costi di licenza non vuol dire che sia gratuito.

      Anche nel documentario di Revolution OS viene spiegato e perfino la licenza GPL viene chiaramente indicato… ma dimentico spesso che la maggioranza della gente non legge mai un tubo ed è pigra nel farlo.

  • JackPulde

    Una distro simile a Trisquel?

    • Aster

      no trisquel e un altro pianeta:)non ha niente neache codec driver propietari ecc ecc

    • Teo

      È basata su Trisquel, leggete bene su softpedia

    • prokopios

      Uruk GNU/Linux è basata su “Trisquel GNU/Linux core” + d.e. Mate.

  • “che a differenza di molte altre, offre un sistema operativo al cento per cento gratuito.”
    forse volevate dire al 100% libero non gratuito 🙂

  • Jorge Blanco

    come trisquel buona distro e veloce. Unico neo, entri in rete solo via cavo ethernet…a meno che non trovi un adattatore wireles aperto….

    • Aster

      basta che non sia intel piu o meno:)

      • Jorge Blanco

        non credo che intel abbia adattatori wireless aperti. sul sito di free software foundation si possono trovare notizie

        • Aster

          infatti non ne ha

      • intel o realtek, o ralink, o broadcom, che sono la maggior parte.

        In pratica l’unico modo di andare sul sicuro che conosco è scegliere la serie Atheros della Qualcomm.

        Il problema è che quasi sempre mica trovi scritto “Atheros”, ma l’inutile nome dato da chi ha assemblato (Netgear, Samsung, …)

        • Aster

          samsung quasi sempre monta atheros troppi sbattimenti performance scarsa purtroppo ho dovuto sostituire con intel 7260 su tre portatili miei e amici parenti

    • prokopios

      Qualcomm Atheros la configura correttamente anche FreeBSD. Raccomandata.

  • Anonimo

    State facendo un pandemonio solo perchè ha scritto ha sbagliato a scrivere, ma non avete proprio nulla da fare ? Poi quando le persone si stancano di scrivere sul BLOG…. piangete !!

    • Giorgio Ghisotti

      Apprezziamo qualsiasi consiglio e correzione, ci aiuta a non commettere gli stessi errori in futuro. Grazie comunque per averci difesi 🙂

  • simone

    viene dall’iraq siamo veramente sicuri di cosa ci sia all’interno???

    • NerdissimoPC

      Se lo installi il computer scrive nel monitor Allah akbar, poi esplode. -___-‘
      Per favore le paranoie no, perché è l’obiettivo dei terroristi.

      • simone

        ahah no io sono paranoico sempre 🙂 cmq l’ho installta ora in inglese perchè l’italiano non c’è molto bella piccolo problema col keyring che diceva di avere una passwd gia preimpostata non si sa quale cmq dando rm ~/.local/share/keyrings/login.keyring
        si risolve poi apt è crashato dato dpkg configure -a ora tutto va a parte questo molto fluida e scattante bene!

      • simone

        a proposito di paranoia è normale che in documenti ci siano due file? un new_document.ott e New Spreadsheet.ots e virustotal l’ha visto per la prima volta 2 mesi fa??????

    • capatosta

      più che altro viene da chiedersi, come fanno ad avere tempo e risorse per fare una distro visto che volano proiettili ad altezza uomo tutto il giorno ?

      • simone

        appunto

  • Luca Demartini

    quali sono le caratteristiche minime per farlo girare senza problemi?

    • Matteo Gatti

      anche un pc con un pentium dovrebbe farcela

  • lucapas

    Carine però le icone, chi sa dirmi che set hanno usato e se supporta anche altri colori oltre l’azzurro?

    • Maddo

      Si chiama Masalla icon theme, e dovrebbe sposarsi bene anche con un theme più dark.

      • lucapas

        Grazie Maddo, sempre iper informato tu eh? 😀

No more articles