Il progetto GNOME si sta preparando a rilasciare il secondo aggiornamento di manutenzione per il suo desktop environment, che raggiungerà il numero di versione 3.20.2 e la cui uscita è prevista per la giornata di oggi. Come per ogni point release che si rispetti saranno aggiornati alcuni degli elementi core dell’ambiente per sistemare i diversi bug e problemi segnalati dagli utenti fin dal rilascio precedente e verranno introdotti svariati miglioramenti. Una delle componenti incluse in questo processo è sicuramente il GTK+ Toolkit, noto programma open-source per gestire la GUI, che è stato aggiornato alla versione 3.20.4.

Stando a quanto emerge dal changelog, pare che il team di sviluppo si sia dato veramente da fare e che siano stati fixati un totale di ben 37 bug, la maggior parte dei quali riguardanti il display server Wayland. Giusto per fare qualche esempio, il tasto Fn dei laptop non resetterà più lo scrolling, Glade previewer non farà più crashare la GNOME Shell quando viene ridimensionata una finestra, lo stato di hover non resterà più bloccato dopo aver spostato il mouse dal toplevel e le finestre di dialogo che non hanno un genitore transiente non manderanno più in crash il GTK+ Inspector.

GTK+ toolkit-1

Oltre ai miglioramenti a Wayland, GTK+ 3.20.4 Toolkit porta anche numerosi piccoli miglioramenti e bugfix per il tema GTK Adwaita: decorazioni delle finestre, la funzione gtk_tree_model_iter_parent() ed i widget GtkRecentManager, GtkMenuSectionBox, GtkApplication, GtkColorChooser, GtkTextHandle, CellRenderText, GtkProgressBar, GtkScale, GtkRedioButton e GtkCheckButton.

In ultimo sono state aggiornate le lingue Portoghese Brasiliano, Cinese Tradizionale, Polacco e Lettone. Come già anticipato all’inizio, GTK+ 3.20.4 Toolkit verrà distribuito oggi come parte dell’aggiornamento (che non mancheremo di notificarvi con un articolo a parte) del desktop environment GNOME alla versione 3.20.2, ma potete anche scaricarne i sorgentiquesto indirizzo. Per maggiori dettagli riguardo i bugfix e le novità introdotte potete consultare il changelog scaricabile qui.

[Fonte]

No more articles