Entroware è un’azienda poco conosciuta, pero’ chi ama le distribuzioni Linux la troverà interessante perché è una delle poche a vendere dispositivi con sistemi operativi open-source precaricati. E l’ultimo inserito a listino è un notebook.

Il nuovo Entroware, denominato Orion,  è un computer portatile da 14 pollici, che può essere configurato con processori Intel Core i3, i5 o i7 (serie Skylake) a partire da un prezzo di 450 sterline (che corrispondono a circa 570 euro). La SKU entry-level monta 4GB di RAM, un hard disk a piattelli magnetici da 500GB, WiFi 802.11 ac e display Full HD (1920 x 1080 pixel). Salendo di prezzo potete personalizzare il notebook fino ad un massimo di 16GB di RAM e fino a 2TB di spazio su disco (HDD e SSD disponibili opzionalmente).

entroware orion

Tutte le configurazioni però integrano (di serie) due porte USB 3.0, una USB 2.0, un’uscita HDMI e una VGA, una porta Ethernet (RJ-45), microfono e cuffie, oltre ad un lettore di schede microSD. Orion ha uno spessore di quasi 23 mm ed un peso di circa 1.8Kg.

Potete poi decidere quale sistema operativo installare tra Ubuntu 16.04 e Ubuntu Mate 16.04. Gli utenti che preferiscono installare la propria distribuzione Linux, però posso richiedere un modello FreeDOS (senza OS).

L’offerta di Entroware prevede anche il notebook Apollo da 13 pollici, il Mini PC  Aura e diversi altri dispositivi con Linux. Il settore non sarà tra i più redditizi, ma è in crescita: coloro che acquistano dispositivi freeDos o con Linux preinstallato sono in netto aumento.

[Fonte]

  • ci sono diversi notebook interessanti con schermi di varie dimensioni, peccato che la tastiera è UK e che il prezzo è in sterline (molto svantaggioso per noi con l’euro)

    • Guapos

      Conviene andare sulla Raiontech che è italiana allora, ed offre anche
      più configurazioni rispetto ad Entroware senza incappare nel prezzo
      svantaggioso. Il loro modello ” Raionbook L2″ è l’equivalente di questo Orion in pratica.

      • si ma se non ricordo male raiontech non ha la scelta di questi notebook, ricordo che per questa ditta trovavo solo notebook di fascia alta da almeno 1000 euro

        • Guapos

          Basta guardare il loro sito. Il modello più simile a questo orion arriva a 600 euro con un ssd, core i3 skylake ed 8gb di ram. Credo abbiano differenziato l’offerta quindi. Poi ovviamente se vuoi superare i 1000 euro ci riesci senza troppi problemi 🙂

          • ah ok, l’ultima volta che avevo guardato costavano molto di più 🙂 darò un’occhiata

    • Box2Tux #LinuxITA

      So che sei uno sviluppatore, se ti interessa fai un giro qui, freelancer . com , io lo sto utilizzando da un po’, è molto interessante.

      • grazie della segnalazione

    • Giancarlo Piccinini

      VERO notavo anche io tastiera uk

      • alex

        Pensa che diversi amici prendono solo tastiere uk perchè per la programmazione sono più comode avendo subito a portata di dita i simboli più usati nella sintassi dei vari linguaggi

        • Giancarlo Piccinini

          ma se devo scrivere in italiano le lettere accentate ?

          • tomberry

            Molti ovviano al problema mettendo l’apostrofo..
            Esempio: à -> a’ , è -> e’ , ù -> u’, ecc..

          • Aster

            correttore automatico

          • RZ

            basta cambiare la disposizione della tastiera nel control center del sistema operativo. E incollare qualche stickers nei tasti dove necessario, in vendita anche su amazon per circa 5 euro.

          • alex

            Usa il “compose” 😉 in effetti dopo un po’ è comodo, e permette molte più combinazioni di quelle standard. Strano che su linux in molti non lo sfruttino.

        • Aster

          confermo una fatica ai inizi trovare i simboli ~

          • alex

            anche { } ad esempio sono subito disponibili 🙂

          • Aster

            Ma quello lo vedi sulla tastiera italiana,tidle per me al universita e stqto un schock al laboratorio di informatica con tastiera italiana devi indovinare poi windows linux osx tutti diversi:)

          • alex

            Si quello non si sa dov’è ed è ancora peggio, vero 🙂
            mettevo come esempio { e } perchè nei linguaggi di programmazione si usano spesso e con la tastiera uk basta un tasto mentre per noi bisogna premerne tre…

          • Aster

            corretto per questo e piu pratico non avere la tastiera italiana per programmare anche se ormai molti editor di testo hanno le scorciatoie

  • NerdissimoPC

    Io lo eviterei, si dice che Skylake per notebook dia problemi a Linux.

    • Maddo

      Se usi il kernel 4.4 e il bios del pc(desktop o mobile) è aggiornato praticamente tutto è stato risolto tranquillamente. E ubuntu 16.04 monta il kernel 4.4 LTS di default, quindi non ci sono assolutamente problemi. Il supporto per skylake è stato introdotto in maniera preliminare(tutte le funzioni CPU disponibili, iGPU disponibile tramite configurazione manuale del kernel) dalla 3.19(vado a memoria) rilasciato l’8 febbraio 2015(ben prima che skylake uscisse), il pieno supporto “stabile” è uscito con il kernel 4.3, e il kernel 4.4 ha fixato un raro bug in caso di scenari computazionalmente complessi(insieme a un update del firmware). P.S: sei lo stesso di multy? XD

      • Marco Moraschi

        anche la wifi ac? … io mi sono rassegnato e ho cambiato la scheda.

        • Maddo

          Risolto col kernel 4.4 e pacchetto linux-firmware dalla 20151207 in poi.

        • Aster

          anche io tempo fa

  • Box2Tux #LinuxITA

    Freedos != senzaos
    Freedos sta a DOS, come reactos sta a windows.
    È la versione libera di ms-dos.

  • Giancarlo Piccinini

    Peccato questi Pc hanno solo tastiera UK

    • ntqs

      Vero ma ho notato che possono avere schermi IPS 🙂

No more articles