Come probabilmente sapete, Atom è un editor di testo open source multipiattaforma sviluppato da GitHub che presenta un’interfaccia grafica semplice ed intuitiva, oltre ad alcune caratteristiche interessanti per la scrittura in diversi linguaggi di programmazione web, come, ad esempio, CSS, HTML, JavaScript e tanti altri.

Fra le più interessanti spiccano il supporto alle macro, l’auto-completamento, lo split-screen e l’integrazione con il file manager.
Le novità introdotte con la versione 1.6.0 non sono molte:

  • Sono state aggiunte funzioni ed API per gli oggetti del pannello;
  • Miglioramenti per l’utilizzo multi-pannello;
  • Decorazioni di blocco;
  • Async Git;
  • API per top e bottom bar.atom-ubuntu-linux

Istruzioni per l’installazione su linux
Le ultime versioni di Atom sono disponibili tramite una PPA di terze parti, quindi è possibile installare una versione aggiornata senza problemi su sistemi come Ubuntu 16.04 Xenial Xerus, Ubuntu 15.10 Wily Werewolf, Ubuntu 14.04 Trusty Tahr e sistemi derivati come Linux Mint 17.x, oppure Elementary OS 0.3 Freya.

Avrete bisogno di aggiungere la PPA al vostro sistema, aggiornare le repository locali ed installare il pacchetto Atom:

$ sudo add-apt-repository ppa:webupd8team/atom
$ sudo apt-get update
$ sudo apt-get install atom

Se Atom non mi vi piacesse potete disinstallarlo semplicemente con il comando:

$ sudo apt-get remove atom

E voi conoscevate questo ottimo editor? O vi affidate ad altri prodotti?

[Fonte]

  • gianluca

    Di solito uso bluefish, ma se integra anche il supporto per github la cosa potrebbe diventare interessante

    • Marco Persy

      è stato sviluppato proprio dal team di github

  • GianLaz

    Ottimo editor, lo uso quotidianamente per sviluppare tutti i miei progetti: siti, webapp, app. Ho rimpiazzato senza alcun rimpianto sublimetext, anzi… Consiglio di installare le seguenti estensioni, basilari: save-session e project-manager

  • ottimo, peccato che su archlinux non è ancora nei repo ufficiali, ma si trova solo su AUR… però almeno per fortuna c’è anche la versione bin, così si può evitare di compilarselo ad ogni aggiornamento

No more articles