Poche settimane fa vi abbiamo parlato di Remix OS, un sistema operativo per PC basato proprio su Android x86 ma con un’interfaccia completamente rivista ed adattata all’utilizzo su un computer.

Dopo l’annuncio della disponibilità al download nel mese di gennaio, Jide, l’azienda che si occupa dello sviluppo, in data primo marzo 2016 ha pubblicato la nuova versione Beta di Remix OS, introducendo vari miglioramenti software e fixando alcuni problemi riscontrati dagli utenti nella precedente release.

remixos_desktop

L’aggiornamento arriverà via OTA a chi ha già installato Remix OS sul PC, tuttavia è comunque possibile scaricare manualmente le ISO della nuova release, disponibile sia in versione a 64-Bit che 32-Bit.

Non è stato pubblicato un changelog scritto, anche se sono state corrette numerose incompatibilità hardware esistenti nella prima versione, oltre ad essere stata aggiunta la possibilità di effettuare il Dual-Boot, il supporto ai 32-Bit ed all’EFI. Infine, sono stati corretti oltre 50 BUG minori; insomma è stata messa diversa carne al fuoco.

Per il download vi rimandiamo al sito Jide.com, dove troverete anche altre informazioni a riguardo, nel frattempo, vi lasciamo con il video pubblicato nei giorni scorsi in occasione della pubblicazione della Beta di Remix OS, nel quale troverete le principali novità di questo update.

[Fonte]

 

  • SalvaJu29ro

    Progetto veramente interessante
    Quanto consuma di ram?

  • Andrew

    ma su VMware è possibile montare questa ISO? ho provato a farlo, si avvia, aggiungo anche la stringa vga=791, ma il tutto si ferma alla schermata Remix OS.

    Qualcuno è riuscito nell’impresa? Mi è sfuggito qualcosa?

  • Interessante progetto : mi domando se sarà mai possibile installare da solo Remix Os su hard-disk senza appoggiarsi ad un’altro sistema operativo !

  • Massimo A. Carofano

    Installata in modo persistente su una pendrive usb.
    Il progetto è interessante, vorrei vedere la 2.0 sul mio Teclast x98 Air 3G, tablet che ha già visto la 1.0.

    • Qfwfq

      Come hai fatto?

      • Massimo A. Carofano

        Basta che la metti su USB con il loro stesso tool, oppure con ISO2USB o UNetbootin, al primo avvio ti permette di scegliere come accedere, basta selezionare Persistent e parte un’installazione vera e propria..
        Consiglio USB 3.0.

  • simone

    ho provato sia l a 64 bit che la 32 bit nella macchian virtuale ma si ferma alla scritta iniziale remix os. Ma si può installarla nella macchia virtuale ?

No more articles