Budgie Desktop è il desktop enviroment che troviamo di default su Solus OS. Fino a poco tempo fa l’installazione su Ubuntu richiedeva una compilazione, ora fortunatamente le cose non sono più così grazie al PPA di fossfreedom.
Il PPA è compatibile con Ubuntu 15.10 e con Ubuntu 16.04 LTS. Al suo interno, oltre a trovare Budgie Desktop, troverete anche il tema Arc e il set di icone Moka (che vengono installati come dipendenze) che altro non sono che il tema ufficiale di Budgie Desktop il cui utilizzo è consigliato (con altri temi Budgie potrebbe non visualizzarsi correttamente).
GUIDA
Per provarlo su Ubuntu 16.04 LTS o Ubuntu 15.10 procedete come segue (NOTA IMPORTANTE: Ubuntu 14.04 non è supportato).
budgie-2
Come prima cosa aggiungiamo il suddetto PPA dando da terminale
  • sudo add-apt-repository ppa:fossfreedom/budgie-desktop
Ora aggiorniamo la lista pacchetti
  • sudo apt-get update
ed infine possiamo eseguire l’installazione con il seguente comando
  • sudo apt-get install budgie-desktop
Quando le procedure sono terminate riavviate il sistema e nella schermata di login di Ubuntu selezionate la sessione Budgie Desktop.
Al primo avvio non vi resta che andare nelle impostazioni Tema e impostare il tema Arc-Dark per i Widget e Moka per le icone.
budgie-3
Lo stesso autore del PPA ha ora iniziato a sviluppare “Budgie-Remix”, che, come si evince dal nome, ha l’omonimo desktop environment predefinito.
Questa prima release è disponibile soltanto per i sistemi a 64-bit ed consigliabile usarla solo in macchina virtuale.
Se volete provarla potete scaricarla a questo indirizzo.

Una volta avviata lo username da inserire per loggarsi è “live” (senza virgolette), mentre il campo password va lasciato vuoto.

Se non vi avessi convinto qui c’è un video che vi permette di dare un rapido sguardo a questo desktop environment:

  • gabriele tesio

    Mark Shuttleworth ha anche detto che sarebbe d’accordo nel supportare una derivata ufficiale di ubuntu con budgie se ci fosse abbastanza interesse da parte della comunità.

    • Stefano

      Ma a Ikey non interessa 🙂

    • bypasserr

      con xubuntu e ubuntu mate mi pare che lo spazio sia limitato per un’altra derivata “classic paradigm” (o come la vogliamo definire).

      • gabriele tesio

        mah, su questo non so dire, mark ha detto solo che se nella comunità c’è un forte interesse, allora lo supporterà, altrimenti no, quindi bisogna vedere come la comunità reagisce; poi personalmente non mi influenzerebbe, perchè io sono contento di ubuntu unity, però male non farebbe

  • Leopoldo

    Qualcuno di voi ha avuto modo di provare questo desktop enviroment? E’ reattivo? Adatto per lavorare quotidianamente?

No more articles