Ecco come scoprire se la vostra distro Linux Mint è stata violata!

24
87
Linux Mint

Stando alle ultime notizie circolanti sul web, lo scorso 20 Febbraio, la popolare distribuzione Linux Mint è stata violata da un gruppo di hacker, i quali hanno approfittato della falla di sicurezza di un plugin di WordPress per inserire una backdoor nelle immagini ISO presenti sul sito web ufficiale della distro.

Anche il direttore dello sviluppo della distribuzione – Clement Lefebvr  ha confermato la violazione, ed ha subito provveduto a scusarsi con gli utenti, consigliando l’eliminazione dell’ISO a coloro che l’hanno scaricata di recente.

Linux Mint

Se però avete scaricato ed installato di recente Linux Mint, allora eccovi qualche semplice step per verificare o meno la presenza della backdoor sul vostro sistema operativo.

Tramite la console Linux, digitate il seguente comando:

tuoArchivio.iso md5sum

dove

tuoArchivio.iso

è il percorso ed il nome del file ISO scaricato.

Linux Mint

Di seguito trovate l’elenco delle MD5 delle immagini ISO NON infette:

  • 6e7f7e03500747c6c3bfece2c9c8394f -linuxmint-17.3-cinnamon-32bit.iso
  • e71a2aad8b58605e906dbea444dc4983 -linuxmint-17.3-cinnamon-64bit.iso
  • 30fef1aa1134c5f3778c77c4417f7238 -linuxmint-17.3-cinnamon-nocodecs-32bit.iso
  • 3406350a87c201cdca0927b1bc7c2ccd -linuxmint-17.3-cinnamon-nocodecs-64bit.iso
  • df38af96e99726bb0a1ef3e5cd47563d -linuxmint-17,3-cinnamon-oem-64bit.iso

Qualora la verifica risultasse positiva, vi consigliamo caldamente di eliminare il file, in quanto potrebbe essere infetto o danneggiato.

Se, purtroppo, fate parte di coloro che sono stati “infettati” ed avete già provveduto all’installazione, allora vi invitiamo ad eseguire queste operazioni:

  • Scollegate il computer da Internet.
  • Fare il backup dei vostri dati personali.
  • Formattate la partizione.
  • Installate una nuova copia pulita di Linux Mint.
  • Modificate le password dei siti web che contengono le vostre informazioni private.
  • Ripristinate i dati personali.

Sperando di esservi stati di aiuto, vi rimandiamo ai nostri prossimi articoli sulle novità del mondo Linux.

[Fonte]