Grazie ad un’accordo tra LibreItalia e il Ministero della Difesa, nei sistemi dell’esercito si utilizzerà la suite per l’ufficio open.

LibreOffice e Ministero della Difesa
LibreItalia Onlus ha recentemente annunciato che Ministero della Difesa Italiano che porterà la suite per l’ufficio open source multi-piattaforma nei sistemi dell’esercito. L’annuncio arriva grazie all’accordo di collaborazione tra Sonia Montegiove (Presidente dell‘Associazione LibreItalia Onlus) e Ruggiero Di Biase (Ammiraglio di Divisione e Dirigente Generale Responsabile dei Sistemi Informativi Automatizzati del Ministero della Difesa)  che poterà LibreOffice come pacchetto di produttività open per l’Office Automation. L’accordo arriva grazie anche al Decreto Legge 83 del 22 giugno 2012 nel quale viene disposto che nelle Pubbliche Amministrazioni ci sia l’obbligo di dare la precedenza al software libero.

Stando a quanto riportato dal portato dal portale LibreItalia, il Ministero della Difesa effettuerà una serie di corsi didattici per facilitare la migrazione da Microsoft Office e altre suite per l’ufficio proprietarie a LibreOffice.
Inoltre il Ministero della Difesa ha deciso di utilizzare per i propri documenti formati liberi come Open Document Format (ODF) abbandonando cosi formati proprietari di Microsoft Office (soluzione alla quale già hanno aderito Regno Unito, Spagna, Germania, Francia e Olanda).

Sonia Montegiove e Ruggiero Di Biase

Complimenti a LibreItalia Onlus e al Ministero della Difesa per aver finalmente deciso di puntare sull’open source.

  • Gigi

    Ahem… sei indietro di una versione, pare: è fuori la 0.61…

    • è per windows la 0.61 per linux attualmente c’ è la o.60

      • Gigi

        Ah, ok. Scusa.

        • nessun problema
          e soprattutto non ti devi scusare
          hai fatto molto bene a segnalare 😀

      • Fabio

        ora è disponibile anche per linux la 0.61, appena scaricata 🙂

  • Cristian Martina

    Finalmente.
    Ma quindi se c’è libreitalia onlus significa che gli si può donare il 5×1000? L’anno prossimo lo faró. Quest’anno è stato il turno di wikipedia.

    • Andrea

      LibreItalia codice fiscale 94152640549 – mettilo a memoria per il prossimo anno

    • ilcampione

      si esatto si può donare il 5 x 1000, già fatto quest’anno

  • Davide

    ok, mi sfugge qualcosa …come rimpiazzano strumenti di condivisione ormai credo diffusi in quasi tutti gli uffici come SharePoint ? non certo con LibreOffice … o forse non li usano ? … nel qual caso sono ancora più perplesso …

    • Ocelot

      Così su 2 gambe non credo sia uno strumento così importante ed usato su scala così larga all’interno del ministero della difesa.

    • Marco S.

      Perché dovrebbero per forza utilizzare SharePoint? E comunque esistono alternative open source come Alfresco (non lo ho mai usato però).

      • Kim Allamandola

        La frase tra parentesi spiega tutto 😀

        Alfresco come Nuxeo ma anche SharePoint o Documentum&c sono come tutti i sw gestionali veri mostri indigeribili!
        In effetti per lavorare bene ad oggi non si dovrebbero usare neppure le suite di office automation (ma qui ci allarghiamo molto…)

        Alfresco è il più mostruoso dei DMS semi-open (semi perché il codice c’è, auguri se vuoi forkarlo, fai prima a partire da zero), Nuxeo è un po’ meno esoso, OpenKM dei meno pesanti è l’unico IMVHO usabile sia pur super-limitato…
        Il senso di questo commento è: meglio se si sviluppano un DMS loro o prendono il meno peggio…

    • lavoro in un’ufficio dove condividiamo i nostri file ma non ho mai sentito parlare di sharepoint
      tutti usano office io uso openoffice (è installato sul pc qualche anno fa avevo solo quello e mi ci trovo meglio) e non abbiamo nessun problema. Devo solo ricordarmi che i miei file vanno salvati in doc, xls ecc

      • Se spulci nel menu c’è l’opzione per salvarli sempre in xls e doc come opzione predefinita.

        • interessante non lo sapevo vedrò di spulciarmi le impostazioni

          • Se non sbaglio:
            Tools>Options>Load/Save>General
            Document type .. Always save as

          • Aster

            esatto la prima cosa che faccevo quando installavo openoffice,ora installo libreoffice

          • ilcampione

            e sopratutto appena puoi passa a libreoffice, lo sviluppo di openoffice è fermo ormai ed è meglio che tu switchi appena possibile (ben inteso è un consigli spassionato che ti do)

          • se dipendesse da me volentieri ma purtroppo non sono l’amministratore

    • Samael

      Stai implicando che SharePoint sia l’unica soluzione esistente.
      Alfresco è già ampiamente usato ed in molti casi preferito in quanto più interoperabile e con costi decisamente inferiori.

    • Owncloud, alfresco etc. Sharepoint non è poi così fenomenale al punto che microsoft stessa lo sta trascurando per soluzioni integrate via web vedi office365

    • ilcampione

      Sharepoint non è più cosi importante (se mai lo è stato…)

  • Teo

    C’era una decisione da prendere:

    O gli F35 o MS Office 😛

    • ahahah fantastico… son felice che abbiano scelto gli f35

      • ilcampione

        una volta tanto si è fatta la scelta più economica (f35 vs M$) sul lungo periodo

      • ale

        speriamo non cambino idea ancora e fanno fuori gli f35 e riprendono ms office:)

    • guidonespelacchiato

      Con i soldi risparmiati compreranno si e no il seggiolino di 1 f35

  • kenny78

    E’ tutto un magna-magna

    • Fabio

      Non c’entra nulla col discorso ma fa sempre figone dirlo…

  • Fabio

    Xò, carina la Montegiove! 🙂

  • O fanno un uso casalingo del pacchetto o non capisco come facciano a gestire file complessi che fanno uso di db, script, ecc….

    • ilcampione

      oppure non sai che
      Un db NON devi farlo/usaro con Access, MAI !!!
      Che le Macro e il “Lavorare bene” stanno come il Diavolo e l’Acqua santa
      Che LibreOffice è ormai una suite completa che usano moltissime amministazioni (nazionali e internazionali) senza riscontrare grossi problemi (e ho scritto grossi, volontariamente : perchè problemi ce ne sono ma sono minori rispetto a quelli che sia hanno quando si usano due versioni differenti di MS office)

    • Fabio

      Gli script li gestisce pure LO, non quelli di Office ma i suoi (e del resto neppure Office gestisce gli script di LO).

  • Bravi ragazzi….brava Sonia…

  • rico

    Complimenti al ministero della difesa, per aver capito che le operazioni congiunte con Regno Unito, Spagna, Germania, Francia e Olanda non si possono fare senza ODF.
    Sono stati costretti dal resto d’ Europa, altro che balle.

  • Stoccafisso

    Si troveranno bene. Complimenti per la decisione saggia

  • Daniele Cereda

    carino,se non chè tutto si fermerà al primo documento scambiato tra il ministero e un altro ministero italiano che usa office,il documento non si apre perchè i formati sono diversi e:
    1)buttano LO
    2)l’india non ci ridà i marò

  • Fabio R.

    Spero che la capacità di fixare i bugs di sicurezza del team di LO sia più celere di quella di aprile 2015:

    http://www.cvedetails.com/vulnerability … ffice.html

    che probabilmente per loro era di importanza secondaria.
    Ma a scanso di equivoci consiglierei di dotare i pc con OS Windows di un anti-exploit tipo EMET inserendo LO in lista.
    Tale consiglio è naturalmente esteso ad ogni altra suite office.

  • mscanfe

    certo che… la foto è proprio una fetecchia! ma non potevano buttarci un po’ di flash, visto che i due stavano in controluce?
    Quanto
    a LO, è una buona notizia, ma vedrete i casini che succederanno quando
    gli scienziati del Ministero della Difesa cominceranno a scambiarsi file
    in .ODF con altri scenziati di pari potenza cerebrale impiegati presso
    il resto della Pubblica Amministraizione; ma senza andare a pensare ai
    file in .odf, basterà che un file di LO sia importato in MSO (o
    viceversa) creando qualche problemino di impaginazione e questa congerie
    di scienziati andrà subito in tilt e, dall’alto della sua compentenza
    tecnica, comincerà ad accusare LO che non va bene, che MSO è meglio, che
    non mi ci trovo, che non mi piace…
    Purtroppo, visto il personale che ha, la PA è l’ultimo posto da cui bisognerebbe iniziare la migrazione al software libero

    • Mauro Tassinari

      Normalmente è sufficiente che qualcuno utilizzi un carattere insolito…

  • Per poi tra un anno ritornare a Microsoft office per incapacità del personale di usare libreoffice come è già successo in altri casi.

    • Pol Hallen

      bisogna essere davvero idioti per non riuscire ad utilizzare libreoffice…

  • Simone

    Grande (Monte)Giove!

    XD

No more articles