I developer KDE stanno lavorando nel migliorare il gestore delle attività in Plasma 5.

KDE Activities Settings
Continua lo sviluppo del nuovo Plasma 5, nuova versione che porta con se molte ed importanti novità che rendono il famoso ambiente desktop open source sempre più completo e funzionale. Tra le novità in fase di sviluppo troviamo anche il nuovo gestore delle attività, importante funzionalità che ci consente di cambiare velocemente il nostro desktop ottimizzandolo per alcune tipologie d’utilizzo (esempio per navigare in internet, operare in file multimediali o documenti ecc). L’idea del nuovo gestore delle attività di KDE è quella di fornire all’utente maggiori funzionalità configurabili attraverso un’interfaccia grafica completamente rivisitata.

Il gestore delle attività di KDE in Plasma 5.x consentirà di impostare uno sfondo e plasma widget da integrare nel desktop, inoltre potremo scegliere quali applicazioni e file / documenti avviare automaticamente. Da notare la possibilità di poter accedere automaticamente ad alcuni portali web oltre alle nuove opzioni privacy (immagine in basso).

KDE Activities Settings

Rivisitato anche il manager delle attività di KDE con tanto di anteprime, info e pulsanti per l’accesso alle configurazioni ecc.

KDE Activities Manager

Tengo a precisare che le immagini dell’articolo sono mockup, e attualmente il nuovo gestore delle attività di KDE in Plasma 5.x è ancora in fase di sviluppo e potrebbe includere anche nuove features oltre ad una UI diversa da quella di queste immagini.

Home Plasma Activities da KDE_Visual Design Group

  • EnricoD

    fica *_*

  • Jag.

    ok bello mi immagino alla prima telefonata:

    “T.I.M. the custom you have calling is disabled by hardware switch

    please digit: sudo gedit /etc/init.d/ricaricada10euro.sh

    sudo chmod a+x /etc/init.d/ricaricada10euro.sh

    sudo update-rc.d ricaricada10euro.sh defaults”

  • Justin Polidori

    Si sa qualcosa sulla data di rilascio di Plasma 5.4?

    • SalvaJu29ro

      E’ uscito gia Plasma 5.4.1

      • ekkekkk

        si, c’è anche in debian testing

    • Joshua Dunamis

      E’ già rilasciato.. lo sto usando su Manjaro Linux (derivata Arch)! Anzi ieri è già stato rilasciato Plasma 5.4.1 minor bugfix update!

      • Justin Polidori

        Io ho ancora la versione 5.2.2 di Plasma. Come posso aggiornarlo? Nell’update manager non mi viene fuori nulla!

        • SalvaJu29ro

          Hai Kubuntu per caso?

          • Justin Polidori

            Si si Kubuntu 15.04

          • SalvaJu29ro

            http ://ubuntuhandbook .org/index.php/2015/08/install-kde-plasma-plasma-5-4/

            Non so quanto ti convenga però….

  • ekkekkk

    kde4 era l’ultimo de “decente” rimasto, ora hanno rovinato tutto con sta “roba” incompleta e piena di bug.
    Già usare 2 schermi xorg separati è impossibile (su kde4, xcfe, gnome2, mate, nessun problema), poi crashetti sparsi e problemini vari …
    Ma andassero af………………….

    • Maudit

      e usa kde 4, no?

      • ekkekkk

        e cosa credi stia usando?
        Plasma4.1 è in un’altra partizione che testo regolarmente (debian), per tirare giù “santi e madonne” a decine …
        La gestione dei 2 schermi (separati non funziona) mentre affiancati è un delirio, cose che si aprono di qua altre di la, bisogna creare regole finestra per tutto, flickering a manetta sul tv a pieno schermo, accendi il secondo schermo (o lo spegni) e succede di tutto, un vero DELIRIO!!!!

        • ekkekkk

          correggo: *plasma 5.4.1

        • SeaPatrol

          Ghgh è vero, poi il bello è quando crasha kded5, così non puoi creare la regola 🙂

          • ekkekkk

            questa *robaccia* dovrebbe stare in experimental, neppure in unstable, invece debian te la butta in testing.

            Gia saremo rimasti in 4 gatti ad usare pc con linux, continuano cosi (GCC5 abi transition che “sminchia” il mondo in primis) fanno scappare tutti.
            Io voglio cambiare DE ogni 10 anni, il PC deve lavorare alla cose che dico IO, non IO lavorare per sistemare il “CAXXO” di DE e/o sistema.
            Per ora ho frizzato la mia Debian unstable con i repo stable a vaffancuore …
            Poi con plasma 5.10 vedremo.

          • Marco Missere

            Ah beh, usi Debian Unstable e poi ti lamenti dell’instabilità. Ok.

          • ekkekkk

            sono anni che uso sid, da prima di debian 6, sempre lo stesso sistema, a parte qualche pacchetto ogini tanto da retrocedere, sempre andato bene, meno bug degli equivalenti “ubunti”.

          • michele casari

            10 anni? RedHat (per gli amici Centos), qualche anno in meno? Slackware 🙂

            [edit]
            te lo dico a bassa voce, ma debian 6 è la miglior debian che abbia mai avuto (da test a stable) oviamente mia personalissima impressione/idea
            [/edit]

          • Ma è nel ramo testing non in stable…

        • Maudit

          No, non ho capito.
          Hai detto: “kde4 era l’ultimo de “decente” rimasto”, per quello ti ho detto di usare la versione 4 e non la 5.

          KDE 5 è un DE ancora in gestazione e non comprende nemmeno tutte le features previste in KDE 4, che in alcuni casi sono in sviluppo, in altri sono state sostituite o rimosse. Se scegli di usare un casino del genere per le tue attività quotidiane, hai voglia di smadonnare: te la stai cercando da solo.

          Basta giocherellare con una versione live per vedere che KDE 5 crasha spesso.
          D’altro canto, se proprio ci tieni ad essere informato su KDE, al momento dei rilasci di versione dovresti guardare il changelog per vedere che ad una nuova implementazione o una miglioria grafica come quella di cui si parla in questo post, ne corrispondono centinaia riguardanti stabilità ed usabilità. Non è che aggiungendo due parametri alle activities smettono di fixare i bug.

          • ekkekkk

            Guarda che io con KDE4 ci vivo benissimo.

            Testo Plasma5 perchè prima o poi ci dovremo migrare.

            E per ora siccome non c’è un

            update-alternatives –config kde

            che mi permette si scegliere, guarda cosa succede se volessi installare sddm o gcc5:

            http://pastebin.com/raw.php?i=pUT5bAk0

            quindi se sviluppo qualcosa non lo posso testare col gcc5 perchè per installarlo si porta dietro pure kf5/plasma5 che, come dici tu “è un DE ancora in gestazione” ….

            Chiaro?
            Fine delle trasmissioni.

    • matteo81

      Il problema è l’assurda moda di etichettare come stable versioni che sono a malapena dei proof of concept…. e ovviamente far cadere nella trappola i soliti utenti che si aspettano un prodotto completo o quantomeno usabile e invece si trovano di fronte a una beta acerba….
      Successo la stessa cosa (anche peggio direi) con kde 4, gnome shell, unity, cinnamon…. paradossalmente i de meno sviluppati sono quelli più affidabili…
      Capisco la necessità di avere più feedback possibili e il fatto che sviluppare ex novo qualcosa sia più appagante che correggere bug e ottimizzare il codice ma basterebbe scrivere beta invece di far passare per pronto un prodotto che palesemente non lo è…….

      Io personalmente avrei ottimizzato ancora di più kde 4 e risolto i soliti problemi storici del draghetto… un setting manager umano e più semplice, un browser comodo e moderno (rekonq e konqueror sono due zombie che camminano) e dato un’ ammodernata al default…. poi finalmente ci si potrebbe concentrare sulle applicazioni che sono ferme da parecchio…. invece, come spesso accade, si cerca di reinventare tutto da capo…. e alla fine non si arriva mai ad un prodotto completo ma la sensazione è quella di essere sempre “work in progress” senza mai arrivare alla chiusura del cerchio…. non solo per kde ma proprio in generale….

      • SalvaJu29ro

        Forse erano progetti talmente vecchi dalla base che è più facile farli da 0 che rendere il vecchio compatibile con i vari wayland, qt5 ecc

        • matteo81

          E’ un’abitudine ormai troppo vecchia e radicata per credere realmente a questo… parere personale….
          Oltretutto dubito che sia più rapido rifare tutto da capo rispetto a rendersi compatibili con un server grafico… che comunque continua a non venir inserito da nessuna distro di default……

          Poi, opinione personale: ma chissene frega delle qt 5 se per poterne godere (ammesso che qualcuno sia talmente tecnico da capire le differenze dalla precedente versione) devo essere costretto ad avere un ambiente instabile, crash, un consumo di memoria addirittura superiore al precedente e i 3/4 del software kde che nemmeno è stato portato sulla nuova piattaforma…..
          Aspettiamo nuovamente un paio di anni per tornare al punto di prima…. e quando magari stai per arrivare allo status quo si rifà nuovamente tutto da zero….. no, mi dispiace ma questo non è usare la testa a parer mio…… grottesco anche che i principali problemi (setting manager, un browser decente…) siano ancora lì mentre la comunità parla solo di orologi, sfondi e l’applet flat…… perdonami ma sembra di stare nel regno della futilità…….

          • SalvaJu29ro

            Il tuo discorso è condivisibile
            fosse per me potevano continuare ad aggiornare il quasi perfetto Kde 4….

          • matteo81

            Infatti sarebbe stata la scelta con più grano salis…. ma ammetto di chiedere troppo a volte…

          • ekkekkk

            parole sante.

          • michele casari

            Si pò dire che mint con Cinnamon si stia muovendo in quella direzione? Sitema base fisso e migliora il suo de

    • questa versione di kde è come la gnome 3.17 se vedi le novità sono tutte buggate, ma siccome gnome 3.17 non lo vedi e vedi o la 3.16 o precedenti e vedrai la 3.18 dove i bug sono risolti. Vedrai che kde 5 sarà stabile raggiunta la versione 5.7/5.8 non prima, come è stato per kde 4 che fino alla 4.10 aveva dei bug ancora molto significativi sul wm…

  • SalvaJu29ro

    Prima di tutto dovrebbero migliorare la stabilità, a me ancora crasha un po’ troppo
    Ah e poi portando i programmi in KF5 potrebbero portare con se anche i plugin
    Ora non riesco più a vedere le anteprime dei pdf perchè kdegraphics-thumbnailers è ancora per Kde4 -.-
    Edit: Ho visto che c’è la versione git su Aur..almeno questo

    • temistocle

      Le distro introducono kde sempre prima che sia pronto (con poche eccezioni). Questo è il problema.

      • SalvaJu29ro

        Beh si, anche se nel caso di Arch è ancora possibile installare Kde4
        Mi stupisce che anche una distro stabile come Opensuse lo introduca nella sua prossima versione

        • Maudit

          ma se stanno ancora impementando caratteristiche tipo “Trash applet now works again with drag & drop” (changelog plasma 5.4) è impossibile che sia stabile: è un cantiere aperto.

          • SalvaJu29ro

            Infatti non lo è, ma se lo mettono di default mica è colpa mia xD

        • temistokle

          “KDE Plasma has update 15.04.3, which include Long Term Support versions of Plasma Workspaces 4.11.21”. Su opensuse ci sarà la possibilità di rimanere sulla 4.11 per fortuna.

          • SalvaJu29ro

            Daranno la possibilità di scegliere? Non male

  • Maudit

    Mmmmm… non ho letto tutto l’articolo ma lo screen delle activities è faigoh.

    • ekkekkk

      in molti anni MAI, MAI MAI usato le attività.
      Potevano chiamarle INUTILITA’……

      • Maudit

        Io invece le uso regolarmente e sono molto utili.

        • mikronimo

          Ok, mi serve di capire (veramente, non è una polemica mascherata da domanda) a quale funzione assolve questa feature, perché non l’ho mai usata, ne tentato di usarla, quindi me ne sfugge il senso… per svolgere le mie attività, ho creato 6 desktop diversi: il n° 1 per il gestore file (dolphin), il 2 per aprire libreoffice, il 3 firefox, etc.; il gestore di attività è forse una cosa del genere, ma che non sfrutta diversi desktop? Grazie dell’eventuale risposta.

          • whoami

            Io lo uso come comodità per mia moglie 😛

            Nel senso che ho creato una sua attività, una vista delle cartelle con i file suoi legati alla sua attività (dalle ricette di cucina, foto, ecc), così non deve stare a capire che i documenti sono di qua, le foto di là, ecc… Io nella attività diciamo “mia” ho i plasmoidi per monitorare il pc, ma a lei non gliene frega niente quindi lei non li ha.
            Chromium lo usa solo lei quindi si apre solo sulla sua attività… Non è una cosa di cui non si possa fare a meno ma impostandole bene possono essere utili.

            Io ad esempio i desktop virtuali li uso solo come appoggio, non vincolati a quali programmi aprirci sopra, e tramite scorciatoie ed expose è un attimo raccapezzarmi anche con 10 finestre aperte…

          • mikronimo

            Praticamente, per lo meno come lo usi tu, è come aprire una sessione ospite, o, in generale, permette di stabilire, per diverse attività, diverse applicazioni, file, etc., dedicati…

          • whoami

            Si. Se hai l’hobby della fotografia, ti metti le cartelle e i programmi che ti servono sull’attività foto, con magari post-it con promemoria ecc in quell’attività e ce le hai lì comode, invece mentre fai altro stai in un’altra attività e non hai tutta quella roba in giro

          • mikronimo

            Perfetto, grazie per la pazienza. 🙂

          • Maudit

            Non è semplice spiegare cosa sono ed a cosa servono le activities in poche righe. Non lo è perché non hanno un singolo modo d’uso o una sola finalità, possono quindi essere interpretate in modi diversi e comunque validi.

            Le activities di KDE, la dove altre soluzioni hanno cercato di far recedere la metafora del desktop file-centrico a favore di quello app-centrico e semantico, sono il tentativo di evolvere il desktop tradizionale tramite la sua contestualizzazione (sotto diversi livelli di lettura del contesto) e tramite la ricerca semantica.
            Come concetto sono anche dei rudimentali precursori della convergenza, anche se la loro estensione d’uso è molto più generica.

            Rispetto al caso dei virtual desktop che hai posto, le activities non sono alternative ai desktop virtuali ma si pongono in questo ordine:

            Attività -> Desktop tradizionale-> Virtual desktop(s).

            Puoi averne conferma cliccando (in kde4) sul pulsante che mostra il gestore attività, quello con le 3 palline, e vedrai che il tuo attuale desktop è a tutti gli effetti un’activity.

            Le activities non sono parallele al desktop ma ortogonali ad esso. Permettono di avere più viste dello stesso desktop o di desktop diversi finalizzati allo svolgimento di task specifici.

            Degli ipotetici scenari d’uso:

            – il desktop tradizionale. Come detto è un’activity.

            – la presentazione di un layout base indirizzato alla fruizione/gestione di contenuti di un certo tipo. Ad esempio il template predefinito “attività fotografica”

            – la presentazione di un’interfaccia che proponga una modalità d’uso, ad esempio il template predefinito “cerca e avvia”.

            – L’utilizzo delle activities configurate in base al contesto di utilizzo.
            Per fare un esempio, sul portatile potresti avere un’activity “musica” ed una “proiezione slides” configurate in modo che quando ascolti musica (usando l’omonima attività) dopo 1 minuto di inattività lo schermo vada in standby, mentre quando utilizzi l’activity “proiezione slides” lo schermo non vada mai in standby. Quindi due configurazioni di risparmio energetico diverse in base all’attività che svolgi.

            – L’utilizzo delle activities in base al verificarsi di eventi hardware.
            Ad esempio, collegando il netbook/notebook da 10″ ad un monitor, potresti passare da un’interfaccia per schermi piccoli (cerca e avvia), al desktop tradizionale, o alla versione con i soli widget.

            – L’utilizzo personalizzato delle activities per lo svolgimento di compiti specifici. Ad esempio potresti avere una vista “a desktop” di una specifica cartella, l’avvio di uno o più programmi relativi a quell’attività, e la ricerca semantica contestualizzata rispetto al tipo di lavoro che fai in quella cartella/attività.
            Potresti avere anche un’associazione dei files differente per activity, utilizzando come programma predefinito un visualizzatore di foto per l’activity “album fotografico” ed un editor completo per l’activity “progetti grafici”.

            Pausa drammatica.

            Purtroppo quelli indicati sono per lo più esempi per far capire a cosa possono servire le activities.
            In realtà solo una parte di quello che sarebbe necessario è implementata. Sia per l’elevata estensione dei casi d’uso, sia per limitazioni tecnologiche non dipendenti da KDE (una di queste è costituita da Xorg), l’implementazione in KDE 4 è appena introduttiva rispetto alle potenzialità descritte. In particolar modo ciò che dipende dagli eventi hardware e richiede un maggior controllo dei processi per sessione, trarrà giovamento da Wayland e systemd, con KDE5.

            Per quanto mi riguarda io uso le activities per gestire a desktop diversi progetti web (e non). Perché mi piace avere un desktop non “pulito”, ma riempito con le icone giuste e configurato in modo diverso a seconda del compito che svolgo.
            Ho anche un desktop che riempio di ogni spazzatura che trovo (come nella giusta tradizione), ma è dedicato a quello scopo.

          • mikronimo

            Che le activities fossero qualcosa di molto più sofisticato dell’avere una serie di desktop dedicati a varie app, mi era chiaro; ora me ne hai dato un più ampio panorama; il punto è che io tendo a semplificare e ad avere una mia organizzazione mentale tale che questo genere di funzioni raramente mi servono; considera che non uso gestori di playlist musicali come amarok o clementine (che ho provato e ritengo molto belli), dato che ho creato una serie di playlist “fisse” (occasionalmente tolgo o metto brani diversi, ma è raro) che apro con audacious…

          • Maudit

            figurati, io uso solo VLC per i files multimediali e nemmeno le playlist.
            Un difetto delle activities, oltre ad essere relativamente limitate rispetto a ciò che si ripropongono di fare, è che non sono finalizzate, non sono intuitive, e nemmeno ben spiegate.
            Io le ho iniziate ad usare solo perché ad un certo punto ho deciso che volevo capire a cosa servisse quella parte di KDE, solo dopo diversi tentativi ho ritenuto di poter trarre un vantaggio per alcune operazioni che faccio col pc.
            A dire il vero non sono nemmeno sicuro del fatto che il mio modo sia quello più appropriato di utilizzarle, ma finché riesco a trarne un vantaggio (organizzativo) me le faccio andar bene.

          • Maudit

            PS: Rispetto alla news di questo articolo, credo che abbia qualcosa a che fare con questa discussione di agosto, sul forum KDE, in cui si parla delle activities di KDE 5:
            https:// forum. kde. org/viewtopic. php?f=285&t=127632

      • quiet

        anche i desktop virtuali mai usati, ho sempre usato l’expose o lo scroll sulla barra per passare di app in app.

  • jboss

    migliorate anche il pannello di controllo ancora più confusionario di prima

  • CuccuDrillu10

    kde 5 sembra un parto infinito.

  • Martinix

    Purtroppo avete ragione… sto provando Opensuse Mileston1 e devo dire che la cosa è inutilizzabile; kde5 NON è ancora pronto!!!!
    Continuerò a seguire lo sviluppo certo, ma se questeson le premesse resto con Opensuse 13.2 e kde 4.x che è stabilissimo e super usabile.

    Temp se ne riparlera con qialcosa di >= kde5.5 non prima 🙁

    • Andrej Peribar

      Di certo è una mia mancanza ma non ho compreso il tuo punto di vista.
      Provi una mileston e dici che è instabile?

      Come dire l’acqua è bagnata.

      resto con Opensuse 13.2 e kde 4.x che è stabilissimo e super usabile.

      Infatti quella è la versione stabile!
      Non ho mai compreso perchè gli utenti che non sono disposti a fare da tester provino le versioni “under costruction” per poi notare l’instabilità.

      L’opensource è fatto così, si rilasciano le versioni intermedie per permette a chi vuole di contribuire. (community)
      Mica per permettere a chi vuole lamentarsi di lamentarsi 😀

      PS
      rileggendo mi rendo conto che forse sia un discorso generico più che rivolto alla tua persona 😀

      • Martinix

        siamo perfettamente daccordo che un Milestone è di suo instabile ovvio e non discuto, ma faccio il beta test da un pò e quindi per esempio, a differenza della mileston1 di 13.2 che era si instabile ma gia quasi usabile, perche kde era stabile di suo, questa non lo è perche oltre ad essere instabile ma M1 (come deve essere) Kde5 è ancora acerbo!! 😀
        lo so mi esprimo male….

  • Marco Missere

    A tutti quelli che si lamentano continuamente di Plasma 5: non vi piace? Ma usate le distro stabili con KDE 4.x come OpenSUSE, Debian 8, Kubuntu 14.04, Mint 17.x ecc.., anziché stare sempre a lamentarvi. Se vi trovate bene con KDE 4.x (io personalmente no) qual è il problema? Quando Plasma 5 sarà definitivamente stabile e completo lo sarà, non c’è nessuna fretta.

    • ekkekkk

      non è che Plasma 5 “NON CI PIACE”,
      e che Plasma 5 “NON FUNZIONA BENE” ..
      Prima di distribuirlo (da kubuntu 15.04 a tutte le altre distro che lo distribuiscono), “dovrebbe” essere mediamente completo e funzionate, NON UNA VERSIONE ALPHA!

      O è pretendere troppo????!!

      • Martinix

        non è uan questione di mi piace o no (a me kde5 piace) ma è troppo acerbo per essere usato di default ancora 🙁
        e per chi come mè è passato per opensuse 10.1 forse non ricordo con kde 4.1 sa quello che volgio dire 😉

        • maxjaro

          ma quando mai è esistita una distro rilasciata non buggata dopo un grosso cambiamento (tipo il passaggio di KDE a Plasma 5)?

          • ekkekkk

            si ma raga, siamo alla versione 5.4.1 non alla 5.0.0.4.1 …
            ekkkekkk!!!!

      • Marco Missere

        Ad esempio non ti piace Kubuntu 15.04 perché lo trovi funzionante male? Continui ad usare la LTS con KDE 4.x, e lo stesso vale per ogni altra distro, senza stare a lamentarsi come se fosse la fine del mondo.

      • Jacopo Ben Quatrini

        è troppo capire che se non lo mettono di default poi non hanno la possibilità di testarlo ? Se volete le cose stabili dovete anche fare da tester , se non volete fare da tester aspettate la versione stabile o usate una versione piu’ vecchia già rodata.

    • ekkekkk

      poi diciamola tutta, plasma5 già dal tema di default, arlecchino fatto di acidi con icone multicolorate lsd-vision, sembra un DE fatto da bimbiminkia per bimbiminkia ….

      • Felix

        AHhahahahhahahahahahhahahahah
        (ovviamente senza offesa…. bravo bimbominkia !!!!!)

      • SalvaJu29ro

        opinioni

  • Archer

    Chi parla male di KDE o di qualsiasi altro DE non merita di usare una distribuzione linux…
    TORNATE TUTTI A WINDOWS!!!

  • Michael

    Boh, non riesco a capire tutti sti problemi di Plasma5… lo uso da un mesetto e, se devo dire la verità, non mi è MAI crashato, cosa che invece succedeva almeno un paio di volte al giorno con KDE4.
    Sono da Archlinux, e devo dire che, personalmente, è il DE più stabile che abbia visto finora.

No more articles