In questa guida vedremo come installare Citadel, interessante alternativa gratuita e open source a Microsoft Exchange

Citadel in Ubuntu
Microsoft Exchange è attualmente una delle più conosciute ed utilizzate soluzioni aziendali per collaborazione in linea tra vari utenti. Per gli utenti Linux sono disponibili varie alternative a Microsoft Exchange come ad esempio Citadel, progetto open source incluso nei repository delle principali distribuzioni Linux. Citadel fornisce una completa piattaforma che ci consente di poter condividere email, calendario, note, rubrica ecc tra vai utenti, dispone di strumenti di messaggistica istantanea, server di mailing-list e molte altre funzionalità come ad esempio il supporto per più domini. Semplice e funzionale Citadel dispone di un’interfaccia web che consente l’accesso dai qualsiasi dispositivo collegato in rete una rete locale o da remoto (possiamo accedere anche da remoto), da notare inoltre la possibilità di operare nella piattaforma anche da riga di comando (ottima soluzione per server o per l’accesso tramite SSH).

Citadel è disponibile per Debian, Ubuntu e derivate attraverso i repository ufficiali, basta digitare da terminale:

sudo apt-get install citadel-suite

durante l’installazione ci verrà chiesto di impostare alcune configurazioni della piattaforma tra queste l’user e la password per accederne come amministratore.
Al termine dell’installazione potremo avviare Citadel direttamente dal nostro browser accedendo a localhost.

Home Citadel

  • giulio

    sono gli stessi dualsim cinesi rimarchiati in 100.000 modi, con un po’ di supercazzola sui loro rigorosi test.. mi piacerebbe vederli..

    Certo sono espressamente concepiti per il mercato europeo, anche perché concepire espressamente non costa niente..

    • Luca Tavecchio

      tecnicamente se lo vende una azienda italiana deve sottoporsi a delle regole (anche qualora figurasse quale mero importatore) diverse rispetto al dispositivo marchiato c e che compri direttamente dallo store cinese…

      • giulio

        ma proprio no, nella maniera più assoluta.. il telefono è quello, e a livello hardware non viene toccato (quindi mantiene pregi e difetti). che poi, a livello di configurazione (che paghi) te lo rendano più comodo, va bene. che poi, come leggi sul sito, loro scelgono i componenti, possiamo star qui a ridere tutta la settimana..

        • Luca Tavecchio

          non è così scontato, la legislazione europea non è uniforme a quella cinese.. quindi la cosiddetta selezione delle componenti potrebbe essere semplicemente legata alle necessità di commerciarlo in Europa senza problemi.. per venderlo questa azienda necessità che il prodotto sia conforme.. se il prodotto fosse già conforme di suo difficile da sapere.. e comunque ci sono delle trafile burocratico legali per renderlo tale.. le aziende cinesi li marchiano c e (china export) per confondere le acque.. tuttavia per ottenere il marchio “ce” (quello vero) serve tra le altre cose che la società abbia una sede in europa con tutte le conseguenze legali anche per le garanzie.. ed è qui che la differenza diventa meno sottile.. un importatore ha poi tutti gli obblighi fiscali e doganali da soddisfare cosa che il venditore cinese ( e il compratore europeo) quando acquista su store stranieri (extracee/cinesi) fa di tutto per evitare.. (dal vecchio pacco gift ai televisori spediti senza sintonizzatore).. che poi lo store cinese per questioni commerciali ti accordi una fantomatica garanzia è un conto.. ma ovviamente si tratta di un atteggiamento di opportunità commerciale che non ha alcuna base legale.. l’importatore al contrario solitamente assicura il prodotto di modo da coprirsi per quanto riguarda la garanzia che è obbligato a fornire al consumatore finale.. insomma la questione è complessa non darei per scontato che il prodotto sia identico.. le differenze potrebbero essere mimine o inesistenti.. andrebbero presi e aperti.. nella consapevolezza che non da tutti produttori cinesi puoi aspettarti che due prodotti escano dalla stessa linea identici (per esperienza personale so che alle volte assemblano con quello che capita sotto mano, soprattutto se nessuno è li a controllarli) .. per tirare le somme potremmo avere ragione entrambi o nessuno dei due.. certo è che di solito quando vendono questi prodotti in europa gli esportatori hanno dei margini non indefferenti (o così mi dicevano fonti di prima mano)

  • Luca

    Allora a tutti quelli scettici: ho qui con me un komu k5+ preso due giorni fa. Vi dico che nulla ha a che vedere coi modelli grezzi venduti direttamente dalla Cina. Questo telefono è sostanzialmente uno Zopo 980 scorpio ma ha in più il fatto che funziona bene SUBITO. Niente problemi col gps, tethering e altre amenità dovute alla nulla ottimizzazione per il mercato occidentale. Questo lo accendi e funziona subito. Non mi lancio in recensioni perchè potrò farle tra almeno un mese ma per il momento, ripeto, funziona tutto egregiamente. Ah dimenticavo: rispetto al prezzo dalla cina l’ho pagato 20-30 euro di più ma non ho dovuto bestemmiare per farlo andare. Mi sembra un equo compeso

    • Ciao, Visto che lo hai, mi dici come si comporta in questi giochi: Modern Combat 4, Asphalt 7:Heat, Need for speed most wanted.
      Sono i giochi più pesanti che conosco, specialmente combat 4 e most wanted. Mi spaventa i soli 384Mhz della grafica ed il fatto che sul mio nexus ho lo stesso chip che è molto limitato sulla banda disponibile…

      Fammi sapere, thanks =)

      • Need for speed most wanted funzionava alla grande già con jiayu g3 con cpu dual core
        sul mio g4 (che lo il 6589 da 1.2 ghz) ho solo testato Asphalt 7: Heat e funziona senza problemi nessuno scatto riscontrato (ammetto comunque che ci ho giocato solo poche ore)
        x Modern Combat 4: Zero Hour non sapei

  • aaa

    estaminch”’…..soli 389 euro per il garantitissimo Koru….Kolu…Loku….ehm…chi?

    • Marco Simonelli

      N’Koulou

    • magari te hai speso 700 euro un ifon con l’hardware e software nettamente inferiore a questo e un po ti rode
      ma sai iphone fa l’uomo ricco ikomu no

      • Barrnet

        domanda: ma terminali cinesi effettivamente economici con android (aka sotto i 100 euro, se possibile) esistono o a quella fascia di prezzo si trova solo il samsung next come terminale “decente”?

      • aaa

        magari te c’hai problemi con le emorroidi e ti vieni a sfogare sul personale, oppure ti sei comprato una bella cinesata e sono due mesi che ci smanetti dietro per farla funzionare….o magari sei solo un troll che non s’è accorto che esistono samsung, sony, motorola…ecc. ecc ecc….

        • Brau

          L’amministratore del sito un troll?
          Siamo al paradosso più totale, ormai certa gente non capisce più la differenza -__-

          • aaa

            Concordo….anche secondo me l’amministratore del sito non ha ben chiaro come gestire i rapporti con gli utenti.

          • Brau

            Guarda che per certa gente” non mi riferivo a Roberto: cavolo, in 3?/4? giorni gli hanno dato ingiustamente del troll, dello strozzino (per la questione Grossoshop), dello schiavo delle multinazionali, dell’ignorante e perfino dell’assassino… Questo è il paradosso…

            Non so te, ma io a quest’ora avrei almeno il doppio del suo giramento di palle…

          • aaa

            Guarda che ho capito benissimo a chi ti riferivi. Il problema è che tu e roberto non avete capito che a me importa poco o nulla di quello che gli hanno detto gli altri. Se per un commento che IO ho fatto sulla dubbia qualità del produttore (in cui non c’è nulla di personale) la si butta sul personale rispondendomi che dovrebbe rodermi perchè sarei possessore di non si capisce bene di cosa ( e quindi la si butta sul personale) forse ci arrivi anche te che le palle girano anche a me e qualche vaffanculo ci scappa pure.vogliamo azzerare i rapporti e ricominciare? Mi sta bene. A questo punto chiedo: Non spenderei mai più di 300 euro per un telefono, sia samsung, motorola o chi diavolo vi pare…cmq tutte marche che da una cattiva gestione della clientela hanno molto da perdere….ditemi voi perchè dovrei dare quasi 400 euro (!!! e scusate se sono pochi, ma io i soldi me li guadagno con il lavoro ) alla prima arrivata che nessuno conosce e che mi rebrandizza un prodotto cinese. Qualcuno che mi risponde seriamente c’è su questo sito?!?!?!

          • Brau

            Se ho detto che aveva le palle girate, sarà stato nervoso e avrà pensato che il tuo commento (non così malvagio a mia opinione) fosse stato quello del solito trollone che gli dà del terrorista o che so… Si vede che Roberto è una di quelle persone (come me) che quando sono incazzate per qualcosa, schiacciano tutto e tutti…

            Ma lasciamo perdere, parliamo del prezzo: conta che questo prezzo è maggiorato di IVA al 21%, toglici pure le tasse doganali e ti arriva a circa 250€ (grosso modo sarà il prezzo pagato in madrepatria)… Certo, nessuno te lo fa fare di spendere 400€ così, con leggerezza, non lo faccio neanch’io, ma dato che in questo caso il prezzo “dovrebbe” farlo il mercato e non il produttore, a meno di rivolgersi in massa (una bella sostanziosa) e scrivere al produttore ed incazzarsi per il prezzo eccessivo, difficile che cambi la questione, o più semplicemente basterebbe che NESSUNO lo comprasse a quel prezzo e, giustamente, il prezzo si abbasserebbe, ma c’è bisogno che succeda realmente…

            C’è anche da dire che il prezzo è giustificato (dicono) dalle sue funzioni, e se mi dà funzioni migliori (o ottimizzate meglio) rispetto ai concorrenti più famosi, e se sono ligi negli aggiornamenti e nell’assistenza, non è tanto di perduto… Io parlo da profano eh, bisognerebbe sentire chi ce l’ha già…

          • Dea1993

            ahahhaha troppo divertente.

            roberto smettila di trollare ti prego sennò chiedo ad un amministratore di far cancellare i tuoi post.

            ahahahah questa cosa è ridicola, ora si da del troll a roberto… per cosa?? per aver detto che questi smartphone in quanto a prestazioni non hanno nulla da invidiare all’iphone o ad altri smartphone di prezzo molto superiore??

            roberto perdonalo poverino non vale neanche la pena incazzarsi con certa gente

          • Brau

            Tu pensa: dire la verità equivale a trollare… Si vede proprio che siamo in Italia, infatti qua la legge n.1 dei rapporti interpersonali è “tu sei libero di pensarla come vuoi finché non la pensi diversamente da me”… Se dovessimo dare ascolto a tutti i VERI troll, a quest’ora ogni blog sarebbe già morto, e la Terra sarebbe divisa in mini-dittature di 2mq ognuna…

  • EnricoD

    sto cominciando a rivalutare i prodotti cinesi… chissà se un giorno ci faro un pensierino… 🙂 bello, mi piace molto
    molti utenti ne parlano bene sul komustore…

  • Stella Polare

    @ferramroberto:disqus Scrivi anche i livelli SAR altrimenti spuntano anche qui 80 e passa commenti 😉 Con simpatia!

    • non li metto e mai e poi mai gli metterò
      se vogliono sapere i dettagli del sar, il colore delle viti che si sono sotto la batteria, quanti cm di rame ci sono sul circuito elettronico del cell, come si chiama la mamma del cinese che ha assemblato il cell ecc deve chiederlo all’azienda produttrice o allo store non a me

      • giannic

        si concordo….non mettere neanche la durata della batteria, la dimensione dello schermo, il tipo di processore…

        @brau: Il segnale di Radio Maria parte a svariate centinaia di metri dalla tua capoccetta, il cellulare no, se proprio vuoi argomentare leggiti la documentazione del processo; è pubblicamente disponibile su internet.

        • Brau

          Non c’è bisogno di essere così acidi, ecché, appena venuto caldo mi siete diventati tutti dei galli da combattimento, o forse sono le radiazioni? XD
          A parte il mio umorismo inesistente, quello che voglio dire è che se dobbiamo preoccuparci troppo delle emissioni delle radiazioni che ha un cellulare, allora tu, come gli altri che sono a dir poco in paranoia sulla questione, non dovrebbero usare in primo luogo qualsiasi cellulare (o smartphone, dicendolo nel modo “figo”), ma a questo punto neanche qualsiasi periferica che trasmetta/riceva onde radio (wi-fi, wi-max, navigatori gps, apparecchi radiofonici, smart tv, antifurti wireless, bluetooth, infrarossi, ecc.), dato che quello che dovrebbe preoccupare non è tanto l’emissione elettromagnetica di un cellulare, ma l’emissione totale delle apparecchiature che ci circondano, perché se dovessimo farne il conto, dovremmo già tutti essere delle uova in camicia, ma così non è…
          Io ho citato Radio Maria perché è stato (e lo è tuttora) il caso più palese di effetti disastrosi sulla salute dovuta ad alte emissioni elettromagnetiche nelle vicinanze, e fino ad ora s’è fatto poco o niente per fermare questo caso, visto che sono coinvolte “alte sfere”…
          Con questo non voglio difendere a tutti i costi i produttori smartphoninici cinesiogeni, ma è che mi sembra a dir poco allucinante pensare che questi dispositivi, se sono dannosi al punto in cui qualcuno indica, abbiano avuto la chance di passare i confini, dato che, a detta vostra, dovrebbero essere dichiarati fuorilegge… Voglio capire, o quelli che gestiscono gli import in questo paese sono dei golòidi, o veramente non c’è un pericolo imminente…
          Ricapitolando, non sono totalmente d’accordo sulla paranoia scaturita dall’argomento, ma non vi comportate come se il mondo intero voglia trasformarvi come in “28 Giorni Dopo” esattamente 28 giorni dopo la data odierna… Il giorno che vedrò qualcuno rispondere al cellulare, e nel momento esatto in cui lo fa, esplodere come un gatto nel microonde (non esageriamo, mi basta anche solo vedere studiato e documentato un tumorino innescato SOLTANTO dall’uso di questi dispositivi), allora mi preoccuperò seriamente…
          Senza offesa, passo e chiudo 🙂

          • giannic

            dico semplicemente che ci sono parametri di emissione/distanza di riferimento minimi…quanto siano sufficienti sulla lunghissima durata (decenni) nessuno lo sa, quanto invece sia dannoso superarli a brevissima distanza (centimetri) si sa; altrettanto certamente ti inviterei nuovamente a leggere le sentenze su Radio Maria e a leggere con più attenzione la perizia dell’accusa in quanto effettuata da persone totalmente senza competenze dirette sull’argomento che gli è stato affidato. Sicuramente un azienda italiana avrà dovuto superare valutazioni dovute per la distribuzione in Italia/Europa. Rimango scettico sull’affidabilità del dispositivo, sulla garanzia ed il resto…vedi ad esempio la DEVO che dopo essersi lanciata sul mercato con dispositivi interessanti è totalmente sparita: addio assistenza, addio aggiornamenti del dispositivo e tutto ciò che ne consegue. Più saggio sarebbe stato appoggiarsi ad un fornitore di servizi (vodafone? wind?) come già fatto ad esempio da Alcatel perché gli utenti potessero fidarsi più concretamente.

          • “Più saggio sarebbe stato appoggiarsi ad un fornitore di servizi (vodafone? wind?) come già fatto ad esempio da Alcatel perché gli utenti potessero fidarsi più concretamente.”

            alcatel? wind? appoggiarsi ad aziende del genere vol dire rincarare i costi e basta del dispositivo dato che ne voda, tim win ecc non fanno nessuna assistenza sui device l’unica cosa che fanno (e la sanno fare molto bene) è quella di rincarare i prezzi

          • Brau

            Ok rimanere scettici, sei libero di pensarla come vuoi, ma sei VERAMENTE sicuro che, appoggiandosi ad una compagnia conosciuta, la faccenda cambi in meglio? A questo punto faccio il complottista della domenica: chi te lo dice che OGNI dispositivo buttato fuori da OGNI compagnia famosa sia TOTALMENTE sicuro (perché è di questo che stiamo ancora parlando, no?)? Se bastasse prendere un “cinafonino” ed appiccicarci su un marchio conosciuto affinché passi alla dogana, saremmo al paradosso… A questo punto la Alcatel, se non si fosse appoggiata a qualche fornitore di servizi, allora, sarebbe alla stregua di quelle compagnie che non conosci e, per questo, fonte di tumori elettromagnetici? Ok pensare che qualcosa che non conosci possa essere altamente nocivo, ma voglio credere che questi dispositivi abbiano per lo meno degli standard da rispettare almeno nel loro paese, non credo che i cinesi siano così masochisti da usare delle bombe H per telefonare (non tiriamo fuori il discorso che la m***a radioattiva la producono solo per il mercato estero perché vogliono conquistarci, perché a questo punto dallo scetticismo sfoceremmo nell’ignoranza più totale)…

            Ricapitolando il concetto (se si può definire tale) è:

            – esce un cinafonino, non conosco la marca né le emissioni = scaffale;

            – esce un cinafonino brand famoso, ma non ho modo di saperne le emissioni = scaffale;

            – esce un cinafonino, non conosco la marca ma ho le
            emissioni, ma visto che è un cinafonino di cui non conosco la marca, non mi fido = scaffale;

            – esce un cinafonino brand famoso + ho le emissioni, ma non viene venduto con un piano tariffario = scaffale;

            – esce un cinafonino brand famoso + ho le emissioni + esce con un piano tariffario = $$$

            Ora, seguendo questo ragionamento, quante chance hai di trovare uno smartphone come vuoi te? Quasi nessuna…

    • Brau

      E per fortuna che l’hai scritto con simpatia, nell’altro post è scoppiata la guerra civile XD
      Posso capire l’essere preoccupati per la propria salute, fai bene, per carità, ma una cosa: è mai possibile che, se questi modelli non siano stati regolarizzati per gli impianti che abbiamo qua (che quelli, almeno, sei sicuro che vengono controllati e tarati in un certo modo), non funzionino bene o abbiano/diano problemi di vario genere? Dico, esistono possessori di questi terminali in questo paese (come quello tra questi commenti), certi anche da un bel po’, e funzionano bene a detta loro, se avessero avuto problemi di salute penso che a quest’ora se ne sarebbero accorti no? Quindi io non mi preoccuperei dei livelli SAR di questi dispositivi, guardiamo invece ad impianti con problemi evidenti a tutti e che nessuno considera o si ha paura a considerare (chi ha detto Radio Maria?) Con questo, chiudo qua il discorso, e spero che non arrivi nessuna denuncia 😉 Con altrettanta simpatia!

  • lucio

    ferra ma basta fare pubblicità se vuoi soldi per lffl te li diamo basta chiedere,
    dimmi che senso ha sta cinesata con il nexus 4 16 gb a 340 e con AtivS a 240.

  • eticre

    prezzo comunque altissimo per un giocattolo

  • Noi ce l’abbiamo a prezzo scontato e con omaggi! 😉
    http://www.tecnolabstore.com/Komu-K5Turbo

  • simonep

    bello! ho visto su komu.it fantastico! prestazioni più alte del normale…

  • Rubinsk

    Per quanto riguarda il Komu, finalmente posso esprimere qualche piccola opinione in merito.
    Per esigenza di uno smartphone dual sim, ho acquistato un Komu K5 Turbo 2gb ram e 32gb rom dal sito Soomoby per 349,00 euro.
    Al prezzo ho aggiunto una seconda batteria pagata 11,90 e la Soomoby mi ha regalato la flip cover originale Komu e 3 pellicole protettive.
    Ho pagato tutto con Paypal e dopo 3 giorni ho riccevuto il tutto, compresa la fattura per la garanzia.
    Sarà che questo Komu è la rimarchiatura dello Zopo però la qualità dei materiali non è stata per niente male, anzi…
    Le plastiche del telefono al tatto sono morbide e il telefono non scricchiola affatto.
    L’estetica è in Apple style ed anche la scatola si ispira alla casa di Cupertino… Sembra il fratellone dell’iPhone 5.
    Il display è bellissimo! Luminoso e ultra definito e dai colori molto naturali… Non c’è che dire uno dei migliori che abbia mai visto!
    La reattività del sistema è ottima, fin ora il telefono non si è mai bloccato.
    Le ricezioni della rete telefonica, della rete dati così come il wifi sono eccellenti!
    La fotocamera è ottima in condizioni di buona luce, un po meno con poca luce.
    Fin ora le note dolenti sono il processore che scalda troppo quando viene stressato con giochi 3D e l’illuminazione dei tasti touch che è praticanmente inesistente. Poi la batteria non sembra proprio longeva, anche se sono solo alle prime ricariche, meglio aspettare che la batteria tra qualche ciclo dia il meglio di se.
    Ho contattato il servizio clienti Komu ai quali ho rilasciato (non solo io) questi appunti.
    Da Facebook la Komu ha comunicato l’imminente rilascio di un aggiornamento firware (entro lunedì sera) che porterà molte migliorie al sistema, con la preghiera di informarli su eventuali problemi che potremmo incontrare con l’utilizzo di questo device in modo da permettere loro di poter tempestivamente intervenire.

    Ora so che questa è una casa nuova e che potrebbe scomparire tra 2 mesi, però… Preferisco dar fiducia alla Komu!

No more articles