I developer di Ubuntu MATE hanno presentato alcune nuove features che verranno introdotte nella futura versione 15.10 Wily.

Ubuntu MATE
Si è da poco concluso l’Ubuntu Online Summit 15.05, importante evento nel quale gli sviluppatori di Ubuntu dei progetti correlati si trovano online per parlare dello sviluppo della distribuzione made in Canonical e delle derivate ufficiali. Durante l’Ubuntu Online Summit 15.05 si sono tenute alcune sessioni riguardanti Ubuntu MATE, la nuova derivata ufficiale che riporta l’esperienza utente di Gnome 2 oltre a svariate ottimizzazioni ecc. Dopo l’ottimo successo ottenuto con le attuali release 15.04 Vivid e 14.04 Trusty, i developer Ubuntu Mate stanno già lavorando alla futura versione 15.10 Wily nella quale verranno introdotte interessanti novità (oltre a vari aggiornamenti).

Ubuntu MATE 15.10 includerà MATE 1.10, versione aggiornata dell’ormai famoso desktop environment che porterà con se una maggiore stabilità e soprattutto un maggior supporto per GTK+3 (possiamo seguirne lo sviluppo su Arch Linux tramite repo non ufficiali). Gli sviluppatori Ubuntu MATE stanno migliorando l’integrazione dell’ambiente desktop in netbook, massimizzando le finestre rimuovendo la barra del titolo e includendo i pulsanti della finestra nel pannello. Migliora anche MATE Tweak, software nel quale verranno introdotte nuove opzioni e nuovi layout per una più facile personalizzazione dell’ambiente desktop.

Con Ubuntu MATE 15.10 Wily debutta anche una schermata di benvenuto (che possiamo disattivare in un secondo momento), nella quale verranno indicate le principali caratteristiche del nuovo sistema operativo oltre ad includere link per accedere al sito ufficiale, community ecc.

Ricordo che possiamo seguire lo sviluppo di Ubuntu MATE 15.10 Wily grazie alla daily build disponibili in questa pagina.

  • Dario · 753 a.C. .

    bellissima.. fatta veramente bene.. perfetta.. ma credo che sia presa da una già esistente

  • heron

    Beh in realtà l’unica cosa che hanno fatto è stata quella di comprarsi un’app che già esisteva e gli hanno cambiato la forma del logo (da una M bianca in un quadrato rosso ad una M bianca in un cerchio rosso)
    Per il resto almeno dimostra che in mega sono ancora vivi e che qualcuno batte un colpo

    Quanto a linux, se hanno intenzione di seguire la stessa strategia allora stiamo freschi visto che il codice di megatools su github non viene toccato da 2 mesi ormai

    • Brado

      Il supporto a megatools è stato sospeso da tempo, lo specifica lo stesso autore all’interno del suo sito, per cui…., viste anche le motivazioni, soprattutto in merito alle responsabilità derivanti da eventuali danni provocati da perdita di dati durante l’utilizzo di applicazioni non ufficiali, se non se ne occupano direttamente quelli di Mega di fornirne una…, la vedo dura.

  • LordMax _

    Purtroppo se non fanno anche il client per linux diventa praticamente inutile.

    • è stato confermato
      speriamo che il client per linux di mega non faccia come google che fa confermato già prima del rilascio di google drive di aver giù pronto il client per ubuntu

      • Dario · 753 a.C. .

        più che altro ci fidiamo per il backup di dati importantissimi visto il passato di kim dotcom con megaupload?? è un rischio??

        • LordMax _

          Mah, se ti fidi dei vari dropbox, spideroak, ubuntuone, copy non vedo perché non di questo.
          Se i dati sono realmente personali e/o importanti usa un cloud privato, ormai con poche centinaia di euro puoi farti uno storage casalingo perfettamente funzionante e senza bisogno di competenze sistemistiche estreme.

          • Dario · 753 a.C. .

            si ok grazie.. ma non parlavo tanto di privacy, ma di sicurezza solo..

            intendo dire che dropbox e gdrive ho la certezza che negli anni rimarranno sempre lì e così anche i miei file.. quanta gente invece ha perso file con megaupload??

          • LordMax _

            Scusa, non avevo capito.

            Ma cosa intendi con “ho la certezza che negli anni rimarranno sempre lì e così anche i miei file”
            Non mi pare che ci sia nessuna certezz da nessuna parte.
            L’unica ccertezza di non perdere i tuoi file è di averli su una serie di tuoi dischi distribuiti su più luoghi fisici.
            Perché gdrive o dropbox non dovrebbero perdere i tuoi dati?

            Cosa che con dropbox per altro è già successa.

          • Dario · 753 a.C. .

            si è ovvio.. la certezza non ce l’hai mai.. però con google credo sia più difficile.. megaupload già l’hanno chiuso in passato..

            poi ovviamente può sempre succedere di tutto 😉
            comunque uso mega sperando di non pedere nulla, anche se mi faccio qualche copia anche su dischi fisici 😉

  • “che porterà con se una maggiore stabilità e soprattutto un maggior supporto per GTK+3”
    ma la versione 1.10 non doveva essere la versione in cui si faceva il passaggio alle gtk3??

    • Massimo

      In questo repo Fedora c’è la versione sperimentale della Mate compilata con le gtk3 (ma in F22 non sarà installata di default):
      https : / / copr . fedoraproject . org / coprs / raveit65 / Mate-GTK3 /
      Screenshot:
      http : / / s17 . postimg . org / h433dwpun / Mate_GTK3_2014_12_08.png

      • G

        Si ma si consiglia di non usare app mate gtk2 se si usano le sperimentali gtk3. In pratica messa la sperimentale non devi più toccare nulla o ciao

    • Gianluca

      MATE 1.10 avrà il supporto GTK+3 sperimentale
      https : / / youtu . be / LVTA1WeFtf8

    • G

      Io per legtk e style ormai opto per Cinnamon, anche perché non è più molto pesante.

  • Box2Tux #LinuxITA

    Ricordo anche l’inserimento della iso per raspberry pi

No more articles