E’ disponibile nel mercato la gamma DELL OptiPlex 3020 con Ubuntu preinstallato o con Windows 7 Professional (senza UEFI Secure Boot).

DELL OptiPlex 3020
Dell OptiPlex è una gamma di personal computer per l’uso professionale in grado di offrire un sistema affidabile, sicuro dalla facile manutenzione. Basato su processori Intel, DELL OptiPlex dispone di case compatti e robusti ottimizzati per la produttività, multitasking e il funzionalità di rete oltre ad essere disponibili con Microsoft Windows 7 Professional (e non Windows 8 / 8.1) senza Uefi Secure Boot attivo di default. Nel mercato italiano è disponibile anche una versione con Ubuntu 14.04 Trusty LTS (64 Bit) preinstallato, soluzione che include un processore Intel Core i3, scheda grafica integrata Intel HD Graphics, porte USB 3.0 e 2.0 ecc (con Windows 7 sono disponibili anche versioni con CPU Intel Pentium, Core i5).

Le principali caratteristiche di DELL OptiPlex 3020 (Versione 3020-3790):

  • processore: Intel Core i3-4130 dual core da 3.4 GHz
  • gpu: Intel HD Graphics 4400
  • ram: 4 GB che possiamo espandere fino a 16 GB
  • storage: hard disk da 500 GB
  • unità ottica: masterizzatore DVD±RW
  • connettività: Gigabit Lan 10/100/1000 Mbps
  • porte: 2 porte USB 3.0, 4 porte USB 2.0, 1 VGA, 1 DisplayPort
  • dimensioni: 29 x 31,2 x 9,3 cm (axpxl)
  • peso: 9 kg
  • sistema operativo: Ubuntu Linux

DELL OptiPlex 3020 è disponibile con Ubuntu preinstallato su Amazon, store nel quale troviamo altri modelli con Windows 7 Pro preinstallato, sistema operativo che possiamo utilizzare in dual boot con Linux (senza problemi legati a UEFI Secure Boot).

  • Enzo

    Sapete se si può installare Android?

    • non lo so ma penso di no

      • Ale

        No, la versione RT ha il boot loader bloccato. Le stesse condizioni d’uso di RT obbligano i produttori a bloccarlo.

        • ArchTux

          Allora ubuntu come si installa con il bootloader bloccato?

          • attivano tool per sbloccarlo
            inoltre essendo arm bisogna flashare l’immagine come accade ad esempio nei chromebook

          • ArchTux

            un po come gli smartphone immagino,
            Ma a quel punto potrebbe essere installabile anche android allora? o magari avrebbe problemi con UEFI?

  • Luca Tavecchio

    roberto dal tuo articolo non è molto chiaro ma come ben specificato in nota alla pagina di cui hai inserito il link: “Il modulo deve essere inviato direttamente dalla scuola o dall’università e non può essere inviato da persone singole, docenti o studenti.”

  • ilgattosilver

    “C’è ha chiedersi se sia una mossa di Microsoft per incentivare le vendite di Microsoft Surface RT!”

    MA VAAA?!?!?! 😉

    Comunque per una macchina così, senza la certezza di poterci installare Linux e con la quasi certezza che sarà a breve non più supportata da Microsoft, 199 euri son troppi!

  • EnricoD

    Io sono tra quegli studenti universitari che avrebbero bisogno di un pc potente, per il semplice fatto che uso programmi ad interfaccia grafica che a n’altro po me fondono il pc. Di un coso cosi non saprei che farmene, ringrazio Microsoft per l’offerta, ma passo alla grande. Piuttosto, Bill mi incentivasse l’acquisto di un portatile potente, non di queste ciofeghe. Se si volessero aiutare veramente gli studenti, li aiuteresti offrendogli pc per la produttività più potenti, ma PC!!! e non Tablet che non fanno altro che distrarre chi dovrebbe studiare! :=)
    Mi tengo il netbook asus eeepc 2gb con supporto linux! sucuramente meglio di un affare dove non ci puoi installare nulla oltre Windows!

    • Brau

      Dimenichi che i Surface, in caso volessi potenziarli o qualcosa se rompe, non puoi sostituire i singoli pezzi, visto che dentro è un inferno di colla, quindi o così o niente… Se non ho la sicurezza di poterlo usare come voglio e, se voglio, moddarlo o aggiustarlo da solo senza spendere dané se succede fuori dalla garanzia, mi spiace per Zio Ball, ma per me è buono solo per la polvere…

      • Brau

        *Dimentichi… Mannaggia a ‘sta tastiera…
        Ah, vorrei avvisare che mi sono corretto DA SOLO, grazie, non cominciate una guerra sotto come al solito 🙂

  • giulio

    benissimo, fate pubblicità a microsoft per queste che sono le iniziative più becere, e cioè pesanti tentativi di fidelizzazione, attraverso svendita di prodotti-pacco, che riempiono gli scaffali perché nessuno li vuole.. Che ballmer cerchi di riempire le scuole della sua porcheria lo capisco, che un blog nominato linux freedom lo sponsorizzi, proprio no.

    • Non mi sembra che l’articolo voglia far pubblicità a windows anzi come scritto sarebbe ottimo se co fosse la possibilità d’installarvi ubuntu o altra disto a 199 euro a mio avviso non sarebbe male

      • giulio

        ma per favore.. fai pubblicità a microsoft con tanto di link, ad un prodotto totalmente fatto in casa, e oltretutto rivolto alla scuola.. e l’alibi sarebbe: come sarebbe bello se ci si potesse mettere ubuntu??
        imperdonabile marchetta

    • ale

      Be allora andranno bene i tablet con android,si ok android è open (e poi mica tanto,quante applicazioni open ci sono sul play store,l’ 1% ? ) ma poi cosa ci fai ? I tablet android sono una delle cose più inutili che abbiano fatto,sono degli smartphone con lo schermo più grosso…
      Se mai dovessi aver bisogno di un tablet mi sa che prenderei questo,a 200€ è conveniente,con 500€ compri un tablet simile con android che poi fa le stesse cose,anzi almeno con un surface posso modificare documenti office

    • Luca

      Domanda, nel caso che fossero stati altri produttori di tablet a fare questa offerta rivolta agli studenti, avresti commentato allo stesso modo?

      • giulio

        risposta: spiegami dov’è l’offerta e il vantaggio per gli studenti? questa paccottiglia di tablet era sovraprezzata ma nessuno la voleva.. ballmer fa la cosa più furba, cerca di sbolognarla alle scuole (ai bei tempi lo faceva olivetti..).
        altri produttori vendono centinaia di modelli allo stesso prezzo senza bisogno di sbandierare offerte per allocchi.
        Se il sito si chiamasse windows for ever non avrei eccepito niente.
        in ultimo, non è possibile installarci nulla a parte windows rt, che ha meno applicazioni di tizen…
        se il problema degli studenti italiani è ancora convertire file di office allora siamo proprio messi male..

        • Luca

          Offerta per allocchi?? La microsoft non è nuova in fare offerte per le scuole per tutti i suoi prodotti (negli altri commenti puoi vedere che si parla di MSDNAA) e le fa da anni, quindi anche il fatto che ne stiano vendendo pochi c’entra sicuramente ma non così tanto, hanno semplicemente espanso l’offerta anche ai tablet. Ricordo poi che come hai detto tu gli altri produttori hanno “centinaia di modelli” che possono vendere, la Microsoft ha solo l’RT e il Pro quindi non puoi assolutamente comparare la politica dei prezzi (al massimo la si può comparare con l’Apple, che guarda caso vende prodotti a prezzi allucinanti). Potresti obbiettare con Google che vende solo il Nexus 7 e il 10 ma ti ricordo che questi sono prodotti da Asus e non direttamente da Google.

          L’impossibilità di installarci altro? Questo dipende dalle esigenze individuali, ma lo studente medio oltre Office e poter navigare per cosa altro lo dovrebbe usare?

          • Dea1993

            infatti tutti vorrebbero usare office e navigare su uno schermo da 10″, l’ideale per diventare ciechi

          • Luca

            Questo rientra nei giudizi personali, se ci si trova scomodi con un 10 pollici comunque bisogna lasciar perdere i tablet e passare agli ultrabook da minimo 13.

  • ale

    Si be microsoft ha sempre fatto ste robe,pensa che da studente potrei avere gratis licenze di windows di qualsiasi tipo con msdnaa o come si chiama,solo che non le ho mai richieste,fin che vanno le crack non ho voglia di star li a registrarmi sul loro sito e fare richiesta e tutto

    Comunque il surface è un tablet che comprerei comunque per 199€ se potessi,trova un tablet android con le stesse caratteristiche allo stesso prezzo,poi non che android sia tanto meglio come sistema operativo fra l’ altro

    • Dea1993

      “pensa che da studente potrei avere gratis licenze di windows di qualsiasi tipo con msdnaa o come si chiama”

      non è proprio così, puoi richiedere la licenza se la tua scuola/università lo permette, ad esempio la mia università (informatica applicata) non lo permette perchè l’accordo delle licenze gratis lo ha fatto con apple (cosa me ne faccio della licenza apple?).

      quindi non è detto che a te da studente ti spetta la licenza gratis.

      questa cosa la so perchè ho parlato con il manager didattico della mia università e mi ha detto queste cose

      • matteo

        Io con la mia uni ho aggiornato da win 7 home a professional, e poi aggiornato a win 8 senza scucire una lira.

      • ale

        Nella mia scuola invece si,ma non l’ ho mai richiesta,tanto per quel poco che uso windows (solo per i giochi ogni tanto) la versione craccata va più che bene

    • Luca

      Però scusa, ti forniscono il prodotto gratis, licenza legale e tutto ma continui a preferire la versione craccata? Ma che senso ha? Il fatto che lo usi poco e solo per i giochi non mi sembra una ragione valida per preferire un sistema illegale piuttosto che originale…

      • ale

        Ok che vantaggio ho a star li perdere tempo a inviare mail,registrarmi a siti,scaricare e tutto quando ho una versione che funziona benissimo già mastarizzata su dvd e pronta ad essere installata,il tutto per usarlo pochissime volte giusto per qualche gioco

        • Luca Tavecchio

          si chiama legalità.. non è un vantaggio.. e il vantaggio ci sarebbe qualora decidessi di vendere quel dispositivo.

          • ale

            Be il mio pc desktop non lo venderò mai,me lo terrò di ricordo,per di più dopo dovrei star li a riattivarlo,chiamare il servizio clienti, ogni volta che reinstallo (cosa che succede spesso,una volta ogni 3 mesi,per assurdo potrei anche non craccare windows,tanto la versione di prova gratuita dura 3 mesi e ogni 3 mesi reinstallo per un motivo o per l’ altro)

          • Luca

            Ecco forse per il fatto che non hai mai attivato un Windows regolarmente ma sappi che c’è la possibilità di attivarlo via Internet (anzi se c’è la connessione mentre installa lo fa pure in automatico) e non solo via telefono. Inoltre la licenza data da MSDNAA vale per 5 computer (o 3, ora non ricordo bene) quindi se si cambia PC si può riusare lo stesso seriale.

          • ale

            Eh lo so ma se ho 5 attivazioni,vuol dire che se formatto il pc 5 volte poi vede che il seriale è già stato usato,allora bisognerebbe chiamare immagino il servizio clienti e spiegare che si è formattato il pc e quindi non si deve consumare un altra atttivazione

          • Luca

            Ma mai usato un Windows originale veramente?? Una volta usato il seriale in un nuovo PC, l’hard disk lo puoi formattare e reinstallare Windows pure ogni giorno per il resto della vita, non ti darà mai problemi e potrai attivarlo normalmente. A patto che non cambi la scheda madre, ma il resto dei componenti hardware li puoi cambiare tranquillamente (ram, scheda video ed audio, ecc). Con le 5 licenze che da l’MSDNAA si intende che lo stesso seriale lo si può usare per 5 computer completamente differenti (e per ognuno di questi puoi formattare e reinstallare quante volte vuoi e riutilizzare sempre lo stesso seriale).

          • ale

            E quindi se poi sposto l’ hd in un altro pc allora devo star li a chiamare e far tutta la trafila,e poi ad ogni cambio di versione di os devo richiedere una nuova licenza,metti che domani mi venga in mente che voglio mettere windows 8,e così per le versioni di windows future di windows,il tutto per un os che se va bene userò quelle 2/3 volte all’ anno per un po di giorni per giocare a titoli che meritano,per il resto resta li a prendere polvere in un angolo dell’ hard disk,insomma dovrei perdere tempo per star li a informarmi,mandare mail,attivare account,registrarmi con miei dati personali (che non voglio dare a MS che chissà poi cosa ne fa) quando ho il mio dvd di 7 che ho usato per ben 3 anni e non mi ha mai abbandonato,tanto il risultato è uguale,quando microsoft si deciderà a non far andare le versioni craccate (e non lo farà mai pur di non perdere utenza) allora richiederò la licenza (o non userò windows)

            Riguardo al windows originale no,anche il primo pc che ho usato aveva xp craccato

          • Luca

            Va bene mi arrendo xD ultima cosa comunque se metti un hd con Windows su un PC differente da cui è stato installato al 99% non ti partirà, quindi originale o meno dovresti reinstallarlo comunque.

          • ale

            No,quando ho cambiato pc ho tolto l’ hard disk dal vecchio,che era un core 2 vecchissimo e l’ ho messo nel nuovo pc con hardware totalmente diverso e windows è partito senza problemi,ha installato anche i nuovi driver automaticamente e poi tutto funzionava,oppure ho avviato un hd che ho clonato da un vecchio pc su virtualbox ed è partito

  • millalino

    durante il week end, si è trasformato in Mffl per caso? 🙂 lol

  • Dea1993

    sicuramente per un scopo scolastico questo tablet è altamente inutile, ma molto molto inutile poi se uno lo compra per cazzeggiare faccia come vuole, ma questa non è un’iniziativa presa per aiutare gli studenti ma solo per aiutare windows RT a vendere

    • matteo

      Sbagli, un tablet è utilissimo, io l’ho preso apposta per studiare in uni e mi ci trovo molto bene ( un galaxy tab 2). Offerte del genere sicuramente verranno ben viste da studenti con non molti spiccioli… Microsoft ogni tanto fa delle mosse promozionali giuste.

    • Ilgard

      Anche secondo me sbagli:

      1) MS sicuramente punta a vendere più Surface con Win RT che può visto che le vendite scarseggiano (giustamente, è un SO castrato), quindi sotto questo aspetto hai ragione (ma quale azienda non fa di tutto per incentivare le vendite dei propri prodotti?).

      2) Nell’offerta rientrano anche prodotti come Office, che sicuramente possono essere d’aiuto per lo studente. Inoltre il tablet può comunque essere un buon supporto allo studio, visto che spesso vengono usate slides ed altri strumenti multimediali.

      I contro di questo prodotto sono che a livello hw non è proprio il top e spendere quasi 300€ non so se ne valga la pena (chiaramente per un uso che non sia la multimedialità è necessaria la tastiera). Soprattutto perché il tablet monta un ARM, quindi anche volendo togliere Windows (cosa probabile visto che da solo occupa metà memoria) c’è il problema di trovare applicazioni che siano state compilate anche per ARM (non so quante siano in ambito Linux). Se avesse montato un Atom avrei potuto farci un pensierino.

    • Luca Tavecchio

      se non avesse microsoft windows, si.. sfortunatamente al momento non ci sono editor di testo paragonabili a quello microsoft per i dispositivi come i tablet

  • Jackladen

    ricordate……le offerte agli studenti si fanno solo ed esclusivamente per crescere menti abituate a quel prodotto…..in questo caso al software closed. chissa perchè lo hanno fatto con anche con le licenze del pacchetto office…..odio la Microsoft sopratutto per questo.

  • NytroZ

    Leggendo il titolo del post (abbastanza fuorviante!) un pensierino ce lo stavo facendo ma riflettendoci bene vorrei farvi notare che, leggendo il modulo di adesione, è specificato che la richiesta non può essere fatta da persone singole.

    Morale della favola: è la scuola/università che può acquistarlo a quel prezzo per poi cederlo (in comodato?) a studenti/professori..

    Vi faccio poi notare il periodo di validità della promozione..
    Si sa che in questo periodo le nostre scuole/uni sono chiuse o comunque con organico ridotto.
    E, se di solito per un ordine occorre una trafila burocratica di mesi e mesi, in questo periodo è praticamente impossibile.

    Morale della morale: è unicamente una trovata pubblicitaria alla quale non potrà aderire nessuno!!!

    @ferramroberto:disqus consiglio di modificare il titolo del post! 😉

    • Luca Tavecchio

      mmm credo che semplicemente come avviene per altre offerte sia l’università/istituzione a doversi convenzionare.. anche perché in assenza di un database unificato degli studenti universitari e non sarebbe difficile per microsoft verificare la legittima titolarità dello sconto da parte del richiedente diverso se si accorda con un ente che da loro quanto meno la conferma che quella data persona è un loro studente regolarmente iscritto.

      • NytroZ

        il doc da compilare è un vero e proprio modulo d’ordine e può essere inviato solo dagli enti.

        Quindi, gli studenti non avranno molta voce in capitolo..

        • Luca Tavecchio

          quello l’avevo capito ma non pensavo si trattasse di un modulo d’ordine.. ma di una convenzione

    • luca massaro

      Sono un insegnante e quindi pensavo di poter approfittare di tale offerta. Ho domandato al nostro referente di informatica d’Istituto Statale e al Dirigente Scolastico, i quali hanno preso appuntamento col rappresentante Microsoft di zona per conoscere i dettagli dell’offerta: beh, è come scritto sopra. Surface può essere acquistato solo dalle scuole e poi dato in comodato d’uso ai docenti e/o agli studenti. Ma quali sono le scuole che possono permettersi in bilancio di comprare un quantitativo di Surface per tutti i docenti e tutti gli studenti? Forse nessuna delle scuole statali italiane. Quindi tale promozione a chi è rivolta in realtà? Non certo, ribadiamolo, agli studenti e ai docenti.

  • floriano

    come dotazione software questo coso dovrebbe essere ai livelli di chrome os (un browser e un pò di office)

    l’obiettivo credo sia scalzare il samsung galaxy tab 10″ con android che ho visto usare in molte scuole…

  • cosa?? capisco che è dell, ma 500 euro per un i3 e senza grafica dedicata e solo 4gb di ram??
    ma sono pazzi?? anche nei negozi fisici si trovano fissi preassemblati molto migliori a quel prezzo.
    poi ovviamente se uno se lo assembla da se, con 500 euro ci fa un signor PC, ma rimane il fatto che questo costa decisamente troppo anche per essere un preassemblato.

  • Ilgard

    Le schede tecniche su Amazon spesso sono raccapriccianti.
    Comunque ad occhio e croce sembrano furti.

  • Gianfilippo Debaptistis

    E’ possibile rimuovere Ubuntu per installarci Freedos? Grazie.

  • OT: valve ha cambiato il logo dei giochi compatibili con linux, ora non hanno più l’icona di tux ma hanno l’icona di steamOS, secondo me hanno fatto male, ora non salta più subito all’occhio che un gioco è compatibile con linux.

    • matteo81

      Come ti ho già spiegato a steam non frega nulla il discorso linux ma quello steam machine…. ovvero vendere hardware e software…. linux è solo il mezzo più pratico ed economico che hanno per poterlo fare…. ma tutto il discorso è prettamente commerciale…
      Non c’è nulla di cui stupirsi: il target non sono certo i pochi utenti desktop linux che giocano su pc ma l’utenza console….

      • ma questo lo so pure io, a me importa poco che mettano il logo tux o se mettono quello di steamOS, ma come lo hanno messo ora, non si capisce nemmeno che è disponibile per steamOS, sembra l’icona di steam play, questo secondo me va anche a svantaggio di steamOS stesso, quindi dovrebbero fare un logo che si differenzia maggiormente, altrimenti così fa confusione.

        • matteo81

          Ah beh.. allora quello è un altro discorso…

        • Andrea

          bhe ma se loro vogliono vendere le steam box con steamOS è sensato aggiungere il logo steam play ai giochi compatibili – è infatti vero quello che dici te sopra, che sembrano giochi che non hanno nulla a che fare con linux. la gente se vede scritto xbox360 e hanno la console sanno che quel gioco è ok, se vedono scritto steam play sanno che se hanno acquistato una steam box lo possono comprare. semplice ma ovviamente può sembrare poco corretto nei confronti della comunità linux da cui hanno ampiamento tratto benefici.

          • ma steam play è la funzionalità che se hai gia il gioco in libreria, puoi giocarlo in qualsiasi OS, senza doverlo riacquistare

    • Andrea

      e se fosse il preludio di una perdità di compatibilità con gli altri sistemi operativi linux dei giochi???

      • non credo, a valve interessa vendere giochi, non creare esclusive, quindi per loro sarebbe solo controproducente tagliare fuori utenze gia supportate, anche perchè non credo nemmeno lo possano fare, non è che oggi un gioco mi funziona domani con un nuovo aggiornamento funziona solo su steamOS e non più su altre distro linux, perchè a questo punto ho speso soldi per niente.

        loro probabilmente hanno fatto questo perchè la loro distro deve essere il punto di riferimento (e mi sta bene), però
        1) ancora steamOS non è uscito in versioen stabile

        2) quell’icona è uguale alla normale icona di steam quindi non salta subito all’occhio che invece sta ad indicare steamOS/Linux

        • Antobot Mc Gyver

          A me sembra che ci sia ancora l’icona…

          • sul client steam anche io ancora vedo l’icona di tux, ma se accedi a steam da firefox o da un altro browser (con cache pulita) vedi che hanno sostituito il logo di tux con il logo di steamOS (che è identico al logo di steam)

          • Antobot Mc Gyver

            Be, per ora il problema non ci stà, visto che quasi nessuno và su Steam dal browser…

            Forse in futuro, ma per ora…

          • Antobot Mc Gyver

            Ok, i simpaticoni si son divertiti a cambiarla pure sul Client Steam -_-

  • XfceTheApocalipse

    E’ possibile rimuovere Ubuntu per installarci Aros? Grazie.

    • Giulio Mantovani

      no, però puoi metterci freedos 😀

  • DigiDavidex

    C’è la possibilità di aggiungere una scheda video tipo ati hd5450?

    • Ribby

      Digi so Ribby.
      Ho un vecchio modello simile e ci sono 2 bus per schede aggiuntive ma visto il case cosi compatto devi trovare un scheda video che ci stia anche per dimenzioni. vedi le foto che ho messo sul gruppo FB

      • DigiDavidex

        Quale dei tanti gruppi? 😀

  • mrholiday

    ho preso uno di questi computer circa 6 mesi fa…arrivato con ubuntu12.04 (circa 6 mesi dopo il rilascio di 14.04!!). prestazioni tutto sommato OK ma rapporto prezzo/qualità mediocre. Dell è ancora un grande nome ma temo che stia un po trascurando il mercato desktop

No more articles