I developer del progetto Devuan (fork di Debian) hanno annunciato che la nuova release avrà di default XFCE.

Devuan
Mancano ormai pochi giorni all’attesissimo rilascio di Debian 8 Jessie, nuova release stabile il cui sviluppo ha portato numerose polemiche riguardanti soprattutto l’arrivo di Systemd di default. Visto il passaggio a Systemd di default, alcuni sviluppatori ed utenti di Debian hanno deciso di avviare il nuovo progetto denominato Devuan, fork di Debian che consenta all’utente di poter decidere quale sistema init di default utilizzare. L’idea del progetto Devuan è quella “di recuperare in Debian la libertà dei suoi utenti e creatori“, per far tutto questo è quasi pronta la nuova versione 8 che verrà rilasciata con XFCE come ambiente desktop predefinito.

David Harrison, sviluppatore del progetto Devuan, ha indicato come il nuovo fork di Debian, sia ormai pronto a debuttare segnalando la scelta di portare XFCE di default. Da notare inoltre come il team Devuan stia lavorando con gli sviluppatori XFCE supportando lo sviluppo e migliorie del famoso desktop environment open source.

Staremo a vedere quanti utenti decideranno di migrare da Debian a Devuan, soluzione che consentirà comunque di poter avere le stesse caratteristiche, pacchetti ecc inclusi nel sistema operativo universale.

Ringrazio il nostro lettore Lentulo per la segnalazione.

  • Ilgard

    2000€ di portatile e non ha nemmeno uno schermo full HD. Mah!
    Per quelle cifre c’è di meglio in giro.

  • Bsdcode

    E’ basta co ste pubblicità Roberto, hai rotto. Ma quanti soldi vuoi fare svendendoti i lettori.
    Ricordi quando consigliavi di usare Adblock Plus e affini, mo chissà perche, non ne parli piu da anni. Ridicolo.

    • Non vedo cosa ci sia di male segnale nuovi pc che per la stragrande maggioranza dei casi sono supportati da linux
      Se a te da fastidio tutto questo prova a leggere altri blog magari senza pubblicità (sempre se ne trovi)

      • Torno Nel Mio Limbo

        Credo intenda le google ads. :p

    • Io non capisco il “svendendoti i lettori” sono recensite pressapoco quasi tutte le marche a chi dovrebbe svenderci?

    • Vai a leggerti altri blog anziché continuare a seminare discordia.

      Non ti sta bene? Evita di venire qui a rompere le scatole.

      Se questo è un blog informativo e diventa anche un blog aziendale con pubblicità o raccomandazioni che cosa te ne frega?

      Prova ad aprire un blog e gestirlo tu, trova il modo di mantenerlo, trova tu il modo di avere le giuste competenze per far rendere un blog o per cercare di lavorare in questa Italia rovinata.

      E’ lodevole invece questo blog, ma del resto finché la tua mente è chiusa non puoi capire.

      • Maximo67

        Per me che lo seguo fin dall’ inizio effettivamente la pubblicità che mette adesso da fastidio. Poi ricordiamoci che Roberto ha sempre ripubblicato contenuti e risorse prese da altri blog del settore, semplicemente le traduce in italiano. Guadagnarci sopra non mi sembra tanto onesto e fa danno a chi gli articoli li scrive per davvero.

        • Torno Nel Mio Limbo

          e @Bsdcode Installatevi adblock e fine della storia. :p

        • se avessi seguito il blog dall’inizio avresti magari visto anche i post che chiedevo ai lettori se metter o meno la pubblicità

          ” Roberto ha sempre ripubblicato contenuti e risorse prese da altri blog”

          diversi articoli prendono spunto da altri blog e altri blog prendono spunto da lffl
          in questi anni lffl non ha fatto solo traduzioni ma abbiamo fatto ppa dato una mano ad avviare progetti
          abbiamo fatto installazione gratuite a moltissimi lettori e utenti nel veronese e in veneto in generale oltre a supportare economicamente molti progetti

          con la pubblicità di questo blog in 5 anni abbiamo quasi donato 8000 euro agli alluvionati di monteforte d’alpone e ai terremotati dell’emilia
          la collaborazione con alcuni store ha portato pc e server a comuni che serviva aiuto

          lffl ha mai chiesto un centesimo ai lettori mai e mai lo farà ricordatelo e tutte le varie donazioni che ho ricevuto (anche per via posta) sono sempre ritornate al mittente

          “Guadagnarci sopra non mi sembra tanto onesto e fa danno a chi gli articoli li scrive per davvero”

          in questi anni sai quanto ho guadagnato con questo blog -100 si meno -100 visto che i soldi della pubblicità vanno tutti in un conto corrente della banca unicredit di roverchiara e vanno tutti o in beneficenza o a supportare progetti linux in forma anonima dato che a portali sono anche i molti lettori che seguono questo blog

          ho messo -100 dato che le spese di dominio e altri servizi gli ho sempre tirati fuori di tasca mia

          • roberto duccio

            ho conosciuto Roberto nel lontano 1998 quando con 50 persone di verona è venuto a nocera umbra a portare al parroco 10 milioni di lire raccolte con tra gli abitanti del paese
            da allora grazie a me e alla croce rossa italiana siamo riusciti a fare molto anche per gli alluvionati di Monteforte d’alpone e Soave e ai terremotati delle Emilia (esattamente a mirandola) dove ha portato diversi pc e soldi raccolti con il blog
            posso confermare quello che ha scritto invitando tutti magari a provare a fare quello che fa lui ogni giorno non chiedendo niente a nessuno
            non capisco cosa ci sia da criticare un blog che non chiede niente a nessuno e che soprattutto in questi anni ha aiutato molte persone ad avvicinarsi a Linux

          • Desavio

            Scusate io sono di Monteforte ma questi soldi non li ho mai visti e nessuno ne ha mai parlato in paese. Forse li hai dati alla chiesa?

          • sono stati versati alla croce rossa via bonifico bancario visto che sei da monteforte puoi passare da roverchiara cosi andiamo in banca e ti faccio una copia di tutti i versamenti (sempre che non sei impegnato a fare il garante della privacy dato che hai commentato poco dopo con quel nome nel muro)

      • Giacomo

        Si ma se è un blog aziendale deve esporre la partita iva e deve dichiarare quelo che quadagna. Altrimenti è truffa

        • non è un blog aziendale

        • Parlando di blog aziendale era a livello di discorso.

          Avevo esposto una serie di ipotesi o comunque in un caso o nell’altro i diritti sono legittimi al webmaster.

  • Torno Nel Mio Limbo

    Miiiiiiiii che camuriusi -.-”

  • heron

    L’unico problema di questo progetto è che hanno usato la parolina proibita fork e alla gente piace tanto criticare leggendo i titoli. E lo dico da utente a cui piace la centralizzazione offerta da systemd.

    • bomdias

      a me systemd piace solo per la maggiore velocità in sistemi multicore

      • Fabio

        Sul mio pc è più veloce Wheezy con e4rat che la testing attuale.

  • Simone Picciau

    Bah mi pare che soltanto loro vedono il male in systemd, tutte le altre distro, tranne slackware mi pare, usano systemd, oltre Gentoo che permette di scegliere openRC. Non so immaginare quale seguito possa avere questo progetto, comunque non è detto che falliscano, magari ce la vedremo nella top ten di Distrowatch!

    • TopoRuggente

      Slackware per l’esattezza non usa nemmeno init !!!

      • Simone Picciau

        Si lo so, BSD style

  • giovanni

    Uso e adoro debian che per me rimane sempre il vero punto di riferimento e bisogna fare i complimenti a chi ci dedica tempo e lavoro. Detto questo, non sono un tecnico e non so valutare systemd, ma mi pare di capire che sia stato praticamente imposto dalla principale azienda che fa i soldi con l’open source, inoltre contravviene al concetto esistente in linux di avere un’ applicazione per ogni funzione e solo per questi motivi potrebbe far storcere il naso. Per quanto riguarda devuan, oltre a dare la possibilità di scegliere, fa una cosa abbastanza logica se non elementare, adotta di default xfce e soprattutto la versione più recente,la 4.12, cosa che debian non ha fatto ne con wheezy ne con jessie, in modo quasi abbastanza indisponente se non premeditato. Non credo che ci sarebbe voluto uno sforzo immane per sincronizzare i rilasci di debian lts con xfce. Personalmente è una cosa che non riesco a capire!

    • Fabio

      “Non credo che ci sarebbe voluto uno sforzo immane per sincronizzare i rilasci di debian lts con xfce”.
      Cioè, scherziamo? Da che Debian è Debian, stable viene rilasciata quando è pronta. Figurati se bisogna aspettare il rilascio di un particolare software… 😐 E poi, di grazia, xché XFCE e non, che ne so, KDE o Mate?

      • anonimoprovocatore

        “E poi, di grazia, perché XFCE?” e allora perchè, di grazia, Debian include di default GNOME?

        • Fabio

          Include di defauolt GNOME, ma non mi risulta sincronizzi i propri rilasci e men che meno i propri freeze né con GNOME né con altri software.

    • lettore

      “systemD contravviene al concetto esistente in linux di avere una singola applicazione
      per ogni singola funzione e solo per questi motivi potrebbe far storcere il naso”. Concordo, e inoltre il gioco non valeva la candela: vedo solo un piccolo aumento della velocità di avvio.

      • TopoRuggente

        Anche il kernel linux contravviene alla stesso concetto essendo monolitico.

        Probabilmente non devi leggere molti log perchè ti assicuro che le funzionalità di filtraggio del log (binario) di systemd sono estremamente comode.

      • Maudit

        sta storia della singola applicazione è una stupidaggine, e nel caso di systemd non è nemmeno vera.
        systemd non è un programma che fa tutto, come progetto (contrapposto al demone) è un insieme modulare di programmi che fanno tante cose all’interno di un sistema di servizi. Nel loro contesto hanno dipendenze, come è normale che sia (appunto perché ognuno di quei programmi fa una sola cosa). Il terzo incomodo, o almeno così viene visto, sarebbe la dipendenza da systemd (il demone), ma sistemd è un gestore di avvio e dipendenze, è normale, buono e vantaggioso che governi il suo sistema.
        La polemica verso systemd, pur avendo avuto degli (ipotetici) spunti politici validi, si è caratterizzata da un minestrone di imprecisioni, accuse fasulle, interpretazioni superficiali. Una cosa impostata più sull’umore e mode religiose che sulla competenza tecnica ed il pragmatismo. Fail.

    • TopoRuggente

      Systemd non è stato forzato, tutte le distribuzioni che si appoggiano su DE differenti da Gnome hanno scelto systemd liberamente.
      Per chi usa Gnome è quasi una scelta obbligata, anche se è ancora possibile utilizzare Gnome senza systemd risulta complicato e dubito che sarà possibile ancora per molto tempo.

      Principale vantaggi di systemd
      1) Caricamento in parallelo dei vari servizi non legati da dipendenza
      2) Controllo delle dipendenza al caricamento (carica B dopo A e solo se A è stato caricato)
      3) Gestione dei socket. In caso si debba terminare e riiniziare un servizio con SystemD non sarà necessario inizializzare nuovamente il socket. Inoltre eventuali servizi dipendenti continueranno a trovare il servizio allo stesso indirizzo.
      4) Un log in formato binario che sebbene non sia più leggibile con cat o editor, offre possibilità di filtraggio effettivamente comodissime.

      • Marco

        Soprattutto controlla che i servizi partano, se uno non parte ci riprova, mentre altri danno l’avvio e poi non controllano il risultato!

        • Nullptr

          Si, che bella cosa, adesso ti racconto la bella esperienza che ho avuto io con questa funzionalità:
          aggiorno il driver della scheda video che però per qualche motivo è fallato e non parte.
          Il demone di systemd parte a riavviarlo in loop ogni volta emettendo un errore sulla shell, il tutto talmente velocemente che in pratica non riuscivo neanche ad usare il terminale per sistemare la cosa, non c’era modo di fermarlo.
          Per fortuna avevo il server ssh attivo e ho potuto risolvere da li, altrimenti l’unica altra soluzione era smontare l’hdd e cancellare a mano il driver.
          Con gli altri init sarebbe semplicemente bastato premere i durante il boot per fermarlo ed avere una shell funzionante…

          BELLO!

          • TopoRuggente

            Sysinit su Debian Jessie.

            Appena finita l’installazione, riavvio e opps, non ho il firmware della scheda wireless e Networkmanager parte in automatico e dopo 1 minuto il computer è completamente inusabile (100% di processore), tutti i terminali virtuali impallati.
            Perchè sysinit tentava di forzare la periferica, quando era presente, ma non funzionante.

            Grazie a 20 anni di esperienza in linux riesco in quel minuto (e in quasi 10 riavvii) a scoprire il problema, e disabilitare Networkmanager.

            BELLISSIMO

          • loki

            questo è successo un po’ di mesi fa

            gnome 3.14 su arch, appena installata per provare il desktop. computer lento da far schifo dopo ogni ricerca su gnome shell. grazie a 20 anni di esperienza, come dici tu, e 20 minuti buttati per via del casino immondo che è journalctl, vado a scoprire che ogni volta un componente di tracker non esce in maniera pulita. o meglio, lui crasha brutalmente, quindi qual’è il problema? ma che domande, systemd, come sempre! quel simpaticissimo systemd-coredump ha la bella idea di comprimere decine o addirittura centinaia di mb di coredump rendendoti inutilizzabile il pc per diversi minuti. e poichè systemd è modulare come i miei peli pubici, non sono riuscito a trovare il modo di disabilitare questo scherzoso componente, ho dovuto disabilitare direttamente i coredump. che se dovessero servirmi, mi attacco

            INCANTEVOLE

          • TopoRuggente

            Curioso uso Gnome shell su Arch su un X3 dalla 3.4 sempre aggiornata (ora 3.16) e mai notato nessun problema.
            Anche sull I5 notebook Samsung (3.10 or 3.16)nessun problema.

            Io verificherei la tua installazione

          • loki

            il problema non è gnome, la roba su linux è sempre crashata e sempre continuerà a farlo, negarlo significherebbe mentire spudoratamente. il problema è il genio che ha deciso che i coredump vanno compressi, beati voi se avete un processore abbastana potente da non notare la differenza (non so cosa sia un x3, conosco solo la bmw). sul mio i3 di prima generazione, prima di tagliare fuori i coredump del tutto, quando capitava aspettavo…

          • TopoRuggente

            Phenom X3 un processore com tre core del 2008.

            Il problema non è systemd, ne Gnome, ma è lamentarsi ancor prima di vedere che esistono soluzioni
            Non vuoi i core dump? Semplice

            /etc/systemd/coredump.conf
            Storage=none

            Vuoi limitarne la dimensione?
            /etc/security/limits.conf
            * hard core 0

            0 li elimina altri valori ne limitano le dimensioni

            Ribadisco che con un pc di 7 anni fa non ho mai avuto problemi a riguardo.

          • loki

            il problema è la gente che non ascolta quando parli. ti ho detto che non voglio eliminare i core dump, voglio che quel pezzo di codice nato male chiamato systemd la pianti di comprimerli. nessuna delle tue soluzioni risolve il problema

            mi fa piacere se a te non è mai successo, sarai miracolato

          • Maudit

            Dal manuale:

            Compress=Controls compression for external
            storage. Takes a boolean argument, defaults to
            “yes”.

            http://www freedesktop org/software/systemd/man/coredump conf html

            Se invece che external hai Storage=journal, nella configurazione di journal puoi regolare la compressione.

            Comunque il problema non è di systemd, è dei processi/servizi che crashano.

            O disattivi quello che crasha o, a mio parere meglio rispetto alla disattivazione della compressione, dato che sai già quali sono i processi che crashano, li escludi dalla generazione dei dump automatici (è possibile farlo, da quanto ho letto).

          • loki

            che dire, sarà la vecchiaia, probabilmente siamo tutti rimbambiti:
            https://bbs archlinux org/viewtopic.php?id=186271

            e pare che non siamo gli unici, neppure gli sviluppatori di arch devono essere tanto svegli (ma di sicuro sono “simpatici”):
            https://bugs archlinux org/task/41728

            comunque bene, c’è voluto solo quasi un anno per arrivare a quella che sembra una soluzione più pulita, non mancherò di provarla appena mi ritrovo costretto a usare quell’affare

            “Comunque il problema non è di systemd, è dei processi/servizi che crashano.”
            senza offesa, ma grazie al… 😀 se riesci a mettere in piedi una arch senza pezzi che ogni tanto si piantano, probabilmente hai solo bash. a generare più coredump all’epoca ricordo che erano un pezzo di tracker e gvfsd-metadata. visto che rimuoverli senza portarsi dietro tutto il carrozzone gnome è impossibile, la prossima volta che mi trovo su arch proverò questo parametro. e se mi avanza tempo provo pure a cercare le impostazioni per processo che dicevi

  • bypasser

    La scelta di Xfce come default va a rafforzare l’appeal di questa distro tra gli utenti “conservatori” . E’ probabile che riescano a ricavarsi un buon seguito, soprattutto nel ramo desktop esiste una nicchia di utenti interessati anche a causa delle continue discussioni (per lo più FUD) su systemd che affollano ogni blog .

  • Benjamin Sisko

    io sarò uno di quelli che migrano a devuan….

No more articles