I developer GNOME hanno annunciato che la futura versione 3.16 includerà il supporto per le notifiche da device Android.

GNOME 3.16 Gestore delle Notifiche
Manca ormai poco all’attesissimo rilascio di GNOME 3.16, nuovo aggiornamento del famoso desktop environment che porterà con se importanti novità. Tra le novità più importanti incluse in GNOME 3.16 troviamo il nuovo gestore delle notifiche che ci consentirà di poter consultare e gestire le notifiche dall’applet data ed ora oltre ad includere il supporto per device Android. Gli sviluppatori GNOME hanno recentemente annunciato che la futura versione 3.16 includerà il supporto per Nuntius, sistema open source che consentirà di ricevere le notifiche del nostro device Android direttamente dal nostro pc.

Nuntius è un progetto ancora in fase di sviluppo che consente l’invio delle notifiche di Android al pc solo attraverso il Bluetooth, soluzione che garantisce una maggiore sicurezza dato che il servizio non utilizza server esterni o la nostra rete locale.
Per poter utilizzare Nuntius dovremo installare l’app dedicata nel nostro smartphone o tablet Android da Google Play Store.
Da notare inoltre che possiamo già utilizzare Nuntius in Arch Linux e derivate, installando il tool direttamente da AUR.

Home Nuntius

  • SalvaJu29ro

    Aur <3

  • Criticatelo quanto volete perché non è esattamente il DE più leggero e perde in performance, ma sa essere accattivante e piacevole come pochi altri. Felice utilizzatrice!

    • TopoRuggente

      La leggerezza è qualcosa di completamente relativo al giorno d’oggi.

      Molto dipende dall’utente target degli sviluppatori, GS non è leggero, ma nemmeno il più pesante.

      Curioasamente il DE (non WM) più leggero, Enlightenment, non lo usa quasi nessuno.

      • Simone Picciau

        Chiaro, perché diciamola tutta, la leggerezza si paga in qualche modo: manca sempre qualche feature. Per chi ha una macchina decente, gnome è il migliore

        • tomberry

          Ma a gnome shell non hanno tolto parecchie feature, che vanno ripristinate con varie estensioni?

          • Simone Picciau

            Personalmente uso soltanto l’estensione per visualizzare le condizioni meteo e quella per caricare i temi della shell. Per quanto riguarda le funzionalità basilari, non sento la mancanza di niente

          • tomberry

            Quindi dipende sempre dalle necessità dell’utente, grazie di avermi espresso il tuo punto di vista 😉

          • Simone Picciau

            Prego ci sentiamo

          • BlueRazor

            Gnome Shell è un sistema modulare e le estensioni servono ad installare solo le funzioni di cui si ha bisogno, invece di appesantire il sistema con numerose funzioni che non si usano mai.

          • SalvaJu29ro

            Io sinceramente le odio le estensioni xD
            Se lo usassi starei sul sito delle estensioni vedendole tutte una per una perchè penso sempre che potrei perdermene qualcuna utilissima

          • TopoRuggente

            Quelle utilissime sono tra le più installate (le prime dell’elenco), se poi hai esigenze particolari, beh ovvio che ti tocchi cercare.

          • tomberry

            Alla pari degli altri DE..

          • TopoRuggente

            Le hanno rese “opzionali” se le usi ti installi l’estensione … altrimenti no.

        • Non sono molto d’accordo con te perché ho una bella macchina, ne provo tanti di De ma il migliore in assoluto in performance rimane XFCE.

          • Simone Picciau

            Beh si alla fine ha tutto quello che serve, solo reso in maniera un pò più essenziale… Gnome ha tante funzionalità come la gestione degli account online che poco c’entrano con il desktop, è molto integrato con il web, ha effetti grafici migliori, però xfce fa tutto ciò che serve. A me piacciono entrambi, xfce ha il 2° posto nella mia classifica di gradimento. Quando metteranno la ricerca integrata in thunar, con risultati veloci come quella di gnome, sarà perfetto.

      • freestyle72

        Il problema viene quando il DE linux diventa più pesante di windows!
        Si vedono in giro PC con il vecchio XP ancora in grado di far girare un normalissimo pc aziendale, più reattivi di Gnome, Ubuntu e KDE!
        E francamente da appasionato Linux la cosa non mi piace!
        Perfortuna possiamo contare su XFCE, che riporta l’equilibrio a favore di Linux, altrimenti saremmo messi maluccio.
        Non dovrebbe servire un quad core per far girare decentemente un DE!
        Anche con il “vecchio” Gnome 2, si ottenevano attimi risultati e si faceva tutto ciò che oggi si fa con Gnome 3!
        e con Compiz attivo era altrettanto, se non più accativante!
        Non so, andrò controcorrente, ma io avrei mantenuto Gnome 2 arrichendolo con software che a tutt’oggi mancano su linux!
        Penso si perdano troppe risorse su cose futili, e poco su ciò che serve realmente.
        Mancano software che siano svariati scalini superiori a quelli “quasi” amatoriali che oggi abbiamo a disposizione per Linux.
        E purtroppo non li posso fare io “utente” linux, ma “debbono” farlo chi ha capacità tali da realizzare DE sempre più stravaganti!

        • TopoRuggente

          Allora perchè non Enlightenment o addirittura una WM.

          Credo sia limitante scrivere nel 2015 un sistema operativo nuovo basandosi sugli standard di un pc di 15 anni fa.

          Altrimenti anche XFCE ti assicuro che su un 486 su scheda Vesa sarebbe un mattone.

          I vecchi DE non erano stati sviluppati per supportare le nuove tecnologie ed erano diventati un disastro come codice.

          Non a caso i due progetti che non sono stati riscritti da zero (Mate e XFCE) sono i più arretrati nel supporto di wayland, perchè nel loro codice xorg è profondamente radicato.

        • Giulio Mantovani

          ti sei risposto da solo, usi XP con un’interfaccia concepita per pc del periodo 2000, non puoi usare come metro KDE 4 e gnome 3, devi usare dei rispettivi DE del periodo, quindi KDE 3.0 e gnome 2.4, allora si ragiona altrimenti se vuoi confrontare gnome 3.14 o Plasma 4.14/5.2 devi prendere Windows 8.1 o addirittura windows 10 come punto di riferimento. Gnome e KDE si evolvono pari passo con l’hardware, sono sicuro che tra 5-6 anni sul mio vecchio pc sarà inutile usare KDE e questo attuale non vedrà mai un ipotetico 6.x, la tecnologia è questo dopotutto.

          • freestyle72

            IL mio discorso è questo:
            Oggi abbiamo hardware sempre più potenti, quad core, 64 bit, DDR3 ecc…
            Logico sarebbe vedere i nostri Desktop “sfrecciare” alla velocità della luce!
            e invece niente! Poichè sembra che tutti facciano a gara su chi appesantisce di più i loro DE!
            Il mio discorso è che vorrei avere un Desktop finalmente reattivo, invece nonostante l’hardware superiore, ci ritroviamo più o meno se non peggio di quando avevamo XP, Gnome 2 o KDE3.
            E’ la tendenza che è sbagliata! Se Windows 8 è una “merda”, non è che dobbiamo crearne un’altra per contrastarla!

    • vortex67

      Bhè considera che KDE (soprattutto l’ultima versione) è tutto fuorchè leggera,in confronto gnome è come openbox.

      • Emanuele Cavallaro

        Mi sa… che non hai provato KDE plasma 5 😉

        • Cylon

          usando Plasma 5.2 quasi tutti i giorni non posso fare che confermare il suo abnorme consumo, il solo plama-shell parte da 170MB di ram occupata andando a sfiorare in certi i 350MB (la versione precedente la 5.1 mi consumava anche 700MB), gnome-shell ha un consumo più contenuto mai oltre i 100MB di ram

          • Giulio Mantovani

            si, ma anch gnome shell con la 3.0-3.2 non scherzava in consumi, i difetti di gioventù dei DE con le nuove versioni ci saranno sempre, KDE 4 è nato malissimo, inutilizzabile fino alla 4.4, er me plasma sarà pronto con la 5.4 per desktop (e spero che per tale data non consumi più di 150 mb fissi) anche se Plasma 4 mi consuma appena avviato 70-80 mb e arriva a 120 circa.

          • Cylon

            guarda io uso arch, da quando c’era kdemod, e plasma 5 succhia molta più ram.. plasma 4 a me consumava al max 60MB di ram dopo 16 ore di utilizzo… gs l’ho provata e rivalutata ultimamente e la versione attuale ha consumi contenuti e delle cose buone in mezzo ad altre meno buone.

          • Sorgiva

            Quando entra in gioco troppo JavaScript dove non dovrebbe esserci (tipo QML o le estensioni di Gnome Shell, ecc) è d’obbligo che i consumi schizzino alle stelle o alle stalle, non si sa. A parer mio è una strada sbagliata, altri hanno fatto meglio per ottenere le stesse cose.

          • Cylon

            già, come non darti ragione.. e la cosa che più mi preoccupa è che vogliono riscrivere in QML parti come impostazioni di sistema.. vabbene che ormai il minimo di ram sono 4GB…

          • SalvaJu29ro

            Insomma il futuro di Kde potrebbe non essere così roseo :

          • Cylon

            la comunità, KDE, è abbastanza solida.. e il de, plasma, che succhia, ma fintanto che non ottimizzano meglio QML in Qt consumerà sempre molta ram, almeno più di 120MB, come detto ad oggi non penso che sia un problema, almeno per me il minimo di ram che ho sui pc è 8GB 🙂

          • SalvaJu29ro

            Io ho 4gb e per ora non noto problemi, ma se ottimizzano tanto meglio

        • Quoto

        • vortex67

          L’ho provato eccome,sia con kaos che kubuntu beta e ti assicuro che consuma un botto,tanto che il bug è segnalato un po’ ovunque.

  • Giulio Mantovani

    ok, notifiche bluetooth, ma personalmente preferisco qualcosa stile KDE connect che usa la rete Wifi di casa, certo con il bluetooth puoi usare queste notifiche anche quando sei fuori casa, ma, per me, è più utile quando mi trovo in casa (anche perchè così facendo uso solo un modulo, quello wifi, anzichè 2, wifi+bluetooth), di sicuro però è interessante come iniziativa avere le notifiche integrate nel desktop 🙂

    • TopoRuggente

      se sei da solo si, ora immagina che tu sia in ufficio con altri 5 colleghi e vedrai che l’opzione della wifi ti piacerebbe meno, con la comunicazione clellulare->computer che satura la banda.

      • loki

        satura la banda con qualche byte di notifica? potrei capire con grossi trasferimenti di file, ma a quel punto si può usare il classico invio di file tramite bluetooth come si fa da più di 10 anni. sempre che tu non abbia fretta, il bluetooth è lento come la morte. kde connect comunque gestisce sia bluetooth che wifi da quello che so

        • TopoRuggente

          Satura la banda perchè
          1) Il computer richiede al AP il permesso di trasmettere
          2) L’AP concede il permesso
          3) Il computer trasmette un pacchetto TCP al cellulare
          4) Il cellulare richiede all’AP il permesso di rispondere
          5) L’AP concede il permesso
          6) Il cellulare trasmette un pacchetto TCP al computer.

          Ora moltiplica questo per 4-5 client e altrettanti cellulari in un ufficio, unisci la rete fra i pc, la navigazione internet di pc e cellulari e…..

          Il problema del wi-fi non sono i dati, ma i pacchetti di controllo.

          • Giulio Mantovani

            io nel mio piccolo ho 3 dispositivi android in casa (smartphone mio, smartphone di mia madre e tablet), collegati rispettivamente ai miei pc (il mio tablet e smartphone collegati al mio notebook e al netbook) e al suo notebook, quindi ho 3 dispostivi e 3 pc (2 dei quali sono interlacciati) e problemi di banda non ne ho, ovvio che se mi metto a trasferire file a raffica tra tutti i dispositivi vado in crisi, ma per le notifiche non ci sono problemi 😉

          • si ma comunque il wifi ha velocità che vanno dai 54mbps (per gli AP più vecchi) fino ai 300mbps, ce ne vuole per saturare una rete LAN con richieste del genere…
            in casa non la saturo nemmeno facendo il backup del mio PC nell’HDD di rete, tramite wifi da 54mbps, infatti posso tranquillamente copiare e navigare su internet senza perdite di velocità, e di certo in casa non abbiamo pochi dispositivi, ma ben 5 notebook, un fisso, 3 smartphone 1 tablet, la ps3, un hdd di rete, e un hdd multimediale, ma nonostante tutti questi dispositivi, la banda della LAN è difficile da saturare

          • TopoRuggente

            Un 300mbps raggiunge al massimo i 195mbps su una trasmissione, ne ho uno, montato insieme alla 100mbit internet, e se faccio grossi trasferimenti dati tra un client wireless e un server le figlie lamentano lag.

            Considera che la wireless dichiara la banda totale mentre la ethernet solo la banda utilizzabile per i dati, se usassimo la stessa “tecnica” sulla ethernet si chiamerebbe 180mbs non 100.

          • loki

            scusa l’ignoranza eh, ma durante il giorno sono in un ambiente in cui siamo collegati allo stesso accesso point in una 20ina con i pc, quasi tutti hanno anche il telefono. secondo la tua teoria com’è possibile che non ci siano problemi?

          • TopoRuggente

            195/20 (escluso quindi i cellulari) state lavorando come aveste una ethernet 10mbit.

            Se ci devi navigare in internet va bene, ma con tutti collegati (e senza gestione del QOS) credo che grandi flussi di dati possano risentirne.

            Molto dipende dall’uso che ne fai della rete.

          • loki

            abbiamo una fibra aziendale e lavoriamo di norma a 9mb/s in download

          • TopoRuggente

            Che fibra avete? Da 180mbps?
            Comunque 9mbps è minore di 10 mbps, ma mantieni il rate durante un trasferimento dati corposo fra due client wireless?

            L’AP divide la banda disponibile per il numero di client come tale 9mbps è quasi il massimo di quello che un AP 802.11n può fornire a 20 client.
            195/20= 9,75mbps
            Se fosse un vecchio 802.11g avreste poco più di 1mbps a client.

          • loki

            non so dirti che fibra è perchè non mi sono mai informato, se becco il tecnico stamattina ti faccio sapere. il transfer rate mi è sempre sembrato grossomodo uguale anche tra collegamenti interni, non sono sicurissimo perché controllo dal monitor di gnome, di solito usiamo netcat. comunque dorse devo cominciare a scrivere con le giuste notazioni: non sono 9Mb/s, sono 9MB/s

          • TopoRuggente

            9MB/s sei sicuro?

            9MByte al secondo sono 9*8=72Mbit al secondo, per 20 client = 1440mbit.

            Avete una banda da un Gigabit e mezzo? Equivalente alla banda totale di più 5 AP 802.11n.

            Sarebbe fattibile unendo 6 AP con ethernet gigabit ad un hub gigabit e a sua volta con un router fibra con due porte ethernet gigabit che lavorano in Round-robin.
            Bell hardware !!!

            Se avete un HW del genere non capisco i 20 client per un unico AP (anche per Cisco è il massimo accettabile) quando avete router e hub per migliaia di euro.

  • ale

    Perchè il bluetooth e non il wifi, come se sul mio pc avessi un dongle bluetooth…

    • bomdias

      io lo ho il dongle bluetooth

    • TopoRuggente

      Perchè se sei in un ufficio con 5 computer e 5 terminali android diventerebbe complesso da gestire, mentre il bluetooth nasce proprio per connessioni ptp.

      Un dongle usb costa pochi euro e nella maggioranza dei notebook è incluso

      • Fighi Blue

        potevano farlo in entrambi modi e fare scegliere all’utente. Oppure far scegliere le notifiche di quale dispositivo mostrare. Di certo non compro un dongle usb solo per questa funzione

  • Eros

    Gtk è un progetto valido e attuale , molto più semplice da sviluppare e da usare sfido un novello a usare qt . Inoltre vi ricordo che il duo ubuntu mir e ubuntu phone mir non avranno successo. In primis la difficoltà di qt .

    • Mah… sono perplesso… che sarai mica un mago?

    • MisterX

      si come no.. se non si è in grado di usare Qt e si sa usare solo gtk ti potrei dare ragione… ma anche no.

    • Luca Cavallaro

      Io ho sviluppato sia in Qt che in Gtk e ti posso assicurare che Qt è più semplice e “scritto meglio” di Gtk 🙂

  • Massimo rispetto a tutti, ma leggo troppo tecnico e difficilmente pratico e rivolto all’uso, vedo e leggo solo critiche. Sarà tempo di cambiare un pochino?

    • TopoRuggente

      “ma leggo troppo tecnico e difficilmente pratico e rivolto all’uso”

      Giuro che non ho capito quale sarebbe l’oggetto di tale affermazione.

      • Sapevo che qualcuno non avrebbe capito, ragione per cui leggo centinaia di critiche…

        • TopoRuggente

          Magari scrivendo in un linguaggio “comprensibile” …

    • Gnome Shell continua a non convicermi anche se è molto migliorato come stabilità e leggerezza.

      • TopoRuggente

        Sicuramente è stato alleggerito (ed è ancora possibile migliorarlo molto), ma problemi di stabilità non ne ho mai avuti, in anni un solo crash, per colpa mia che ho forzato l’installazione di una estensione non supportata da quella versione.

      • jboss

        lo sto usando con fetora 21 da quando è uscita, rispetto alle versioni precedenti è più stabile, cmq dei grattacapi li da sempre,con kde invece non avevo un minimo di problema.
        Sto provando la rawhide 22 gnome 3.15 è va veramente benone.

      • Concordo con te

  • incredibilecane

    Salve a tutti. Io attualmente utilizzo un macbook pro e un iphone. Sono molto legato alla compatibilità tra ecosistemi, poiché non ho molto tempo da perdere e mi serve tutto, subito e ovunque.
    Per ragioni prettamente economiche (una semplice somma di quanto ho speso negli ultimi 9 anni in prodotti Apple mi ha fatto capire che è il momento di guardare meno pubblicità) ero indeciso se passare a windows+wp o linux+android.
    Vorrei un parere a riguardo: come si integra il sistema operativo linux ubuntu con android ? in particolare vorrei sapere se esistono efficienti sistemi di notifiche desktop che non siano bluetooth e come va su android la lettura di documenti odt office pdf e simili.

    grazie

    • Ciao, sugli tultimi punti posso risponderti con cognizione di causa in quanto direttamente intreressato per motivi di lavoro.
      PDF, ODT e simili non hanno nessun problema in Linux, come moltissimi altri files. Nel mio lavoro scambio continuamente files office creati con MSO ed io con LIBREOffice. Unica pecca potrebbe essere se utilizzi funzioni specifiche della suite MS che ovviamente non puoi ritrovare esattamente in altri, tipo effetti o macro o funzioni specifiche di excel ad esempio che in Libre cambiano nome pur essendo identici o addirittura migliori.
      Personalmente utilizzo una derivata di Ubuntu chiamata Voyager e basata su XFCE che mi permette di avere una efficenza di alto livello su tutti i fronti lavorativi.
      Rispetto alla integrazione Ubuntu-Android non ci perdo molto tempo ma ci sono software in linux anche recensiti in questo blog che permettono il dialogo a livello di notifiche desktop mentre per quanto concerne l’utilizzo del device android come disco esterno o passaggio di dati posso dirti che viene riconosciuto perfettamente senza nessun driver da installare.

      http://www.rinorusso.it/2015/02/voyager-linux-una-bella-distro/

      Nulla osta che puoi avere un sistema linux x64 di base utilizzando altri sistemi operativi Apple o MS in macchine virtuali se proprio non puoi farne a meno per diversi motivi.
      Un saluto

No more articles