In questa guida vedremo come installare correttamente il plugin Adobe Shockwave Player in Linux grazie al tool Pipelight.

Adobe Shockwave Player in Firefox su Ubuntu
Sono molti i portali web che stanno pian piano abbandonando Adobe Flash per puntare su HTML5, tecnologia che ci consente di poter accedere ai vari contenuti multimediali senza plugin di terze parti. In caso di siti web che utilizzano ancora Adobe Flash è ancora disponibile il plugin proprietario che possiamo installare direttamente dai repository ufficiali della nostra distribuzione oppure semplicemente utilizzando Google Chrome. Per Linux non è disponibile il plugin per Adobe Shockwave Player che ci consente di riprodurre contenuti web sviluppati con Macromedia Director, per risolvere questo problema possiamo utilizzare il tool Pipelight, ecco come fare.

Pipelight è un tool open source (basato su WineHQ) che ci consente di poter utilizzare plugin di terza parti nativi per Microsoft Windows all’interno dei browser Linux come Firefox, Chromium, Midori ecc. Ad esempio con Pipelight possiamo avere il plugin Microsoft Silverlight, Widevine, Unity3D, plugin per leggere PDF di Adobe Reader e Foxit e molto altri ancora.

Adobe Shockwave Player Plugin in Firefox su Ubuntu

Tra i plugin supportati da Pipelight Adobe Shockwave Player, per installarlo per prima cosa dovremo installare correttamente basta digitare:

Per installare Pipelight in Ubuntu e derivate:

sudo add-apt-repository ppa:pipelight/stable
sudo apt-get update
sudo apt-get install --install-recommends pipelight-multi
sudo pipelight-plugin --update

Per installare Pipelight in Arch Linux:

sudo nano /etc/pacman.conf:

e aggiungiamo:

[pipelight]
Server = http://repos.fds-team.de/stable/arch/$arch

Salviamo il tutto con Ctrl più x e poi s e aggiungiamo le chiavi d’autenticazione e poi installiamo Pipelight digitando:

sudo pacman-key -r E49CC0415DC2D5CA
sudo pacman-key --lsign-key E49CC0415DC2D5CA
sudo pacman -Sy pipelight
sudo pipelight-plugin --update

e confermiamo

Per installare Pipelight in Fedora:

Per prima cosa installiamo i Font di Microsoft digitando:

sudo yum install cabextract
sudo rpm -i http://sourceforge.net/projects/mscorefonts2/files/rpms/msttcore-fonts-installer-2.6-1.noarch.rpm

Aggiungiamo i repository dedicati:

sudo wget http://download.opensuse.org/repositories/home:/DarkPlayer:/Pipelight/Fedora_21/home:DarkPlayer:Pipelight.repo -O /etc/yum.repos.d/pipelight.repo

Per altre versioni basta sostituire Fedora_21 con la release corretta (esempio Fedora_22).

e installiamo Pipelight:

sudo yum install pipelight
sudo pipelight-plugin --update

Una volta installiamo Pipelight possiamo installare e attivare il plugin Adobe Shockwave Player in Linux digitando:

sudo pipelight-plugin --unlock shockwave
sudo pipelight-plugin --enable shockwave
sudo pipelight-plugin --create-mozilla-plugins

ed ecco attivo il plugin Adobe Shockwave Player in Firefox, Chrome, Midori ecc.

Home Adobe Shockwave Player

  • bill

    questa volta col cavolo che aggiorno non voglio formattare tutto di nuovo

    • se hai formattato forse i problemi erano ben altri che non il kernel se non funziona basta avviare dal boot il kernel di default e rimuovere questo

      • Dea1993

        ha ragione roberto, è difficile che con un aggiornamento kernel dalla versione 3.x.y alla versione 3.x.y+1 ci siano problemi in quanto non ci sono modifiche di codice ma solo bugfix.

        al massimo i problemi possono capitare passando ad una versione 3.x+1.y, ma sinceramente anche questo è difficile ormai visto che ormai il suppoto hardware è buono.

        io ormai che ho archlinux da quasi un anno di aggiornamenti kernel ne ho fatti parecchi visto che archlinux è rolling release e si aggiorna sempre (forse quando sono passato ad arch c’era il kernel 3.4 ma non ricordo bene).

        bene da quella versione a quella di ora (l’attuale è la 3.9.7) non ho mai avuto un problema causato dall’aggiornamento kernel.

        comunque io sono dell’idea che chi usa ubuntu o altre distribuzioni non rolling release, se non ha problemi non deve aggiornare il kernel a versioni successive (ma solo aggiornamenti rilasciati nei proprio repository).

        altrimenti se uno vuole sempre essere aggiornato può usare distribuzioni rolling release.

        personalmente la mia distro preferita è archlinux perchè è rolling release ma i pacchetti prima di passare nel ramo stabile passano nel ramo testing e solo quando non hanno più problemi vengono rilasciati nei repository stable quindi la distro è sempre aggiornata ma è anche stabilissima (tranne l’ultimo aggiornamento del file system che ha rimosso le cartelle /bin /sbin /usr/sbin per unirle tutte in /usr/bin che ha creato problemi a molti utenti perchè si sono ritrovati con dei pacchetti tipo ad esempio “bash” che erano stati spostati e quindi all’avvio non venivano più trovati creando parecchi problemi, molti hanno formattato ma non era necessario si poteva risolvere col disco live).
        inoltre su archlinux c’è AUR e li trovi tutto cio di cui hai bisogno senza stare ad aggiungere 1000 PPA e questo secondo me è il pregio migliore di ArchLinux

        • Geggio

          Ho installato (clean Install) la 13.04 a inizio maggio. Come al solito, quando escono novità non resisto e installo: nuovo kernel, Gnome 3.8, qualche bel programmino per i media … Risultato? Il mio computer è KO dopo neanche 2 mesi. Lento nell’avviarsi, va in palla quando uso VLC… disperazione! Perchè deve andare sempre così? Cosa posso fare? Usare Debian e non aggiornare mai? Passare a una rolling ?? Help!

          • Perché spesso repo di terze parti mettono dentro dipendenze aggiornate ma non tutte quindi potresti trovarti delle librerie aggiornate e altre no il che rende il sistema non omogeneo e presumibilmente instabile.
            Dici usare Debian e non aggiornare mai, ma io ti chiedo perché?
            Perché continuate a pensare che l’unica rolling release sia Arch Linux? Debian SID è una rolling release il cui ciclo è più lento di arch linux nel passaggio da unstable a distributed ma almeno quando ti si aggiornano i pacchetti (cosa che con Arch succede anche 3 volte al giorno mentre con sid una volta al giorno è più che sufficiente) ce li hai tutti aggiornati senza patemi d’animo, si ok hai la penultima versione del software perché l’ultima ha ancora qualche bug e non passa in distributed, secondo me è meglio così piuttosto che avere tutto aggiornato e scoprire dopo una settimana che c’è un software pieno di bug e che te lo devi tenere così fino al prossimo cambio release…

        • Perché non avevi letto le indicazioni sul sito altrimenti il problema bash non si sarebbe presentato testato su 3 pc diversi 🙂

          • Dea1993

            sisi le avevo lette le indicazioni (nel sito inglese perchè in quello italiano non erano ancora uscite) avevo dato quei 3 comandi che indicava ma al riavvio del PC mi sono ritrovato col sistema che non trovava più il pacchetto bash e allora ho formattato tutto (visto che avevo gia da tempo voglia di formattare per fare un po di ordine e per cambiare tipo di file system)

          • Dopo i tre comandi dovevi continuare a leggere diceva di reinstallare bash 😛

  • Marco Ragusa

    Io aggiorno sempre all’ultima versione, tanto uso solo driver open (perche’ sono piu’ stabili)

  • Claudio Marzorati

    Io ho ubuntu gnome 13.10 (beta)…. aggiornandolo normalmente mi ha già scaricato il kernel 3.10.. è normale?
    Anche perchè se digito “uname -r” mi scrive “3.10. eccetera”…….

    • Brau

      Se è una fase in beta allora sì, visto che l’ultima versione online è la v3.10-rc7-saucy

      • Claudio Marzorati

        ok perfetto! thank you

  • SenzaParole

    Che cosa cretina, non aggiorna niente ma lo volete?

  • Massimiliano

    ma per la scheda realtek 3290 non c’è soluzione?

  • Orazio77

    fino a quandoo ho installato la 3.9.6 e la 3.9.7 tutto apposto sul mio kubuntu 12.04 adesso con la 3.9.8 schermo nero, che diavolo e successo? sicuramente i driver nvidia proprietari. cosa fare?

  • Fabio

    Ma su Chrome i plugin non sono stati bloccati? Poi forse era il caso di mettere il link alla Home di Pipelight invece che a quello di Adobe.

    • jboss

      proprio ieri lo installato ad un amico e funziona su tutti i browser,l’unico problema che da e quanto fai 2sudo pipelight-plugin –update” dice che il pacchetto non e firmato ma funziona lo stesso

      • Fabio

        Buono a sapersi. Grazie 🙂

  • Zabriskie

    Ma è per via del fatto che non ho adobe shockwave che dei canali rai me ne vanno tipo 2 su 10? Mi sembrava d’aver capito che la Rai avesse abbandonato moonlight in favore del normale flashplayer, ma molti canali ancora non mi vanno. Dite che Shockwave può risolvere?

    • Fabio

      RAI prima andava su Silverlight probabilmente ti manca quello. Io con quello e il Flash player 11.2 sul sito RAI non ho problemi.

      Piuttosto, dopo aver abilitato Shockwave, Iceweasel mi si inchioda ogni tanto. Succede anche ad altri?

    • .theShort

      I portali RAI sono passati a Flash player già da un bel po’, se hai AD-Block attivato prova a disattivarlo.

      • Zabriskie

        Caspita, mi sa che hai ragione. Il problema sembra essere proprio Addblock, l’ho disattivato e vanno quasi tutti i canali. Non ci avevo pensato. Strano perché in genere i siti che non gradiscono ABP lo segnalano (come succedeva con Rai HD durate i mondiali, un banner ti avvisava di togliere addblock). Comunque grazie mille, riproverò nei prossimi giorni e spero il problema sia davvero quello. 🙂

  • SGAB

    Ma sbaglio oppure Google Chrome usa Pepper Flash invece di Pipelight?

  • marcus

    Altro browser che supporta molto bene pepper é maxthon ,anche se ormai é fermo alla versione 1.0.5.3 da circa 7 mesi… Credo sia stato interrotto il supporto per linux ma non ne sono sicuro

No more articles