The Raspberry Pi Foundation ha annunciato il nuovo Raspberry Pi 2, la nuova versione della famosa single board ARM che include una cpu più performante, supporto per Ubuntu, Windows 10 e altro ancora.

Raspberry Pi 2
Raspberry Pi è sicuramente una delle single board ARM tra le più conosciute ed utilizzate al mondo, tutto questo grazie a numerosi progetti e distribuzioni Linux dedicate. Dalla Raspberry Pi Foundation arrivano le prime immagini e dettagli del nuovo Raspberry Pi 2, nuova ed attesissima versione che porta con se un hardware più performante, più porte USB oltre al supporto per Ubuntu e molto altro ancora. Raspberry Pi 2 si basa sul processore Broadcom BCM2836 ARM (Cortex A7) quad core da 900 mhz (stando alla fondazione la nuova CPU è più veloce di sei volte confronto la versione precedente) con 1 GB di memoria RAM, sistema in grado di supportare anche le distribuzioni, progetti ecc della precedente single board.

Le principali caratteristiche di Raspberry Pi 2

processore: Broadcom BCM2836 quad core da 900 Mhz Cortex A7
ram: 1GB LPDDR2
storage: slot micro SD
uscita video: 1 porta HDMI + AV attraverso jack da 3.5mm
connettività: Ethernet LAN 10/100M
porte: 4 porte USB 2.0 + una micro USB per l’alimentazione
espansioni: 2×20 pin header for GPIOs, camera header, display header
dimensioni: 85 x 56 mm

Raspberry Pi 2 supporta anche Ubuntu, la fondazione ha confermato anche il futuro supporto per Microsoft Windows 10.

Per maggiori informazioni consiglio di consultare l’annuncio ufficiale riguardante il nuovo Raspberry Pi 2.
Raspberry Pi 2 è già disponibile presso element14 e RS Components a 35 Dollari più spese di spedizione.

  • ienuz12

    Bene, leggendo tra le righe mi pare anche di poter capire che questa sia anche una risposta a quanto Canonical era interessata ad avere. Sto parlando chiaramente del supporto su Mir per i driver proprietari Nvidia ed Amd. Infatti, se su Arm Mir e’ gia’ in grado di utilizzare i driver proprietari utilizzando il layer di Android, e’ lecito pensare che questo sara’ possibile anche su x86 da Ottobre in poi.

  • Mi pare di capire che Android 5.0 dovrebbe essere pure più veloce, oltre che leggero.

    Forse per via del nuovo kernel?

    • floriano

      oppure hanno ridimensionato i componenti in java che si appoggiano sulla dalvik machine, preferendo usare il c++ per programmare…

      • EnricoD

        potrebberero sicuramente ottimizzare la compilazione e i tool per farla.
        sicuramente il kernel è e sarà uno dei veri cambiamenti e il filesystem…
        speriamo che sia davvero cosi
        il mio nexus aspetta. 🙂

  • Marco Baroncini

    Se queste ottimizzazioni dovessero veramente essere parte della prossima versione di Android l’unica cosa di cui mi dispiaccio è che parte consistente dei terminali che potrebbero veramente beneficiare di tali cambiamenti non saranno comunque aggiornati. Mi riferisco, ovviamente, a tutti quei device usciti nel corso degli ultimi anni (dai telefoni meno performanti ai top di gamma) che possono contare su quantità di RAM limitate e che, per questa ragione (o scusa in molti casi) non vedono aggiornamenti da secoli. Un vero peccato offrire ottimizzazioni importantissime la cui utilità viene parzialmente sacrificata dai produttori in nome dell’incremento del profitto. Dannata frammentazione!

    • Marco Missere

      Per fortuna esistono le rom cucinate come CyanogenMod 😀

      • Marco Baroncini

        L’unica vera salvezza…

      • EnricoD

        il problema è che senza sorgenti non si puo fare una ROM cuccata…
        nel senso, se davvero cambiano kernel e ci mettono un 3.4+ e il File System, a meno che qualcuno non si immoli a fare il porting e a sviluppare un kernel adatto a sostenere il 5.0… la possibilità di avere una ROM 5.0 con il changelog che questa volta sarà importante è davvero remota…
        se il filesystem cambia e se anche il sistema sarà molto cambiato, allora bisognerà anche avere un nuovo kernel e uno nuovo bootloader, riscrivere intere parti di codice e marea di patch durante la compilazione
        boh…
        dipenderà tutto dagli sviluppatori di XDA… a quel punto accadrà una cosa che accadde quando usci ICS o Jellybean e molti dev si faranno questa domanda:
        “mi compro un cell che supporta 5.0 o faccio un porting e ci butto settimane di lavoro?”
        il problema è che qui si tratta di un update che sarà molto importante, di ogni device verrà valutato secondo me se fare o meno porting o cose del genere…

  • darkham

    Molto semplicemente, quale dovrebbe essere la base per questi rumors su “ottimizzazione per 512mb ram” ? Sarebbe una buona risposta al mercato che potrebbe accendersi molto con firefox os appena uscito, tizen in estate, ubuntu touch ad ottobre e ios7. Dovesse essere vero, cosa si inventeranno per consentire a Samsung di non aggiornare terminali come il galaxy s2, già vittima di ritardi dell’aggiornamento a jelly bean, solo per favorire a natale la vendita del s3 e note2 ?

    • Davide Depau

      Eh, sarebbe molto carino un simile aggiornamento… io ne ho solo 400, e il mio kernel non supporta l’uso della swap… usando Asphalt io sterzo, la macchina va dritta altri 10 secondi, si pianta, e sterza solo in mezzo al rettilineo successivo. Mamma mia!

      • darkham

        Scusami, se posso permettermi, hai cercato rom alternative per il tuo device che supportino l’uso della swap?

        • Davide Depau

          È la CyanogenMod che sto usando che non ha la swap attiva… e per il mio telefono c’è solo quella che funziona bene… La stock l’ho già mollata da un po’ 🙂

  • EnricoD

    si ma tanto la maggior parte dei device singleboard e a 512 mb di ram non verrano aggiornati… questo è poco ma sicuro…
    questo update sarà come al solito uno di quei grandi e massivi update per sfoltire un pochino l’albero dei device android…
    cosi, chi sarà fortunato riceverà la versione finale della 4.2.2
    chi sarà leggermente fortunato riceverà la 4.3, tipo i possessori di Sony (mi riferisco ai top device) o altri device tipo gli HTC
    E chi possiede un Google Nexus e un top gamma Samsung, penso S4 riceverà 5.0
    Attenzione, non è detto che S2, S3 o altri top gamma ricevano questo 5.0…
    l’abbiamo visto con la 4.2.2
    C’è chi è ancora fermo alla 4.2.1 e chi alla 4.1.2, anche top device, quindi…
    bisogna fare molta attenzione, anche perché molto dipende dalle stesse case produttrici
    sicuramente la maggior parte, compresa Samsung, metteranno in commercio nuovi smartphone con la 5.0, aggiorneranno uno o due top gamma come S3 o S4 e il resto no e i Google Nexus già in circolo come Nexus i9250, Nexus 7, Nexus 4
    Ottimizzazione o no, bisogna possedere un Google Nexus X per essere sempre all’ultima versione, questo è poco ma sicuro.

  • Andrea

    al di la delle ROM (di cui bisogna essere root per installarle) e quindi non tutti sono in grado o se la sentono di smanettare, è una vera vergogna che le grandi case non aggiornino (non dico ad ogni minimo aggiornamento) costantemente i propri device. poi si attacca di continuo ms, tutti sono sulla stessa barca del capitalismo e delle vendite a tutti i costi! se tutto va bene fanno un aggiornamento e poi ti attacchi……se vuoi ho smanetti con le ROM o cambi il device…… 🙁

    • EnricoD

      concordo con te. purtroppo mi trovai in questa situazione con uno smartphone un anno fa che poi vendetti per comprare un nexus che è sempre aggiornato…
      top gamma o no, purtroppo ad un certo punto smettono di aggiornare e questo è sbagliato perché uno non compra solo lo smartphone per gocare o per andare su internet, ma lo comprano anche per il supporto per android e quindi uno lo vorrebbe aggiornato sempre e mi sembra anche giusto…

  • g cong

    Credo che lo comprerò, peccato che non abbia l’uscita Sata per connetterci un ssd o comunque un HD meccanico

    • Davide Neri

      Puoi usare un dock SATA to USB o puoi comprare una scheda di espansione con una porta SATA.

      • g cong

        mi metteresti un link per fav. ?

    • Dave Nardella

      C’è UDOO Quad 1GHz con sata, Gbit ethernet, WI-FI, ma si sale a 99€ (io l’ho comprato a 135, ora è sceso)

      • g cong

        per me troppo caro, preferisco rimanere sul rasp.

  • Giacomo Baiamonte

    sarebbe utile la gigabit ethernet

    • Davide Neri

      Ci sono altre schede simili che ce l’hanno, ma costano di più ovviamente.

    • tanto l’hardware non lo regge… gia anche i prodotti simili a questo che hanno connessione gigabit, subito che riescano davvero a sfruttarlo bene.
      per me se uno vuole un minipc decente con connessione gigabit, deve scegliere x86, costeranno un po di più ma anche le prestazioni sono maggiori

      • alkmist

        e perchè mai, di router gigabit ce ne sono in quantità industriali con arm….

        • be… sai comè… c’è una leggere differenza tra un router che deve fare solo una cosa che non si può nemmeno dire che ha un sistema perativo, ha un firmware spesso basato su linux e comunque il firmware è ottimizzato per fare solo il lavoro che deve fare il router ovvero instradare i pacchetti ed eventualmente qualche funzionalità aggiuntiva come firewall e altre cose quindi tutto è ottimizzato per l’hardware che ha, rispetto ad un PC che ha un sistema operativo completo, quindi richiede molta più potenza, prova a installare ubuntu arm sul tuo router e vediamo se ti parte…
          allora anche il mio next turbo, ha una cpu più potente del mio switch gigabit, ma vorrei proprio vedere se questa cpu montata su una scheda madre con rete gigabit, regge bene la connessione gigabit.

          • Marco

            Siam nel 2015 non nei primi anni 2000…ad oggi i router hanno da anni dei veri e propri sistemi operativi a bordo (per maggiori informazioni vedi i progetti dd-wrt ed openwrt) che permettono di far girare anche varie applicazioni, dai server ftp ai client IRC.
            Queste schede supportano tranquillamente la gigabit, pure il RPi model B la potrebbe supportare come potenza, il problema e’ che mettono l’eth sul bus USB che ne limita la velocità.

          • cosa c’entra, sono si sistemi operativi, ma non sono sistemi operativi general purpose come abbiamo sui nostri PC.
            ripeto, un raspberry anche se l’ethernet non si appoggiasse sul bus USB, non riuscirebbe a sfruttare bene la velocità della connessione gigabit, ha potenza limitata, si forse andrebbe un po più veloce della connessione fast ethernet, ma di certo non è che fai gran che, anche perchè poi non ha nemmeno interfacce sata quindi se scrivi su disco scrivi a velocità di usb2.0, ma anche se avesse un’interfaccia sata 3, sarebbe comunque limitato per la potenza hardware.

            ho un hard disk di rete della buffalo (cpu arm) con scheda di rete gigabit, switch gigabit, scheda di rete del notebook gigabit, ma la velocità di trasferiemnto era poco superiore a quella del fast ethernet, per il semplice fatto che l’hardware era troppo limitato, parliamo di CPU non ricordo quanti mhz e ram 256mb, e questo ha un sistema operativo molto limitato, con fpt, torrent, e altre cose, quindi anche se prendessimo un raspberry, che è più potente a livello di hardware, però sopra di lui c’è un OS completo che ci gira, e l’hardware limiterebbe tutto quanto.

            quindi anche se mi dici che i router di oggi hanno dei sistemi opeartivi, io ti dico che si è vero… hanno sistemi operativi, ma sono semre sistemi operativi pensati per router quindi hanno tutte le ottimizzazione sull’efficenza, e poi un router non è che deve fare chissà cosa, deve solo prendere i pacchetti che gli arrivano e instradarli ai relativi destinatari, quindi non è che deve fare chissà cosa di complesso, mentre tu se sposti file via rete, devi anche fare lettura e scrittura su disco.

          • quindi quando devi spendere 100 e passa euro per avere una scheda con interfaccia gigabit (e che quindi non si apoggia su hub usb) quando poi in realtà hai una velocità di trasferimento di pochi MB superiore alla fast ethernet… ti sembra un gran affare?? allora tanto vale spendere 200 euro e farsi una buona scheda mini itx con celeron e connessione gigabit…

            poi ognuno spende i soldi come vuole… ma un hardware tipo il raspberry non è l’ideale per sfruttare appieno della velocità gigabit, quindi tanto vale vederlo a 35 euro senza gigabit piuttosto che a 100 con gigabit (che ripeto, magari hai solo un incremento di pochi MB nel trasferimento)

          • Marco

            Odroid C1, Gigabit reale a 35usd.

          • va bene ma comunque l’hardware dell’odroid non credere che ti da chissà quale velocità con la connessione gigabit, questi sono tutti hardware pieni di colli di bottiglia, è inutile avere la connessione di rete con capacità di 1000mbs quando poi hai CPU o storage o ram o bus o altro che non ti reggono tale velocità, è sprecato

          • alkmist

            a così è chiaro, intendevo che l’hardware del rasp se avesse una gigabit integrata e fosse usato come router non dovrebbe aver problemi, poi la per la velocità dipende da vari colli di bottiglia, hardisk, protoccolo e il resto del hardware in uso, comunque concordo per aver un prodotto gigabit che non faccia solo da router c’è da andare su una mini itx 🙂

  • Fabio

    Fabtastico, 1GB di ram serviva per rendere perfetto questo apparecchio dalle mille potenzialità! Sapete indicarmi su quale sito sia meglio fare l’acquisto?

  • Massimo A. Carofano

    Stavo per acquistarlo stamane con disponibilità immediata, poi ho pensato “va beh lo compro in pausa pranzo”..Non mi sono accorto che nel frattempo tutti i maggiori siti italiani ne hanno parlato, conclusione: disponibilità tra 5 settimane..
    Lo comprerò tra qualche mese!Hahah

    • giuncan

      Scusa ma in quale sito hai guardato? Io non trovo niente

      • Massimo A. Carofano

        Rileggi il mio commento, ho scritto che STAMATTINA era disponibile con consegna immediata, non ora!

        • giuncan

          Rileggi la mia domanda, ti ho chiesto il sito in cui hai guardato. Poi che sia disponibile ora o fra 1 mese non mi interessa

          • Massimo A. Carofano

            Hai scritto “io non trovo niente”, non pensavo non fossi riuscito a trovare il link del distributore ufficiale:
            h t t p : / / it . farnell . com/raspberry-pi/raspberrypi-2-modb-1gb/sbc-raspberry-pi-2-model-b-1gb/dp/2461029?MER=en-me-sr-b-all

          • giuncan

            Grazie 🙂

    • XfceEvangelist

      JFYI, sul mercato cinese sono disponibili a 23.8 Euro con spedizione il giorno dopo.

      • Massimo A. Carofano

        Con spedizione anche in Italia entro 45 giorni?
        Pagamento Paypal?
        Link?

        • XfceEvangelist

          Non spediscono in ITalia, era solo come riferimento e notizia. Qui in Europa ci fanno aspettare appositamente perchè cosi’ svuotano prima il vecchio modello e magari qualcuno paga di piu’ per averlo prima.
          PayPal in Cina? Ahahahah, due anni fa era bannato, loro usano AliPay.

  • ZaccariaF

    Un’ altro capovaloro delle board, peccato che non abbia due porte Ethernet, Gb o non Gb, e/o un modulo Wi-fi decente sarebbe stato il routerino OpenWRT definitivo…

    Nonostante il RPi dimostri ancora una volta che con pochissime palanche si possono avere PC/µC che fanno tutto quello che vuoi e anche oltre, c’è sempre qualcuno che si lamenta che manca questo e quello, siccome la presente board e una configurazione, anche troppo generica, in tutti i casi Linux e le espansioni aiutano e molto a colmare le mancanze. (^_^)

    • Davide Neri

      Il Raspberry Pi è fatto per essere modulare, se vuoi WiFi e un’altra Ethernet ci sono delle board che ti permettono di aggiungerle.

      • Si ma non hai le stesse prestazioni di una saldata onboard, inoltre quasi tutte le board commerciali o lavorano come due Pi in parallelo/serie o hanno dei costi allucinanti che non giustificano la scelta.

        • Davide Neri

          Se vuoi un MiniPC comprati un MiniPC.

          • Se volessi un MiniPC probabilmente si, se volessi realizzare un router o un firewall potrebbe bastarmi una motherboard arm con 2 schede di rete, ma questa è sempre la solita storia, ogni volta che uno fa notare il limite di una soluzione opensource invece che adoperarsi per rimuovere il limite imposto si fa prima a rispondere “se vuoi altro cercati altro” … E poi ci si chiede perché linux abbia il 2% del bacino di utenza contandoci anche i server e i vari smartphone… ma andiamo!

          • Gill

            2%, ancora sta favola gira?
            Conosco 100 persone e almeno 15 hanno ubuntu o noobuntu o come volete chiamarlo chiamatelo, la gente si sta rendendo conto che per usare feisbrouk, mail, cäzzät!n3 varie non serve windows, ma anzi crea meno problemi ubuntu che almeno ti salva da virus idioti e hai piu’ tempo per te che per il pc. l’utente medio non vuole problemi perchè non ha tempo, non è capace e non ha soldi da buttare.
            Detto questo con 35 euro ha tutto quello che serve per farci molte cose, non capisco perchè si cerchi sempre l’impossibile. un usbpen wifi ti costa già la metà, ok non avrà tutto, ma prima di minimizzare/svalutare un progetto che ha dato gioia (e non per scherzo) a milioni di utenti, io ci penserei.
            Viva il raspy! Ma soprattutto la community raspy! e ora… vado ad ordinare il terzo! B B e ora R2! m’hanno rovinato i neuroniiiiii!

          • Ma io non l’ho assolutamente sminuito, anzi se lo roitengo degno di sviluppo in ambito IT credo sia veramente onorevole per una board open… Quello che dico è che se cerchi su internet e sui forum dedicati tutti chiedono 2 cose:
            – più ram (almeno 2GB)
            – doppia scheda di rete

            Allora capisco il limite ram non ram ma la doppia scheda di rete si può fare semplicemente evitando di mettere 4 usb ma mettendone solamente 2 e le altre se necessario me le aggiungo con le schede aggiuntive tanto non sono interessato alle prestazioni sulla usb, se voglio le usb prestazionali mi servono le 3.0 e me ne basta 1 al massimo 2 per tastiere mouse e wifi bastano le 2.0 se non addirittura le 1.1…

          • Davide Neri

            Bene, se vuoi un router o un firewall comprati una board che abbia quelle caratteristiche. Costano di più, ma ci sono. Tu vuoi la botte piena e la moglie ubriaca come si dice, cosa te ne fai di tutte le possibilità di espansione del Raspberry (che è fatto per sperimentare) in un router?

          • Advanced Firewalling, un sistema concorrente a firewall industriali che costano mila euro, è logico che per sviluppare e fare dei test non voglio spendere 150€ altrimenti tiro su un pc assemblato con i catorci che girano in azienda, ma se poi voglio proporre una soluzione valida prima la devo sperimentare, successivamente creare lato applicativo la cosa e analizzarne le prestazione. Se tutto va bene posso anche pensare di rivolgermi a delle board più complesse e onerose in termini economici oltre che magari esteticamente più accattivanti, e già perché anche l’estetica conta e apple ne è la riprova…

            Ma che ne parlo a fare con voi che il rasppi lo utilizzate solo come pc da salotto invece che carpirne lo spirito per cui è stato inventato.

          • Davide Neri

            Eh certo, per fortuna che ci sei tu col tuo grandissimo spirito inventivo che però alla fine ti metti a gaurdare l’estetica (!) di una board da sviluppo… Tu sì che capisci bene le priorità.

          • Ma perché continui a renderti ridicolo? Ma la smetti di leggere solo le ultime due righe te l’ho scritto non so quante volte, purtroppo la maleducazione e l’ignoranza sono due bestie che non si guariscono.
            Peace…

          • Davide Neri

            Leggo benissimo, sei tu che non riesci a farti una ragione che il Raspberry Pi costa 35 € ed è uno dei migliori strumenti del suo genere mai messi a disposizione del pubblico “smanettone” nonstante tutti i limiti che tu mi propini.
            Non hai mai pensato che tu sia quell’1% dei casi per cui semplicemente non è la scelta migliore, no vero?

          • ale

            Per fare queste cose io valuterei una scheda x86, certo costa un attimino di più, però offre prestazioni decisamente migliori, per dire per 100€ fra scheda madre e ram da 4Gb hai un ottima scheda fanless che non cunsuma nulla con celeron j1900, con gigabit lan, usb 3.0, 4 porte sata (di cui alcune 3), e con la possibilità di aggiungere una scheda di rete da server con 2 o 4 porte gigabit aggiuntiva così da avere un ottimo serverino domestico

            Sul pi non puoi avere la lan gigabit ne la doppia scheda di rete perchè è tutto connesso ad un unico hub usb quindi ti immagino pensare quali potranno essere le prestazioni, e comunque considera anche che queste cpu sono abbastanza poco potenti quindi anche se ci fosse una lan gigabit non la sfrutteresti alla fine

          • Scusami perché su wlan vai a Gigabit? Il 90% dell’italia gioisce se arriva a 10M figuriamoci a 100M, quindi il GbE non serve in queste applicazioni.

            Il vantaggio di usare queste soluzioni sta nelle dimensioni e nei costi, perché se necessito di una soluzione x86 delle stesse dimensioni non ti bastano 300 € per realizzarla.

          • ale

            Cosa centra la velocità della linea, a me interessa che la rete locale sia veloce, se lo vuoi usare anche come NAS il gigabit serve e come, per il si spende di più non sono nemmeno d’accordo, io per dire il mio server locale l’ho fatto quasi a costo 0, riciclando vecchi componenti che avevo in casa e che non usavo, l’unico punto negativo sono i consumi, consuma circa 40W contro i 5 del PI, però le prestazioni sono di gran lunga migliori

          • Ancora, la finite di portare esempi che non c’azzeccano nulla? “Il mio server” ma fatela finita, avete presente il business? Voi vi presentate alle aziende mostrandogli un server accroccato e dietro di voi per 50€ gli si presenta un cosetto grosso quanto un mouse esteticamente accattivante, ma chi prenderanno in considerazione secondo te?
            La gigabit per advanced firewalling non serve a nulla, infatti nel mio commento parlavo di applicazioni specifiche. Inoltre vorrei farti notare che a meno di non mettere degli ssd che stanno sui 300mb/s della gigabit non te ne fai nulla quando hai al max un troughput di velocità scrittura disco pari a 70mb/s effettivi sui sata e 85-90mb/s sui sas…

          • ale

            Ma sai la differenza fra byte e bit almeno, mi pare di no da quello che scrivi, e si che sono concetti basilari, una connessione da 1 gigabit/s equivale a 1000/8=125 megabyte/s, ovviamente non hai mai un gigabit effettivo perchè dipende dalla qualità della connessione, dal cavo, dagli switch, dalle schede di rete, quindi fai già collo di bottiglia con un disco meccanico, per dire su reti grosse si usano più connessioni gigabit insieme per garantire un trasferimento adeguato…

            Che poi non penso che le grosse aziende si affidino a dei raspberry pi, li si tratta di utilizzare server un tantino più potenti direi, il mio era un discorso per un progetto domestico, e non va bene nemmeno li il raspberry, figurarsi in un azienda grossa, devi considerare anche il traffico a cui è sottoposto il firewall, allora secondo te sono tutti stupidi quelli che usano server con intel xeon da 10000€ quando basta un raspberry con un paio di porte 10/100…

          • Allora giusto due conti…
            Eth 10/100/1000 bit/s
            Disco 70/80/90 Mbit/s se l’unità di misura non varia il rapporto è valido altrimenti come dici te con un disco sata ho 70/8 Mbyte/s quindi circa 1 Mbyte / s mentre la rete GbE me ne da a disposizione 125Mbyte.
            Una rete a 100Mbit/s mi da circa 2 MByte / s quindi il collo di bottiglia rimane il disco.
            Ergo a meno di usare ssd o sistemi di caching la GbE per scrittura su disco te la dai in faccia.
            Ecco perché nei controller raid dei server viene inserita un’unità solida destinata al caching…

            Ritornando a bomba sul discorso mila euro hai detto esattamente quello che ho detto io, se ti presenti all’azienda con un computerino assemblato o qualcosa che non sia anche esteticamente accattivante non ti si filano quindi viene da se che rasppi vale solo come fase di testing, cosa che sto ripetendo allo spasmo.
            Va da se che il parallelismo tra processori arm (soprattutto se a 64bit) è la tecnologia del futuro per i device embedded e low cost. Ora se a me si presentano con un server ultracorrazzato per fare da advanced firewalling e me lo mettono allo stesso prezzo di un equivalente arm allora lo posso anche valutare, ma poiché ciò non accade non ha neanche senso parlarne, la differenza sta nei consumi e non tanto nelle prestazioni le richieste computazionali di alcuni applicativi sono talmente ridicole che si potrebbero fare anche con i processori dei vecchi nokia 8230 in parallelo quindi non necessito obbligatoriamente di processori ultramoderni. E’ logico che se voglio tirar su un sistema di virtualizzazione non mi rivolgo al rasppi ma neanche al settore arm, ma se ad esempio voglio creare una soluzione per il monitoraggio della banda passante tra il gw e la wlan oltre che fare da filtro la velocità di calcolo del rasppi è addirittura troppa.

          • ale

            Ma la velocità dei dischi è sempre espressa in megabyte/s ! Se fossero megabit allora saremmo messi bene…
            Una gigabit la saturi con un normale disco sata 7200rpm che è sui 100/200megabyte/s di lettura e scrittura sequenziale in base al modello, ossia fra 800/1600 mebabit/s ! E non parliamo di ssd, che saturano l’interfaccia SATA da 6Gigabit/s e li si deve andare su ethernet a 10 gigabit e robe simili, che in ambito consumer non avrai per ancora molti anni

            E la cache su ssd sui server non serve proprio ad aumentare il trasferimento sulla rete, serve per velocizzare le applicazioni che girano sullo stesso server e per ridurre il tempo di accesso al disco…

            Poi a parte il discorso dell’estetica che bho mi sa che sei l’unico che va a vedere l’estetica di un server che finirà montato dentro un armadio rack e non lo vedrà mai nessuno, ma ti rendi conto che fare da firewall non è un operazione leggerissima, certo poi bisogna vedere cosa intendi per fare da firewall, un firewall che va ad analizzare ogni pacchetto che passa non è una cosa leggerissima, poi farlo in un azienda con per esempio 5000 pc connessi che mandano richieste penso sia un attimino diverso che farlo a casa su un raspberry

          • michele casari

            c’è anche la versione con windows 10.

    • Eh lo so ma io ammetto il wifi via usb, non me ne fotte della GbE ma almeno la doppia Eth opzionale no? Un paio di USB in meno per una Eth in più 😛

  • roberto mangherini

    mamma mia! averlo fatto prima lo avrei preso, oramai ho già il mio raspi.

  • Fabio

    Fighissimo! Io ho il B da 2 anni, che voi sappiate anche questa nuova versione ha il bus ethernet e usb condiviso? la trovo la più grande pecca… ma per carità, a quel prezzo ci mancherebbe!

    • Giorgio Aresu

      Purtroppo su quel fronte non è cambiato niente…

      • voit9

        azz brutta storia, quanto sarebbe grande il bus del pi?

        • Giorgio Aresu

          È tutto sui 480mbps dell’usb 2. In pratica al SoC è attaccato un Hub a 5 porte di cui una è usata da un usb-to-ethernet.. Questa è la pecca più grande per utilizzi tipo NAS/router

  • Voglio la doppia interfaccia di rete!!!

  • XfceEvangelist

    Ho il raspberry B, quando ci avevo installato un desktop tipo LXDE/XFCE il rendering era tutto software, morale cpu al 100% quasi di continuo.
    Sono riusciti ad abilitare le estensioni 3D della CPU? Cè un vero composing hardware adesso?

    • Davide Neri

      Sarà un problema del software mica dell’hardware…

  • g cong

    mi piacerebbe sapere se questo quad core, utilizzandolo come nas, sia in grado di farmi vedere i film a 1080p senza scatti, come invece fa il rasp mod b + che ho adesso….

    • Davide Neri

      Ti fa anche un litro di caffè annacquato americano mentre guardi l’ultimo “film” della Marvel.

      • Guest

        Ovviamente piratato, visto che personalmente non conosco tanta gente che sta li a comprarsi un bluray, ripparlo tutto su un nas fatto con un RPi per guardarlo in streaming in fullhd….ma sicuramente sarò io in malafede, come quando leggo che la gente modifica le console o scarica i crack per giocare con “le copie di backup” 😉

        • Ocelot

          Beh, con Assassin’s Creed 2 è successo nella versione PC x°D

    • BlueRazor

      Già il model B permetteva di riprodurre in fullHD. Dei usare omxplayer se sei su raspbian (vlc o altri player hanno bisogno di modifiche per sfruttare l’accelerazione HW) o installa Openelec se lo usi come media center. Fai un’overclock a 900MHz (io ho messo i dissipatori e le temperature restano molto basse) e non avrai nessun problema.

      Non ho capito che intendi con “utilizzandolo come NAS”. La potenza del processore (anche su quella nuova) non è sufficiente ad andare oltre i 100, forse 200Mb, che non sono sufficienti per uno streaming in FullHD. Il video deve essere un un supporto collegato direttamente (via USB o sulla SD).

      • Roran

        Sinceramente io con il model B + ci guardo i film a 1080p in streaming su rete wifi dal pc fisso, usando samba come server. Nemmeno uno scatto.

        • Tonio

          idem!

          • voit9

            confermo, forse questo nuovo pi sarà in grado di spingere agevolmente i 4k.

        • lpleo

          Anche io, stessa cosa ma con il modello B e via lan… Vero che la lan non tira tantissimo (mi pare di aver letto in giro non più di 6/10 MB (byte eh non bit) al secondo), ma è più che sufficiente per un mkv o un avi 1080p

  • Guest

    Se solo fosse a 8 core con 16 giga di ram due schede video in crossfire, un ssd miniaturizzato da 500 giga, potesse riprodurre i video 4d in 3D sul mio vecchio tubo catodico e costasse meno di 5 euro lo prenderei di sicuro, ma così…

    PS: a leggere certi commenti la gente non è veramente mai contenta! Persino chi si lamenta perchè i bus condivisi su una single board ARM adatta a mille scopi….Mah, contenti voi…

    • ZaccariaF

      A me basta che mi permetta di vedermi un HD di Kimberly Kane ⊙﹏⊙ mentre aspetto che SDCC abbia finito la compilazione e le 50 palanche le sgancio.

      • No vuole che lo proietti in olografica 3D e tangibile stile star treck e come se ciò non bastasse lo vuole con attivazione a comando vocale… Oddio sto ripensando ancora a quel commento sul comando vocale e mi viene in mente il cartone cars2 “oggi tutto è a comando vocale” ahuahuauhahuaauh

    • no grazie allora preferisco 8gb di ram a 0.99 euro spedizioni comprese… xD

      poi se possibile preferirei uno SLI piuttosto che un crossfire, nvidia va meglio con linux per ora

      • Guest

        Neanche se sui 5 euro ci sono le spese di spedizione, alimentatore, guscio, telecomando, una microsd da 256 mega (si sa mai finisca i 500 giga…meglio attrezzarsi), antenna satellitare, l’installatore dell’antenna satellitare (non il servizio, proprio l’installatore!), i popcorn (li fa l’installatore quando ha finito con l’antenna), un cavo HDMI->SCART e un materasso di mastrota?

        (offerta valida solo fino al settordici di maggiembre come le promozioni della ferilli)

  • Ino Nagh
  • Comprato (tra l’altro al day1… ) Spero che arrivi a breve (cosi utilizzero in altro modo il vecchio mod b)

  • mrholiday

    Considerando che Pi in inglese è quello che noi chiamiamo “pi greco” è un peccato che non l’abbiano chiamato Pi²

    • Eugenio

      in realtà Pi sta per Pie, torta, Raspberry Pie, torta di lampone

      • mrholiday

        ti devo correggere. PI si pronuncia Pai e significa esattamente “pi greco”. PIE si pronuncia anch’esso Pai e significa torta. E’ ovvio che l’ambiguità è voluta, in inglese si chiama PUN un gioco di parole

        • Giangi

          Vi devo correggere tutti……PI non è altro che un diminutivo di Pewdiepie, è lui che ha in mano il progetto….E’ lui che controlla tutto….E’ lui che governerà il mondo.

          • Antobot

            Pi, stà per Python…

          • gnaso

            la terza versione si chiamerà PiKappa, come le nuove avventure di Paperinik 😉

          • Ragazzi vi devo correggere, ma non ne ho voglia adesso.

          • Iononsoleggere

            Ragazzi devo… puf….

    • TopoRuggente

      Effettivamente anche noi dovremmo chiamarlo solo Pi che è il nome della lettera in alfabeto greco.

      Questa A non la chiamiamo A italiana.

  • DigiDavidex

    Alla fine dopo tanto casino mi toccherà cambiare la scheda :p
    http://youtu.be/uN1HdNZlp8Q

  • Federico Paolini

    Giusto per essere precisi ed evitare che la gente corra a comprare il Pi2 convinta di poter usare Win10. Le versioni Windows e Ubuntu non sono quello che vi aspettate. Si tratta di Windows 10 IoT e Ubuntu Snappy. Si tratta di versioni stripped per Internet Of Things, quindi non hanno GUI e non è possibile eseguire i normali programmi .exe ma sono pensate per dispositivi intelligenti. Lo stesso Win10 IoT al momento non è disponibile liberamente, ma solo agli sviluppatori che dichiarano quale utilizzo ne vorranno fare descrivendo in dettaglio il loro progetto (robotica, domotica, ecc.)

  • Brau

    Processore Broadcom?!? N’artra volta? Così, per farci dare i sorgenti per Android, dobbiamo fare un’altra petizione? Per me, scaffale -_-

  • xion

    dove lo posso acquistare? ormai costa sui 50€ in italia con tasse e spese di spedizione

  • Orban

    Winzozz anche qui?? Poi ci faranno pure l’antivirus che se no mi impazzisce il robottino!!

    • Antobot

      Gli attuali virus non girano su piattaforme Arm (tranne che non abbiano come Os Android).
      Comunque nessuno ti costringe ad installarlo…

No more articles