Canonical ha presentato il nuovo Ubuntu Snappy, versione della famosa distribuzione Linux specifica per piattaforme IoT.

Ubuntu Supported by Canonical
Sono molte le aziende a puntare su nuove piattaforme IoT (Internet of Thinghs), sistemi connessi ad internet come ad esempio nuove tecnologie indossabili, sistemi di video sorveglianza, termostati di nuova generazione, droni, single board  ecc. A puntare su nuove piattaforme IoT troviamo anche Canonical con una versione di Ubuntu dedicata denominata Snappy presentata nei giorni scorsi.

L’idea di Canonical è quella di fornire un sistema operativo stabile, sicuro e leggero in grado di supportare al meglio dispositivi di nuova generazione basati sia su architetture ARM che X86.
Ubuntu Snappy è quindi una versione dedicata a sviluppatori ed aziende dai requisiti minimi davvero molto interessanti dato che supporta cpu da 600MHz o superiore e 128 Mb di RAM (ricordo che parliamo di un sistema operativo base senza ambiente desktop che richiede circa 40 MB di RAM per avviarsi).

Caratteristica davvero molto importante di Ubuntu Snappy è quella di garantire un sistema operativo stabile, in caso di problemi con aggiornamenti di kernel o altro, il sistema operativo è in grado di riavviarsi senza problemi dato che automaticamente andrà ad ignorare i vari update corrotti.

Canonical ha indicato che la versione “stabile” di Ubuntu Snappy verrà rilasciata ad aprile in concomitanza con Ubuntu 15.04 Vivid, per maggiori informazioni consiglio di consultare la pagina dedicata dal portale Ubuntu.

  • Guest

    Debian vieni a me…

    • Leonardo Mazzone

      Perchè?

      • LelixSuper

        Perchè Ubuntu sta diventando per tablet e per touch…ma il mio è un PC!

        • -.-

          ma hai usato la dash almeno una volta? questi ragionamenti sono davvero assurdi: come puoi criticare un paradigma di utilizzo solo sulla base del metodo di input? allora torniamo a emacs o vim,quelli si che erano adatti al pc, non ti lasciavano usare nemmeno il mouse! o magari direttamente alle schede perforate…

          • LelixSuper

            Secondo te io non l’ho utilizzata .-.?

          • -.-

            questo non posso saperlo, ma la questione non cambia: criticare un intero sistema operativo perchè utilizza una modalità di input non convenzionale (in ambito PC, si intende) resta un’affermazione poco sensata, se non viene supportata da motivazioni valide.

          • Daniele Cereda

            diciamo che la cosa”strana” è questo continuo sviluppo che parte per il mobile e approda al fisso…personalmente non credo si possa arrivare,come pretende l’astronauta Mark,ad un qualcosa che è esattamente replicabile su device mobili e fissi,pena perdere la natura del device stesso,in soldoni:col pc ci lavoro,di tanti fronzoli non me ne faccio molto,saranno fighi e carini ma l’utilità di base c’è ed è poca su un fisso,forse bisognerebbe pensare a diversificare la versione per mobile e per pc invece che volerla fondere a tutti i costi.per quanto Apple non mi piaccia non ha mai preteso che iOs6 o adesso 7 fosse esattamente replicabile su un imac,quello ha un’altro sistema e un’altro scopo….non vorrei ritrovarmi con un telefonino gigante tra le mani quando mi serve un pc per lavoro.

          • Alessandro C.

            in realtà anche apple sta facendo lo stesso processo.. vedi launchpad o la nuova app mappe (chi ha bisogno di un’app mappe direttamente su pc!?). l’importante secondo me è riuscire a mantenere un distacco fra le due piattaforme. due interfacce per due scopi diversi, che si uniscono in piccoli elementi. fino ad ora va benissimo

        • Leonardo Mazzone

          Il controllo vocale è figo anche da PC 😉 Ormai sono assuefatto alle ricerche vocali su google, e aspetto con ansia un supporto per FF

  • roberto mangherini

    questo modulo utilizza la connessione internet?

No more articles